Rischi e pericoli della dieta detox

Una dieta creata apposta per cercare di migliorare il nostro stato di salute eliminando gli eccessi non dovrebbe avere controindicazioni, giusto? Invece le cose non stanno esattamente così…

Rischi della dieta detox

Rischi e pericoli della dieta detox, ne esistono?

Sappiamo benissimo che qualsiasi tipo di comportamento nella vita se portato all’estremo non può che produrre dei danni. Dunque dobbiamo specificare che esistono dei ben specifici rischi e pericoli della dieta detox che andrebbero conosciuti prima di intraprendere questo determinato approccio alimentare. Una dieta detox è una dieta che si prefigge di disintossicare l’organismo tramite l’ esclusiva assunzione di cibi naturali, leggeri e meno raffinati industrialmente possibili: banditi inoltre alcol, thè, caffè e cibo spazzatura in generale ed inoltre si dovrebbero assumere meno farmaci possibili ed iniziare pratiche rilassanti come lo yoga o la meditazione.

Inoltre andrebbero affiancati sistemi detox paralleli come l’acqua detox o sedicenti terapie chelanti di dubbia validità scientifica riguardo ai quali ci sono molte controversie. Ora, se è chiaro che in un soggetto sano un progetto del genere non può che apportare benefici anche palpabili, ci sono dei doverosi distinguo da fare. Ad esempio: molti considerano cibo spazzatura anche solo una semplicissima fettina di carne o, più in generale, qualsiasi alimento di origine animale.  Capite dunque da soli come una dieta detox in determinate condizioni, come la gravidanza o la crescita, possa essere perfino dannosa permettendo lo sviluppo di carenze alimentari che solitamente nel primo mondo sono molto difficili da osservare.

Una dieta per periodi limitati

Dunque per capire quali sono i rischi e pericoli della dieta detox dobbiamo specificare che se ad intraprenderla per un periodo di tempo limitato è un soggetto sano, allora le possibili conseguenze negative sono ridotte al minimo, diverso è invece il discorso per altre categorie di persone. Ad esempio, ultimamente si è registrata una tendenza a consigliare una dieta detox a chi si trova a recuperare dopo una chemioterapia: è chiaro che questi soggetti dovranno in realtà seguire un approccio alimentare altamente energetico e che sia stato tassativamente prescritto da un medico.

Se poi si prendono in considerazione quelle tipologie particolari di dieta detox in cui si arriva a consigliare il digiuno protratto od il consumo esclusivo di frutta e verdura crude – metodiche che in teoria dovrebbero permettere di eliminare queste fantomatiche “tossine” accumulate nel corpo – allora l’alt si applica anche a soggetti sani. Sono approcci alimentari drastici che se seguiti per troppo tempo portano inevitabilmente a carenze vitaminiche e non solo, con rischio di gravissimi danni per la salute, specie se si considerano le numerose sostanze (pesticidi ecc) presenti all’interno della buccia della frutta.

Ricordiamo inoltre che, anzi, durante un digiuno prolungato od il consumo esclusivo di verdura è spesso e volentieri l’organismo stesso che produce delle sostanze conosciute come corpi chetonici, sostanze che a lungo andare tutto sono meno che benefiche per la salute: il nostro consiglio è sempre quello, se si vuole migliorare il proprio stato di salute, di rivolgersi a un medico piuttosto che cercare diete astruse su internet.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *