Acquistare climatizzatore

Al momento di scegliere il climatizzatore per la vostra casa o il vostro ufficio, che sia di tipo mobile o fisso, ecco sorgere i primi dubbi: quale marca, ma soprattutto quale modello. Il primo approccio al mondo di questi elettrodomestici è impattante e lascia perplessi i non addetti ai lavori. Si incappa infatti in una miriade di modelli, una jungla di valori e termini tecnici; la stessa scelta tra macchina mobile e impianto fisso diventa un rebus. Ecco quindi questo nostro articolo interamente dedicato alla scelta e all’acquisto del climatizzatore (da tanti detto semplicisticamente “condizionatore”), che vi offre tutte le informazioni essenziali per districarvi e per fare la scelta giusta.

Acquistare il climatizzatore: cosa valutare per la scelta

Acquisto climatizzatore: ci siamo! Ecco giunto il momento di recarci dal rivenditore o negozio per acquistare il nostro “sudato” climatizzatore, ma non dobbiamo dimenticare che è giusto e necessario tener conto di molti elementi, da valutare attentamente prima dell’acquisto. Chiediamoci se lo abbiamo fatto.

  • dimensioni e forma dei locali
    da climatizzare influiscono sulla scelta di quale tipo di climatizzatore scegliere, se fisso, portatile, monoblocco, split, mono, dual, multi, a parete, a pavimento o a soffitto e quindi di quante unità interne dover usufruire. Essendo un calcolo complicato, è bene far effettuare un sopralluogo da tecnici specializzati, oppure visitate il sito http://www.delonghi.it/, dove una tabella appositamente compilata vi aiuterà a capire su quale tipo di climatizzatore orientarvi
  • orientamento dello stabile
    in base all’esposizione al sole e al piano in cui è collocato l’appartamento, permettono di capire quale potenza è effettivamente necessaria per climatizzare i locali
  • numero di persone
    che vivono nella casa da climatizzare
  • materiali costruttivi e tipo di isolamento
    di cui è dotata la casa, poiché se gli infissi e le pareti sono buoni, i consumi energetici sono inferiori
  • dimensione di finestre
    e porte-finestre, poiché superfici vetrate ampie favoriscono l’accumulo di calore
  • zona climatica
    e temperature medie della località di residenza influiscono sulla scelta della potenza del climatizzatore
  • calcolare se per il normale funzionamento, anche insieme ad altri elettrodomestici, sono sufficienti i 3 kw disponibili per l’utenza domestica per quanto riguarda l’energia elettrica, o se è necessario chiedere il potenziamento a 6 kw

acquistare il climatizzatore

Altri fattori da valutare prima dell’acquisto

  • il costo dell’installazione, non compreso nel prezzo esposto al pubblico, che può aumentare quest’ultimo del 20-40%
  • nell’etichetta energetica, tutte le informazioni riportate devono corrispondere alle esigenze emerse dall’analisi effettuata prima dell’acquisto, di cui si è parlato poco sopra
  • bisogna informarsi sugli interventi di manutenzione periodica necessari e sui relativi costi
  • usufruire di contratti per gli interventi di manutenzione che offrano eventualmente compreso nel prezzo il prolungamento della garanzia oltre i due anni normali: sono offerte frequenti
  • accertarsi, visitando il sito del governo http://www.governo.it/ o chiedendo al negoziante, che siano possibili eventuali detrazioni fiscali per il rinnovamento dell’impianto di climatizzazione e riscladamento

Acquistare climatizzatore: leggere l’etichetta

Per legge, anche i climatizzatori, come tutti gli elettrodomestici, devono essere dotati di un’etichetta energetica che riporti tutti i dati relativi ai consumi dell’apparecchio. Sull’etichetta dei climatizzatori in particolare, possiamo leggere i dati relativi a:

  • potenza assorbita
    espressa in watt
  • potenza resa
    espressa in Btu (British Thermal Unit), che solitamente corrisponde a tre volte circa la potenza assorbita
  • classe di efficienza energetica
    espressa in lettere dell’alfabeto dalla A alla G. La classe A corrisponde al consumo energetico più basso, quindi migliore
  • capacità di deumidificazione
    che indica la quantità di aria che viene deumidificata in un’ora, espressa in litri
  • rumorosità massima interna
    è il livello massimo di potenza sonora dell’unità interna, espressa in decibel.

I primi tre parametri valgono sia per il raffreddamento che per il riscaldamento

Scelta dell’impianto di climatizzazione fisso

Innanzitutto è bene ricordare che se si desidera far installare un impianto di climatizzazione fisso, è necessario il sopralluogo preliminare e l’intervento successivo all’acquisto, di un tecnico specializzato.

Nel caso dell’impianto fisso, è maggiormente diffuso lo split, suddiviso tra unità interna e unità esterna, che può essere mono, dual o multi. Al momento della progettazione, bisogna tenere conto che un’unità esterna si può collegare a un massimo di 4 unità interne o multisplit. Ricordate inoltre che ogni unità interna necessita di:

  • collegamento all’impianto elettrico
  • una conduttura in rame all’interno della quale circoli il gas refrigerante
  • un tubo collegato con l’esterno per l’espulsione della condensa, che può essere scaricata in un pluviale o in una bacinella sul balcone o sul terrazzo
  • tracce a parete, per cui sono necessari lavori murali, per inserire le condutture oppure canaline in plastica per evitare di rompere i muri

Al termine dell’installazione di un impianto da parte di un tecnico specializzato, ricordate che questo deve rilasciarvi la dichiarazione di conformità dell’impianto stesso.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *