Carta Postepay

Guida all’uso sicuro della PostePay. La carta PostePay è una carta di credito ricaricabile firmata Poste Italiane che per le sue caratteristiche viene utilizzata spesso e volentieri anche per gli acquisti in internet. Scopri come funziona e come puoi ottenere il meglio dalla tua PostePay, semplicemente continuando a leggere!

Carta Postepay: il credito virtuale di Poste Italiane

<<La carta prepagata che fa girare il contante. Senza contanti. >> questo è uno degli slogan classicamente attribuiti alla carta PostePay.

La carta PostePay è una carta di credito pratica ed economica per gestire un conto personale. Tale servizio è garantito dalle Poste Italiane in concomitanza con Visa Electron. Ciò che rende questa carta una delle più diffuse ( solo nel 2006 ne erano state vendute oltre due milioni) è di sicuro il costo esiguo d’attivazione.

Per ottenere una propria carta è sufficiente andare alla Posta e pagare 5 euro d’attivazione. Gli unici documenti richiesti sono la carta d’identità ed il codice fiscale. Forniti tali dati viene in poco tempo attivato un conto personale prepagato in cui è possibile versare del denaro tramite ricariche e prelevare in qualsiasi momento digitando allo sportello il codice di sicurezza allegato.

Carta Postepay

La carta Postepay è veramente di semplice utilizzo, a tal punto che ne è stata ideata una versione anche per i ragazzi con età inferiore ai 18 anni che possono richiederla accompagnati dai genitori. È infatti disponibile la versione Junior (fino a 18 anni) e quella Standard (utilizzabile tranquillamente da chiunque abbia compiuto 18 anni).

Tramite carta PostePay è possibile prelevare e pagare presso tutti gli uffici postali. I contanti sono prelevabili sia agli sportelli automatici PostaMat che a quelli delle banche che espongono marchio Visa e Visa Electron.

La PostePay è una carta utilizzabile in tutto il mondo, secondo il seguente tariffario:

  • Costo attivazione e rilascio: 5 euro
  • Ricarica presso gli uffici postali : 1,00 euro
  • Ricarica da Internet : 1,00 euro
  • Ricarica da ATM Postamat con Postepay, carta Postamat Maestro, Inps Card: 1,00 euro
  • Ricarica da ATM Postamat con carte di pagamento abilitate ai circuiti internazionali Visa, Visa Electron, Mastercard, Maestro : 3,00 euro
  • Prelievi presso gli ATM/POS Postamat : 1,00 euro
  • Prelievi presso gli ATM VISA/VISA Electron (Italia – paesi Euro): 1,75 euro
  • Prelievi presso gli ATM VISA/VISA Electron (paesi non Euro) 2,58 euro
  • Pagamenti presso gli uffici postali: 1,00 euro
  • Pagamenti tramite POS VISA/VISA Electron : Gratuiti
  • Ricariche cellulari 1,00 euro
  • Blocco della carta Gratuito
  • Rimborso/estinzione 2,00 euro
  • Sostituzione 5,00 euro

(Fonte dati www.poste.it)

Carta PostePay: vantaggi e svantaggi

Chi è solito compiere acquisti online si sarà di certo imbattuto in dibattiti relativi l’utilizzo della carta PostePay. Vi sono, infatti, pareri discordanti riguardo alla sicurezza di tale carta. C’è chi sostiene che sia comodissima da utilizzare e che, in protezione di chi se ne avvale, vi sia la tranquillità di un codice di sicurezza composto da 5 cifre. D’altro canto vi sono persone che giudicano insufficienti tali cifre, pensando che sia facile tramite i giusti programmi, trovare la combinazione giusta e riuscire a raggirare tali mezzi di protezione.

Sono inoltre noti alle forze dell’ordine casi particolari di raggiro.

Poniamo il caso di un venditore che su Ebay inserisca inserzioni fittizie. Aggiudicatisi gli oggetti gli acquirenti procedono con il versamento dei fondi direttamente sulla carta PostePay i cui dati vengono forniti dal venditore. A questo punto l’intestatario della carta PostePay denuncia lo smarrimento della carta alle forze dell’ordine. Finge di non esserne più in possesso e di aver perso con essa anche il codice di verifica. In realtà i fondi in essa versati dagli acquirenti vengono quotidianamente prelevati in attesa che le Poste Italiane blocchino la carta.

Ovviamente in questi casi al pagamento non corrispondeva il successivo invio dell’oggetto acquistato ed i soggetti vittime di questo raggiro sono gli ignari clienti. La truffa gioca sul fatto che l’effettivo blocco della carta dev’essere effettuato dalle Poste Italiane e che tale processo richiede alcuni giorni. Avvalendosi di questo lasso di tempo, la carta PostePay utilizzata per ricevere pagamenti viene considerata in possesso ad ignoti. Così facendo le eventuali denunce fatte per il mancato ricevimento dell’oggetto vanno intestate ad ignoti ed è veramente difficile che l’acquirente riceva il rimborso che gli spetta.

È talvolta capitato che carte PostePay rubate venissero vendute tra persone disoneste che ne facevano liberamente uso per traffici illeciti utilizzando i dati dell’intestatario della carta. Per queste ragioni la carta PostePay è stata ritenuta poco sicura da Ebay che ne ha vietato l’utilizzo nel suo circuito a partire dal 2 Febbraio 2006.

In giustifica di tale decisione Ebay ha asserito che tale metodo di pagamento fosse poco sicuro sia per il cliente che per il venditore. A tutt’oggi il sito di acquisti online più famoso al mondo continua ad inviare ad i proprio iscritti sollecitazioni in cui si sconsiglia l’utilizzo della PostePay considerandola in termini allarmistici facile preda di “frodi online”. Ma nasce spontaneo chiedersi se la società Ebay sia legittimamente preoccupata per i propri utenti o bensì per i propri interessi (considerando che Ebay è altresì proprietaria di PayPal, metodo di pagamento Online altamente competitivo). Difatti non è del tutto corretto affermare che PostePay sia il solo metodo di pagamento rischioso.

Difatti tra individui corretti è stato per anni un metodo comodissimo, acquirente e venditore si scambiavano pagamenti sotto forma di ricariche senza alcun tipo di problemi. Inoltre si pensi a qualsiasi altro metodo di pagamento. Pagare un oggetto con PayPal è istantaneo, ma è pur sempre a discrezione della correttezza del venditore l’invio del oggetto stesso. Ciò avviene con qualsiasi criterio si intenda trasferire fondi. Persino il pagamento per contrassegno ha il difetto/pregio ( a seconda dei punti di vista) di far ricadere l’incidenza del rischio unicamente sul venditore. Dunque il rischio consiste soprattutto nelle persone piuttosto che nei metodi di pagamento.

Carta Postepay: precauzioni d’uso

Insomma come ogni cosa ci sono aspetti positivi e negativi da bilanciare. L’importante è però tener presente alcuni principi fondamentali imprescindibili dall’utilizzo di una carta di credito come la PostePay:

-Mai tenere la carta PostePay vicina a fogliettini su cui vi siano scritte le 5 cifre del codice di sicurezza.
Tali cifre è sempre preferibile ricordarle a memoria o quanto meno scriverle su di un biglietto tenuto separato dalla carta e nascosto. Se disgraziatamente si subisce un furto lasciare la carta vicina ai propri codici di sicurezza vorrebbe dire automaticamente permettere ai furfanti di prelevare facilmente il vostro denaro e di far della vostra carta ciò che ritengono opportuno.

-Mai effettuare un pagamento facendo una ricarica su conto PostePay.
Fare una ricarica è equivalente a fare una donazione volontaria e disimpegnata, se ne effettuate una vi accollate i rischi di mancata ricezione dell’oggetto. Si incorre così facilmente in truffe dalle quali è difficile dimostrarsi parte lesa. Si tratta di un metodo di pagamento vietato (da Ebay e per contratto da Poste Italiane). L’unico modo per sfruttare la vostra carta sul circuito Visa (come se steste facendo un acquisto in un negozio inserendo la carta nelle apposite macchinette) è quello di abbinala ad un conto PayPal.

PosteMobile. Il tuo conto sul tuo telefonino

Le Poste Italiano stanno cercando di rendersi competitive ed al passo coi tempi. In linea a queste aspettative è l’ideazione della scheda PosteMobile. Si tratta di una scheda inseribile nel telefonino, a tutti gli effetti pari alle più blasonate Vodafone, Tim e Wind.

La scheda PosteMobile è richiedibile presso gli uffici postali, sarà sufficiente compilare un apposito modulo per ricevere la scheda ed avere accesso ad una serie di comode possibilità.

Tale scheda è facilmente connettibile alla carta PostePay in quanto tramite essa è possibile effettuare e ricevere pagamenti oltre che ricariche telefoniche. Infatti, direttamente dal menù del telefonino è possibile avere accesso al proprio conto PostePay. Nasce così un modo pratico per semplificare la vita a coloro che usano spesso la carte PostePay e che così posso utilizzarla anche stando lontani dal PC o dal Ufficio Postale. Il cellulare diventa un comodo strumento oltre che per comunicare, anche per gestire celermente il proprio denaro.

Competitive sono inoltre le tariffe che non prevedono lo scatto alla risposta ed innovativi i servizi che collegano l’utente al proprio conto. Le informazioni riguardanti lo stato della prepagata vengono comunicate tramite sms ed è anche possibile inviare ricariche ad altre schede PosteMobile.

Link a siti web utili per saperne di più sulla carta PostePay

Poste.it

Il sito ufficiale delle poste italiane consente ai propri utenti una lunga serie di servizi online (come pagare direttamente il canone rai, inviare telegrammi, acquistare francobolli da collezione, ecc.). Tra i vari è importante annoverare la completa gestione delle funzionalità della vostra carta PostePay. Direttamente via internet potrete gestire il vostro denaro, trasferendo i fondi come lo ritenete opportuno, e controllare lo stato del vostro conto.

Info Tariffe e Costi
Ecco le offerte per le schede con conto PosteMobile. Per coloro che volessero informarsi e confrontare il proprio piano tariffario con quello garantito da Poste Italiane.

23 Commenti

  1. Ivana
  2. tiziana
  3. Valeria
  4. Angelo
  5. tiziano
  6. paolo caccamo
  7. DORINA CORNICI
  8. gionata
  9. condomitti ennio
  10. condomitti ennio
  11. GIGI
  12. Gianna
  13. michela
  14. francesco
  15. regina
  16. Magneto
  17. michele
  18. DARIO
  19. Max
  20. Max
  21. EMANUELA74
  22. giusy
  23. agostino

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *