Piccoli elettrodomestici

I piccoli elettrodomestici da cucina sono quegli utili e allegri amici che ci aiutano a preparare degli ottimi manicaretti senza fatica… e spesso senza neanche sporcarci le mani. Impara a conoscere i piccoli elettrodomestici da cucina, ad apprezzarli, a usarli e a sceglie solo le marche migliori, continuando a leggere questa guida.

Il banchi dei negozi specializzati e dei centro commerciali, ma spesso anche la nostra cucina, sono ormai popolati da una miriade di apparecchi detti “piccoli elettrodomestici“, che aiutano nella preparazione di alcuni cibi. Tostapane, spremiagrumi, frullatore, sono solo alcuni esempi.

In questo articolo troverete elencati tutti i piccoli elettrodomestici che possono trovare posto in cucina, le loro funzioni, le indicazioni per leggerne la scheda tecnica e i consigli per sapere come sistemarli al meglio in cucina.

Piccoli elettrodomestici per la cucina

Meraviglie della tecnologia e alleati indispensabili in cucina, i piccoli elettrodomestici entrano ormai a pieno titolo tra gli strumenti che ci aiutano a preparare le pietanze e soprattutto gli sfizi, che ci facilitano la vita da cuochi svolgendo velocemente e senza sforzo per noi alcune attività e che attrezzano all’ultimo grido la nostra cucina, talvolta rallegrandola, talvolta dandole quel tocco di design tecnologico in più.

Ottimi anche come regali, i piccoli elettrodomestici necessitano comunque di essere scelti accuratamente; infatti tali apparecchi sono innumerevoli in commercio e ognuno ha una sua funzione e diverse declinazioni possibili.

In questo articolo si farà una panoramica dei principali piccoli elettrodomestici in commercio utili ai lavori da svolgere in cucina, con l’intento di fornire un pratico elenco corredato di funzioni di tutti quegli apparecchi che potrebbero servirci, e capire di conseguenza quali acquistare in relazione alle nostre abitudini.

Piccoli elettrodomestici

Quali sono i piccoli elettrodomestici

La locuzione “piccolo elettrodomestico” indica un apparecchio elettronico, talvolta anche altamente tecnologizzato, oppure meccanico ad alto livello, di piccole dimensioni; spesso le funzioni che tali apparecchi possono presentare sono molteplici, esattamente come negli elettrodomestici “grandi”.

I piccoli elettrodomestici hanno anche il prezzo più piccolo solitamente rispetto agli elettrodomestici tradizionali, anche se il costo dipende strettamente dal numero e dalla qualità di funzioni di cui l’apparecchio è dotato, oltre che (sempre più spesso) dall’estetica e dal design di cui è provvisto.

Girando il reparto di elettronica di qualunque centro commerciale o ipermercato, si possono trovare tantissimi tipi di piccoli elettrodomestici. Ecco un elenco dei principali utilizzabili in cucina, raggruppati per categorie. Per aiutarci a cuocere i cibi ci sono:

  • tostapane
  • sandwich maker
  • bistecchiera
  • cuocipasta
  • vaporiera
  • fornetto elettrico
  • macchina per la fonduta

Per scaldare i cibi o le bevande ci sono:

Per aiutarci a preparare le pietanze o le bevande:

  • tritatutto
  • tritacarne
  • centrifuga
  • spremiagrumi
  • coltello elettrico
  • scolainsalata
  • pelaverdure
  • affettatrice
  • grattugia
  • frullatore
  • sbattitore

Per preparare sfizi e particolarità:

Per aiutarci a conservare i cibi:

  • macchina per il sottovuoto

Per aiutarci a tenere pulita la cucina:

  • aspirabricole
  • umidificatore

Per aprire i contenitori chiusi ermeticamente:

  • apriscatole

Per aiutarci con le pappe per i bebè:

  • scaldabiberon
  • omogeneizzatore

Le funzioni dei piccoli elettrodomestici

Alcuni tra i piccoli elettrodomestici hanno funzioni che si intuiscono dal nome stesso; ma per altri il rapporto tra nome e utilizzo è meno immediato, ecco quindi spiegato il motivo per cui occorre approfondirne le caratteristiche e le finalità, in maniera da capire bene a cosa servono e soprattuto s ci servono davvero. Altrimenti, il rischio è quello di acquistare oggetti futuristici dai nomi fantasiosi e altisonanti, che costano un bel mucchio di denaro, ma che sarnno destinati a impolverari negli scaffali della nostra dispenza.

Piccoli elettrodomestici

Tostapane

La funzione del tostapane è nota a tutti: in genere il tostapane prepara fino a due toast contemporaneamente; il timer permette di impostare il tempo di cottura (di solito di qualche minuto), allo scadere del quale il tostapane emette un rumore e l’apparecchio si spegne; inoltre è spesso possibile regolare la temperatura. Le griglie che contengono i toast sono sfilabili per trasportare i toast senza bruciarsi e per poter essere lavate a parte (spesso infatti proprio alla griglia si attacca il formaggio che fonde e cola dal toast durante la cottura).

Sandwich maker

Il sandwich maker è un’evoluzione del tostapane: consta in due piastre su cui viene distribuito il calore dalla corrente, le quali si chiudono orizzontalmente, incastrando in mezzo il panino da cuocere. Si possono cuocere così oltre che toast, anche hamburger, hod dog, sandwich di qualunque genere. Le due piastre sono smontabili in genere, per essere lavate accuratamente a parte.

Bistecchiera

La bistecchiera ha un aspetto simile a quello del sandwich maker, soltanto leggermente più grande e completa di scanalature sulle piastre, dove si raccolgono i sughi in eccesso della carne. Inoltre la temperatura di cottura da impostare può essere assai più alta di quella di un sandwich maker.

Bilancia

La bilancia per pesare gli alimenti serve appunto a dosare la quantità di cibo da preparare. Utilissima per le diete, dove il peso degli alimenti è da rispettare alla lettera, serve anche per preparare la giusta quantità di cibo per se stessi ma anche e soprattutto per gli ospiti. Le bilance possono essere meccaniche o elettroniche-digitali. In questo ultimo caso, le bilance sono dotate di un piccolo display digitale dove il peso appare e risulta il più dettagliato possibile. Molto importante nelle bilance digitali da cucina la funzione “tara”: mettendo infatti un contenitore sulla bilancia, che ci servirà poi a contenere direttamente la pietanza da preparare o per trasportare gli ingredienti in pentole o terrine, e premendo successivamente il tasto “tara”, la bilancia si azzera nuovamente, considerando poi solo il peso che verrà aggiunto al contenitore da questo momento in poi. Meglio scegliere una bilancia provvista di un proprio contenitore per gli alimenti (che solitamente è smontabile, per poter spostare facilmente i cibi pesati in altri contenitori come pentole o piatti, e per farle occupare meno spazio quando è necessario riporla dopo l’utilizzo), perché risulterà più comoda da utilizzare.

Centrifuga

La centrifuga forse è uno di quei piccoli elettrodomestici di cui non è chiara immediatamente la funzione, almeno a chi non ama frutta e verdura. La centrifuga infatti serve per preparare appunto centrifugati, una sorta di succhi spolpati, ricavati da frutta e/o verdura. Si inseriscono il frutto sbucciato e a pezzi, o la verdura a pezzi, dall’apposita apertura, e li si preme contro la parte dell’apparecchio che azionato dalla corrente, separerà la polpa dal succo. A questo punto il succo scenderà da un boccaglio direttamente in un bicchiere che noi avremo posizionato sotto. Il preparato sarà così già pronto da bere. Alcuni modelli di centrifughe separano anche il frutto dalla sua buccia. La centrifuga oltre a permettere di avere bevande gustose e nutrienti o dietetiche subito pronte, è anche un diversivo divertente per creare mix di gusti sempre nuovi da bere.

Spremiagrumi

Lo spremiagrumi serve per estrarre il succo di arance, mandarini, limoni. Oltre a quelli tradizionali, da utilizzare a mano, esistono gli spremiagrumi elettrici, che ci permettono di ottenere il succo dagli agrumi senza il minimo sforzo. Lo spremiagrumi è un elettrodomestico che possiamo trovare dal più semplice al più sofisticato, dal più piccolo a quello grande come un frullatore, fino a quelli con forme e materiali particolari, che sono dei veri e propri pezzi d’arredo per la cucina ultramoderna.

Impastatrici per pasta, pane, pizza

Questi elettrodomestici servono a impastare e dare forma alla pasta: quella vera e propria, quella per il pane e quella per la pizza. Si tratta di apparecchi da acquistare solo se si è capaci di preparare da soli queste pietanze di per sé piuttosto complicate, e se sono cibi che piace preparare in casa spesso.

Cuocipasta

Il cuocipasta è un particolare elettrodomestico che cuoce la pasta al posto nostro. Basta mettere l’acqua al livello per una, due, tre o quattro persone nell’apposita particolare pentola; ricordarsi di salarla al punto che ci piace; poi occorre mettere la pasta nell’altra pentola, che appare come un grande scolapasta, che si sistema più in alto rispetto alla pentola dell’acqua, in una posizione stabilita dall’elettrodomestico stesso tramite uno scatto; prima di avviare la macchina si può anche riempire un contenitore apposito con un sugo da riscaldare. A questo punto si impostano sul display i minuti di cottura per quel tipo di pasta e si avvia l’apparecchio. In alcuni modelli è anche possibile programmare l’ora in cui la pasta dovrà essere pronta, con partenza posticipata anche di alcune ore.

Popcorn, gelatiera, yogurtiera e cioccolatiera

Si tratta di piccoli elettrodomestici che partendo da alcuni ingredienti di base, fabbricano per noi in casa popcorn, gelato, yogurt genuino e particolari miscele di cioccolato e altri gusti. Molto utili e diffuse la gelatiera e la yogurtiera. Sono apparecchi che ci permettono di preparare cose insolite, da offrire agli amici o per coccolare noi stessi, da gustare vedendo un film, in un pomeriggio caldo oppure d’inverno al calduccio.

Scolainsalata

Lo scolainsalata è un elettrodomestico che serve appunto a scolare l’insalata appena lavata, dai residui d’acqua, perché sia pronta da condire; tutto questo senza il minimo sforzo da parte nostra.

Pelaverdure

Si tratta di una sorta di coltello rotante con un’impugnatura comoda per la mano, che toglie velocemente e con precisione la buccia alle verdure, come carote, patate, etc. Oltre a permetterci di svolgere questa noiosa operazione con rapidità, l’apparecchio pela senza andare troppo in profondità, evitando così di tagliare anche la parte mangiabile della verdura. Tale apparecchio si attacca alla corrente per ricaricarlo, ma normalmente funziona a batteria.

Coltello elettrico

Tale elettrodomestico consta in un manico a cui si possono intercambiare diverse lame per il taglio di pietanze diverse. Si può scegliere la velocità di taglio e solitamente funziona a batteria, da collegare alla corrente periodicamente per ricaricarla. Il coltello elettrico è particolarmente indicato per tagliare la carne, ma anche per il pane o la verdura.

Frullatore

Il frullatore è un elettrodomestico che sminuzza alimenti non troppo duri e li mescola insieme, per dare vita appunto ai frullati, che possono essere di frutta, di carne, di verdura, di gelato, etc. Ne esistono provvisti di contenitore graduato, da poter chiudere, oppure ne esistono a immersione, piccoli e pratici, da utilizzare direttamente nei contenitori da cui poi si berrà il preparato: l’unico inconveniente di questa ultima variante è che durante l’immersione si possono creare schizzi che vanno a sporcare tutto intorno.

Sbattitore

Detto anche frusta, serve per sbattere e montare per esempio le uova con lo zucchero, oppure la panna. E’ un elemento che non può mancare nelle case di tutti quelli che amano preparare dolci. Cambiando le pale rotanti o fruste (che generalmente si espellono per essere pulite semplicemente schiacciando un pulsante) con altre date solitamente in dotazione, si può anche impastare gli ingredienti invece che montarli.

Bollitore

E’ un apparecchio che azionato elettricamente, scalda le bevande fino alla temperatura desiderata, che si può impostare prima dell’accensione. Alcuni modelli sono dotati di timer, per impostare per esempio la preparazione del latte o del tè caldi al mattino per la sveglia.

Robot da cucina

Alcuni piccoli elettrodomestici uniscono più funzioni in uno stesso apparecchio. E’ il caso dei robot da cucina, che uniscono spesso funzioni come tritare, frullare, montare, ridurre in purea, etc, semplicemente cambiando gli accessori in dotazione.

Cappuccinatore

Ne esistono di diversi tipi: c’è quello a immersione, c’è quello che sbatte il latte con il caffè a caldo, ci sono le macchine per il cappuccino che si utilizzano come le normali caffettiere, solo con l’aggiunta di latte. In tutti i casi, il cappuccinatore serve per creare la miscela e la schiuma tipiche del cappuccino. Attenzione però che latte (consigliato intero e a temperatura ambiente) e caffè devono essere dosati in modo assolutamente giusto, altrimenti il cappuccino non viene affatto bene.

Grattugia elettrica

Si tratta di un piccolo elettrodomestico che ci evita la fatica di passare il pezzo di formaggio duro sulla grattugia tradizionale: senza sforzo infatti, la grattugia elettrica è azionata elettricamente e sminuzza il formaggio nel taglio desiderato, basta premere un pulsante. Le grattugie elettriche possono essere di due tipi: a batteria e con l’impugnatura comoda per una mano, da utilizzare direttamente sopra ai piatti; a corrente, dotati di contenitori per raccogliere il formaggio grattugiato da distribuire successivamente. Alcuni modelli possono combinare le due varianti.

Affettatrice

Si tratta proprio di quella macchina dotata di lame regolabili che serve per affettare i salumi, la stessa che utilizzano i macellai in negozio, soltanto in dimensioni ridotte. Questo è un elettrodomestico da utilizzare solo se si è particolarmente abili e capaci, poiché può essere molto pericoloso: il rischio di tagliarsi le dita in modo grave è infatti alto.

Macchine per il caffè

Esistono innumerevoli modelli di macchine per fare il caffè, espresso o americano, da appoggio o da incasso. Per informazioni approfondite sulle macchine per il caffè, si rimanda all’articolo apposito su questo sito. Sempre più diffuse le macchine per il caffe in cialde.

Macchina per il sottovuoto

Inserendo l’estremità aperta di un sacchetto per alimenti, contenente una pietanza da conservare a lungo, nella fessura apposita di questo elettrodomestico, esso chiuderà ermeticamente il sacchetto e contemporaneamente succhierà via l’aria dal sacchetto stesso, creando all’interno le condizioni del sottovuoto, che conserva appunto più a lungo i cibi freschi. Questo è un elettrodomestico da acquistare nel caso in cui si faccia la spesa poco di frequente, per non rischiare di far andare a male i cibi comprati o preparati.

Aspirabriciole

Si tratta di un aspirapolvere in miniatura, spesso dotato di diversi accessori intercambiabili per aspirare in modo diverso, con una o due velocità di aspirazione e filtro ricambiabile oppure apribile, in modo da poterlo pulire ogni volta che si ottura. Con questo apparecchio possiamo facilmente far sparire briciole e residui solidi di cibo dal tavolo, dal piano di cottura, dal piano di lavoro. Solitamente l’aspirabriciole utilizza una batteria da attaccare alla corrente ogni volta che necessita di ricarica.

Fornetti elettrici

Si tratta di veri e propri forni in miniatura, dove si possono impostare tempo e temperatura e che possono ospitare al loro interno anche due ripiani per cuocere due pietanze diverse contemporaneamente. Le piccole dimensioni permettono di poterli appoggiare praticamente ovunque, ma non di poter cuocere grandi teglie di cibo. Talvolta anche i forni a microonde sono considerati piccoli elettrodomestici.

Tritatutto, tritacarne e tritaghiaccio

Il tritatutto è un elettrodomestico dove in un contenitore spesso graduato, delle lame azionate dalla corrente, sminuzzano e tritano ogni tipo di alimento, con l’eccezione di quelli troppo duri come il ghiaccio, per cui esiste invece il tritaghiaccio, fornito di lame più resistenti e taglienti. Tagliare in piccoli pezzi, ridurre in purea, tritare sono le principali funzioni del tritatutto, che ci rende le cose facili, in quanto per ottenere tritati o puree, non dovremmo fare altro che schiacciare un pulsante per azionare l’apparecchio e uno per regolarne la velocità di taglio. Il tritacarne è una versione particolare del tritatutto pensata apposta per la carne, con lame apposite per questo tipo di alimento.

Vaporiera

E’ un elettrodomestico che permette di cuocere gli alimenti a vapore, senza utilizzare il piano di cottura e pentole apposite, in quanto si collega direttamente alla corrente.

Macchina per la fonduta

Detta anche bourguignonne, è utilizzata per ricavare appunto la fonduta dal formaggio solido, senza usare il piano di cottura.

Umidificatore

Si tratta di un apparecchio di piccole dimensioni che assieme al funzionamento della cappa, permette di purificare l’aria e di togliere umidità e quindi anche residui grassi di cibo nell’aria, dopo che la cucina è stata utilizzata appunto per cucinare. Tale elettrodomestico, utile anche per tenere tutte le superfici della cucina in perfetta pulizia (anche le piastrelle), spesso si può installare al muro, oltre che appoggiare su un top della cucina.

Scaldabiberon

Si tratta di un elettrodomestico dove si può inserire il biberon con il latte da scaldare per il piccolo, alla temperatura desiderata. E’ anche utile per le trasferte fuori casa, in quanto permette di scaldare il latte per il bimbo senza ricorrere al piano di cottura ed evita anche di scaldarlo troppo, controllando quindi il rischio di ustioni e scottature.

Omogeneizzatore

Si tratta di un elettrodomestico che frulla vari alimenti insieme e li riduce alla consistenza di un omogeneizzato pensato apposta per i bebè. Molto utile per preparare pappette nutrienti ai bimbi, con carne, verdura, pesce, frutta e quant’altro.

Dove metterli in cucina

Leggere la scheda tecnica dei piccoli elettrodomestici

Anche i piccoli elettrodomestici sono dotati di schede tecniche, come tutti gli apparecchi elettronici, utili da saper leggere al momento dell’acquisto.

Naturalmente la scheda cambia da prodotto a prodotto e da marca a marca. Tuttavia alcune informazioni sono comuni:

  • le funzioni dell’apparecchio, nel caso sia un multifunzione
  • capacità dei contenitori, espressa in litri o in grammi (nel caso l’elettrodomestico sia dotato di contenitore graduato)
  • potenza di consumo espressa in watt
  • dimensioni in cm
  • accessori in dotazione (come quali e quante fruste, quali e quante lame, etc)
  • velocità di rotazione disponibili (nel caso di tritatutto, frullatori, etc)
  • presenza o meno del timer per programmare la partenza posticipata
  • la presenza o meno di un display digitale


3 Commenti

  1. lucia
  2. gian luca
  3. gian luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *