Migliore cucina: scelta e acquisto

Guida all’acquisto della migliore cucina possibile per le nostre esigenze, con informazioni e consigli importanti per conoscerne un po di storia, il funzionamento, la tecnica, le parti che la compongono, ma soprattutto come usarla e come gestirla al meglio. Solo conoscendo bene nei dettagli la cucina potrete comprare davvero il modello più adatto alle vostre esigenze.

Guida alla scelta della migliore cucina per la vostra casa

La cucina è il vero cuore della casa; nel mondo contadino era la stanza nella quale si trascorre gran parte del tempo conviviale, dove la donna dedicava il suo amore e la sua passione alla preparazione del cibo per i propri cari e per la sua famiglia. Ovvio che al momento di acquistare i nostri sforzi siano volti a trovare la migliore cucina possibile, ma soprattutto la più adatta alle nostre esigenze.

Certo, oggi gli usi sono cambiati, almeno nelle città, e il tempo che la donna riesce a ritagliare dal lavoro e dagli impegni è sempre meno, spesso è l’uomo a cucinare, ma la cucina resta uno dei luoghi cardine della casa, ed è bene dedicare molta cura e passione nella scelta dei mobili e nella sua creazione come sincero spazio personale e ambiente accogliente e comodo da vivere tutti i giorni.

Migliore cucina: scelta e acquisto

Un po di storia

Pentola, acqua che bolle e giù la pasta! Sono gesti quotidiani che si ripetono all’infinito nelle nostre case. Lo facevano le nostre nonne e le loro nonne. Ma vi siete mai chiesti come cucinavano nell’antichità? Dove e come sia nata la cucina?

Ci sono cose che facciamo quotidianamente con una tale naturalezza da dimenticare molto spesso che esse non si sono sempre svolte come le vediamo oggi, ma che dietro queste gestualità c’è una storia complessa e affascinante.

Anche la cucina quindi, quella magica stanza che si trova in tutte le case e risuona del ribollire dell’acqua in attesa della pasta, che odora dei profumi mediterranei del pomodoro e delle spezie dell’orto, ebbene anch’essa racchiude una lunga storia.

Non è certo fondamentale conoscerla, ma quando c’è da andare a scegliere la nuova cucina, forse dare un occhiata veloce alla sua storia può aiutarci ad aggiungere quella nota di personalità alle nostre compere, e quindi alla nostra casa.

Tipologie di cucine

C’è ovviamente una distinzione di base da fare, perchè oggi con la parola “cucina” intendiamo sia il mobile-elettrodomestico che ospita i piani di cottura (a gas o elettrici non fa differenza), sia la stanza dove si preparano e cuociono i cibi. In questa guida ci andremo ad occupare specificamente del primo.

Ma quali sono i tipi di cucina che possiamo installare in casa? Nonostante quello che molti credono essi non sono affatto infiniti, anzi; principalmente sono tre, suddivisi in tipologie caratterizzate per funzionalità, struttura e stile. Abbiamo quindi:

Cucina classica

E’ il mobile cucina singolo, composto da un’ossatura metallica rivestita, con piano di cottura a vari fornelli ed eventualmente forno integrato. A volte prevede cappa in stile. Viene alimentata a gas, propano da bombola interna o bombolone esterno, oppure metano di rete.

Offre una vastissima gamma di modelli, spaziando dalla semplice e funzionale alla sofisticata e ricercata, e ha spesso un notevole contenuto di stile. Generalmente quelle di miglior qualità sono in legno e hanno una linea fortemente elaborata.

I materiali variano dal castagno, al noce o al massello. Nonostante il modello classico, oggi esistono elementi di vigorosa modernità che assicurano comunque una permanenza di moda nel tempo. Restituisce agli habitat domestici il gusto del focolare.

Cucina moderna o componibile

Di solito per questo genere di cucina è necessario avere in casa un certo spazio in più rispetto alla prima proposta, soprattutto per poter sfruttare al meglio la bellezza di questi mobili e la loro valenza di arredo architettonico.

Queste cucine, dette appunto anche “componibili”, sono composte da numerosi elementi funzionali che vengono collegati variamente tra loro e che possono includere mobilio, pensili, frigo, lavastoviglie, forno, lavabo, piano di lavoro e naturalmente la cucina.

I colori sono tendenzialmente accesi e a tinte laccate nelle quali dominano il rosso, il blu o il bianco, non mancano però le tinte del legno. Generalmente è sviluppata in modo orizzontale, con la cosidetta “isola” o “penisola” che viene collocata nel centro della stanza, e sulla quale si possono posizionare il lavello e il piano di cottura.

In questo caso, che rappresenta la soluzione a maggior estensione areale, dovreste possedere un altro ambiente attiguo da adibire a sala da pranzo.

La SCAVOLINI è una delle ditte più quotate nel settore e propone modelli eccezionali.

Cucina in muratura

E’ la fantastica cucina rustica, solida e funzionale; per realizzarla ci si può rivolgere separatamente alla ditta che ne costruisce la parte in muratura, acquistando poi i singoli componenti, ivi inclusa la cucina, dai rivendotori specializzati in elettrodomestici ad incasso; oppure è importante mettersi in contatto con le aziende leader nel settore, per garantirvi una riuscita completa e particolare, senza troppe difficoltà.

Naturalmente nel caso optiate per fare tutto da voi, tenete sempre presente che prima dovete valutare gli elettrodomestici a incasso, scegliere la linea giusta, ottenere le misure esatte, e poi progettare il resto, ossia la muratura. Sempra di una ovvietà assoluta, ma molti cadono proprio qui!

Per questo genere di cucina si consigliano colori caldi e pannelli in legno. I rivestimenti delle piastrelle in ceramica possono avere moltissime fantasie e colori e se volete raggiungere la perfezione si suggeriscono ornamenti lineari e greche.

  • Pro: robustezza, fascino
  • Contro: una volta costruita non può essere spostata o rimodulata, a meno di non chiamare nuovamente il muratore.

Acquisto della migliore cucina: cosa valutare

Potremo parlare all’infinito degli elementi che compongono una cucina, ma non basterebbe un sito con infinite pagine web. Per cui, nel suggerirvi alcuni fattori sensibili da tenere in conto al momento della scelta, prenderemo in analisi solamente le cose più importanti sia a livello di design che di funzionalità.

Maniglie

Innanzitutto le maniglie: non dimenticate mai che hanno una forte visibilità e danno la linea a tutto il mobile. Infatti si tratta di dettagli che, seppur piccoli, creano davvero il contrasto visivo più di altri. I tipi più usati per le cucine di foggia classica sono quelli a ponte e a pomello; mentre la cucina moderna spesso richiede le maniglie ad asta o tubolari. Alcuni produttori propongono addirittura la soppressione, ovvero l’anta rimane liscia, ma si crea una gola, cioè una cavità che può essere verticale oppure orizzontale nella quale la mano fa appiglio per aprire lo sportello.

Illuminazione

Passiamo al secondo punto, cioè l’ illuminazione, che tratteggia il modo più semplice per far risaltare l’ambiente. La posizione delle lampade attorno al mobile cucina e nella stanza cucina è fondamentale perché si può avere bisogno di un fascio di luce concentrato su un determinato punto dove si sta lavorando (come il piano di lavoro) oppure di illuminazione soffusa per i momenti di relax. Oltre che a prevedere degli spot, provate anche a predisporre una illuminazione ad illuminare verso il soffitto o le pareti; vedrete che la cucina sarà resa più spaziosa ed elegante.

Elettrodomestici

Nel caso di cucine in muratura prestate estrema attenzione agli elettrodomestici e chiedete sempre di visionarli nei dettagli dal vivo o al massimo in un catalogo. È importante verificarne carattetirstiche techicne, i consumi e aziende produttrici. Molti rivenditori, potrebbero dire: << mettiamo macchine di qualità medio-alte >> ma poi spesso non dicono di quali marche. In ogni caso, alcune aziende hanno convenzioni con la Rex o la Whirlpool e vi proporranno degli sconti, ma controllate sempre le classi di consumo.

Piano di lavoro

Il piano di lavoro è un’elemento estremamente rilevante come tutti gli altri accessori e per tanto è necessario scegliere un materiale che duri nel tempo e che non possa dare brutte sorprese rovinandosi rapidamente. Il marmo e il granito, anche se esteticamente molto belli, assorbono ogni tipo di liquido e tendono a macchiarsi e graffiarsi. Interessante invece il quarzo, come anche la quarzite, materiali molto resistenti e arredanti. Esistono infine materiali sintetici di moderna produzione dalle sorprendenti capacità: resistenti, decorativi, leggeri, inassorbenti.

Cappa

Infine, per la cappa preferite sempre quella che funziona in modalità aspirante in modo da eliminare tutti gli odori, e lavora molto meglio che modalità filtrante. La prima aspira infatti i fumi della cucina e li getta fuori dalla stanza mediante una tubazione. Richiede la foratura della parete o della finestra, o l’allaccio a una canna fumaria esistente.

Da preferire quelle col sistema ventola/aspiratore esterno, più silenziosi. Il modello a filtro preleva invece i fumi dalla cucina, li purifica attraverso un sistema di filtratura passivo, e li reimmette nella stanza. Se efficace lavora bene, e non richiede forature nei muri per raggiungere l’esterno. Quest’ultima, nei modelli elevati, funziona generalmente con due stadi filtro, che vanno cambiati periodicamente.

Manutenzione e pulizia della cucina

Abbiamo la migliore cucina che potevamo scegliere, ma ora dobbiamo conservarla con cura facendo le adeguate pulizia e manutenzioni.

Qualcuni dirà: “Lavare la cucina?” Si, lo sappiamo tutti che è assai noioso, ma spesso il non farlo o peggio il farlo male un errore può costarvi caro! Per pulire il piano di lavoro, prima di tutto evitate creme e paste troppo abrasive o acide. Piuttosto meglio un panno umido, che può andare più che bene.

Asciugate sempre i lavelli in modo da evitare il deposito del calcaree presente nell’acqua della rete pubblica o l’opacizzazione dei metalli. Infine, relativamente ai cassetti dei mobili, anche se sono testati per contenere grandi pesi, evitate di caricarli eccessivamente arrivando alla soglia massima dichiarata dal costruttore.

Consigli per acquistare la migliore cucina possibile

Pensate prima per bene alle caratteristiche di arredo, funzionalità e facilità d’uso che desiderate ottenere se davvero cercate la migliore cucina possibile. Puntualizzate prima, con l’aiuto di carta e penna, tutte le problematiche specifiche della stanza cucina, come punti di allaccio acqua e fognatura, finestre, porte, travi, colonne, etc.

Definite bene il vostro budget. Mai strafare, è vero, ma a volte spendere quel x % in più del previsto non è uno sfizio: potrebbero rivelarsi i soldi meglio spesi della vostra casa. Naturalmente vale sempre il principio di comprare quello che realmente vi serve e mai quel che sarebbe bello usare. Sono soldi buttati. Se siete sempre 4 o 5 a pranzo a casa non prendete un forno da hotel!

Visitate più rivenditori e chiedete informazioni dettagliate sui materiali costruttivi della cucina, con particolare riguardo alla loro resistenza e durata, e sugli elettrodomestici, approfondendo le loro caratteristiche tecniche e i consumi. Pensate sempre agli spazi che avete da occupare e alla grandezza reale della stanza destinata alla cucina.

Organizzate la vostra cucina con fantasia, senza affidarvi totalmente ad architetti e designer, e divertitevi a creare il vostro stile personale. I consulenti sono appunto, consulenti, non i padroni di casa vostra: fatela a vostra immagine non lasciate che la facciano a loro somiglianza.



Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *