Tende da sole: scelta e acquisto

Le tende da sole sono utilissime per schermare terrazzi, balconi, finestre molto esposte o giardini. Sceglierle bene significa sapere in che materiale è realizzata la loro struttura, che deve essere resistente, e quale materiale invece è utilizzato per la loro copertura, che deve riuscire a fermare i raggi del sole. In questo articolo tutto quello che c’è da sapere per acquistare le tende da sole adatte alle vostre esigenze.

Scegliere le tende da sole

Le tende da sole sono utili per creare zone d’ombra, fresche e piacevoli e per sfruttare lo spazio esterno della nostra casa anche nelle estati più torride: terrazzi, balconi e giardini diventano così luoghi da fruire per rilassarsi e divertirsi anche nelle ore più calde della giornata.

Oltre a riparare dai raggi più caldi, possono anche essere un elemento decorativo della facciata di un edificio. Bisogna quindi sceglierle in base a diversi criteri e per questo bisogna conoscere quali sono le caratteristiche che presentano le tende da sole che si trovano in commercio.

Tende da sole

Funzioni delle tende da sole

Le tende da sole possono svolgere diverse funzioni:

  • riparare una zona o una finestra (e il conseguente ambiente interno) esposta di frequente al sole, dai raggi e dal calore del sole nel periodo estivo
  • riparare la zona esterna di una casa da sguardi indiscreti
  • decorare la facciata di un edificio
  • creare un ambiente fruibile all’esterno di una casa, anche d’estate
  • limitare i consumi elettrici, in quanto la protezione di finestre da parte di tende da sole fa penetrare meno calore all’interno delle case: in questo modo si useranno meno sia condizionatori che ventilatori

In quali ambienti installarle

Gli elementi esterni dove può trovare giusta collocazione una tenda da sole sono:

  • balconi
  • terrazzi
  • lastrici solari
  • giardini
  • facciate con finestre o vetrate

Ovviamente, perché sussistano le condizioni per l’installazione di una tenda da sole, l’ambiente da coprire con la tenda deve essere esposto frequentemente al sole, particolarmente in estate.

Tende da sole

Elementi strutturali delle tende da sole

Una tenda da sole è composta da diversi elementi, che sono:

  • tessuto o telo: è la parte principale, quella che effettivamente procura il riparo
  • struttura portante o telaio, sulla quale si appoggia il telo
  • cassonetto, un elemento facoltativo, che serve come protezione della tenda quando questa è arrotolata e quindi esposta alle intemperie come pioggia, neve o grandine
  • copertura in lamiera, alternativa al cassonetto, per proteggere la tenda chiusa

Telo: quale materiale scegliere

Tipo di tessuto

Innanzitutto, il primo criterio di scelta di una tenda da sole, è il tipo di tessuto da acquistare per il telo, l’elemento principale della tenda. Per scegliere tale elemento, bisogna tenere conto di diversi fattori.

I tessuti per le tende da sole possono essere naturali, come il cotone. Questi materiali però sono soggetti a strappi, a muffe e a invecchiamento causati da sole, vento e inquinamento, oltre che allo scolorimento dovuto all’esposizione solare. Se si scelgono invece le fibre 100% in acrilico, si può stare tranquilli: tali tessuti sono resistenti, non sono soggetti a strappi, sono poco soggetti allo scolorimento in quanto subiscono una speciale tintura a tutta massa; inoltre le fibre in acrilico sono sottoposte a trattamenti con resine e Teflon che conferiscono loro compattezza e capacità idro-oleo-repellenti. In alternativa ancora all’acrilico, si può scegliere il pvc, dalle proprietà simili.

La tenda deve innanzitutto proteggere la pelle dai raggi nocivi del sole e il fattore di protezione di una tenda varia a seconda di alcune caratteristiche del tessuto:

  • composizione delle fibre
    che a seconda di come sono strutturate, hanno una diversa capacità di assorbire e quindi di non trasmettere i raggi Uv; le fibre sintetiche sono le migliori in questo senso
  • colore
    in quanto le tinte più scure forniscono una barriera più resistente non solo alla luce ma anche ai raggi nocivi, rispetto ai colori più chiari; lo svantaggio dei colori scuri però è che attirano invece molto il calore
  • spessore
    in quanto una trama fitta e compatta è molto più efficace di una trama leggera nel trattenere le radiazioni Uv

Resistenza all’acqua

Il secondo criterio per scegliere un tessuto per tenda da sole è la resistenza all’acqua, perché la tenda potrebbe essere esposta alla pioggia, alla grandine o alla neve.

Resistenza agli strappi

Il terzo criterio è la resistenza agli strappi, che possono verificarsi durante la movimentazione della tenda.

Estetica

Il quarto criterio per scegliere il tessuto per le tende da sole, è infine l’estetica: forme e colori e fantasie devono essere compatibili con l’aspetto generale non solo della parte esterna dell’appartamento, ma di tutto l’edificio se si abita in un condominio.

Struttura o telaio

Il telaio della tenda da sole è composta da:

  • tubolare, che regge interamente la tenda
  • guide; dove scorrono le tende quando si aprono e si chiudono
  • cerniere
  • bracci estensibili
  • supporti d’aggancio, per agganciare appunto le tende a muro o a pavimento

Dato che la struttura delle tende da sole è sempre esposta, anche per lungo tempo, agli agenti atmosferici, questa viene realizzata con materiali resistenti alle intemperie, opportunamente trattati per resistere alle aggressioni esterne e alla corrosione.

La scelta dei materiali può avvenire tra:

  • pvc
  • alluminio
  • legno opportunamente trattato

Cassonetto

Il cassonetto consta in una scatola metallica, nella quale viene inserita interamente la tenda arrotolata quando è chiusa. Tale elemento serve per proteggere il telo, cioè la parte più delicata della tenda, dalla corrosione degli agenti atmosferici, soprattutto in inverno.

Tipologie di tende da sole

Le tende da sole più comuni sono disponibili in tipologie diverse a seconda dei sistemi di chiusura-apertura e della struttura che le sostiene. Ogni tipologia si adatta maggiormente a un tipo diverso di ambiente esterno che deve essere protetto, che sia esso un balcone, un terrazzo o una finestra.

tenda a bracci

La tenda a bracci è la più utilizzata per i balconi: in pratica consente di aprire a sbalzo il telo tramite due bracci estensibili, agganciati a una barra superiore alla quale è fissato il tubolare con la tenda arrotolata. Tale tipologia di tenda offre esclusivamente una protezione superiore. Questa tipologia di tenda si fissa a muro oppure a soffitto.

tenda a caduta

In questo caso, la tenda, nuovamente molto utilizzata per i balconi, scende in verticale a filo facciata e offre una protezione frontale e laterale. Questa tipologia può essere suddivisa in due tratti:

  • uno superiore che appunto cade in verticale;
  • uno inferiore che può sporgere oltre il balcone per far entrare più luce e più aria nel balcone stesso.

tenda a capottino

Si tratta di una tenda esteticamente molto vistosa, utilizzata anche in questo caso per i balconi, oppure per coprire finestre o vetrate. Presenta una forma bombata e il telo è cucito sopra un telaio curvato ad arco, che si muove con richiamo a fune. La protezione fornita è nella parte superiore e parzialmente laterale.

tenda ad attico o a guide laterali

Questa tipologia è adatta e indicata per coprire zone di grandi dimensioni, come terrazzi, lastrici solari o giardini. Tale tenda offre una schermatura anche frontale oltre che superiore. La tenda ad attico prevede guide laterali e struttura da agganciare al muro, quindi a una parete perimetrale, e da poggiare a terra o sul parapetto.

tenda a pergolato

Questa tipologia è utilizzata per zone di grandi dimensioni, come terrazzi, lastrici solari o giardini, dove è possibile installare una struttura fissa ancorata a parete e a terra. Il telo o le strisce di telo possono essere fatte passare tra le travi oppure possono aprirsi e chiudersi a pacchetto, scorrendo all’interno di guide predisposte.

ombrellone

Oltre al classico ombrellone da spiaggia, che tutti conosciamo, esistono dei particolari tipi di ombrelloni che sono una variante non fissa delle tende da sole. L’ombrellone permette di proteggere piccole superfici di terrazzo o giardino, in modo da lasciare zone esposte al sole contemporaneamente alla presenza di zone in ombra, per far convivere persone che vogliono rilassarsi al fresco e persone che invece vogliono dormire al sole; inoltre l’ombrellone può essere facilmente spostato, quindi non occupa lo spazio in modo fisso e definitivo. La stabilità degli ombrelloni è garantita dall’inserimento dei loro fusti in fori predisposti su una base di sostegno, che può essere un basamento di pietra, di metallo o di plastica, da rendere fermo e stabile con pesi appositi. I fusti che sostengono questa tipologia di tende possono essere in legno, in acciaio con rivestimento a polvere, in alluminio, in pvc.

Dimensioni delle tende da sole

Le tende da sole, a eccezione degli ombrelloni, vengono realizzate su misura.

Per progettarle quindi, vengono valutate la grandezza della finestra e/o dello spazio esterno da coprire (in modo da scegliere anche la tipologia di tenda da installare), e l’esposizione solare dell’edificio, per poter scegliere anche il tessuto adatto. In base a tali caratteristiche possono cambiare anche l’inclinazione e le forme della tenda.

Permessi in un condominio

Nel caso si voglia installare una tenda da sole per coprire un balcone o una finestra o un terrazzo appartenenti a un condominio, è necessario chiedere l’autorizzazione al Condominio, conoscendone il Regolamento. Solitamente quest’ultimo vieta di applicare tende esterne diverse per tipo e per colore da quelle adottate dal condominio, senza il parere vincolante dell’assemblea. Se invece si vogliono installare tende diverse dalle altre presenti nel condominio, è necessario ottenere il voto favorevole della maggioranza dei condomini in sede di assemblea.

Schermare finestre e lucernari con tende da sole

Quando si possiedono finestre molto esposte ai raggi solari, come potrebbero essere i lucernari posti sul tetto nel caso di mansarde, si può ricorrere all’utilizzo di particolari e apposite tende parasole, disponibili sia in versione manuale che motorizzata con telecomando. Infatti, quando i raggi colpiscono in pieno una vetrata, il calore che si genera all’interno degli ambienti aumenta. Le coperture create appositamente per questi casi, fermano i raggi prima che colpiscano il vetro e li filtrano riducendo il calore e producendo comunque all’interno un effetto di luce naturalmente filtrata.

Meccanismi per aprire e chiudere le tende

Ogni struttura per tende da sole è dotata di un meccanismo per aprire e chiudere la tenda all’occorrenza. Tale meccanismo può essere manuale, automatizzato o addirittura motorizzato e comandato a distanza. I sistemi manuali sono più economici e spesso anche molto semplici da usare, ma non sono indicati per esempio per le tende che coprono grandi superfici, come quelle a pergolato o ad attico. Quando si desiderano sistemi automatizzati e/o motorizzati, si aprono due strade:

  • acquistare una tenda da sole con il sistema automatizzato e/o motorizzato integrato
  • inserire un motore ad azionamento manuale o automatico nella tenda che già si possiede; in questo ultimo caso, l’installazione può avvenire anche senza modificare la struttura della tenda, utilizzando tecnologie particolari che riducono al minimo i collegamenti elettrici ed evitano la realizzazione di opere murarie

I sistemi automatizzati, possono essere forniti di funzioni aggiuntive:

  • alcuni sensori in caso di vento o di pioggia, chiudono automaticamente la tenda, e impediscono danni al telo e alla struttura
  • altri sensori con la presenza di sole, aprono automaticamente la tenda per creare ombra
  • comandi di soccorso permettono di aprire e chiudere la tenda manualmente tramite l’asta di manovra, anche se viene a mancare la corrente
  • telecomando per l’azionamento a distanza

Sicurezza

Dal primo marzo 2006, secondo la normativa EN UNI 13561, tutte le tende da esterno devono obbligatoriamente essere vendute provviste di:

  • la marchiatura CE;
  • la norma di riferimento
  • il nome e l’indirizzo del fabbricante
  • la dichiarazione di conformità
  • il manuale di istruzioni, uso e manutenzione

Sempre secondo tale normativa, le tende da esterno devono:

  • essere sottoposte a prove di laboratorio e classificate in categorie da 0 a 3 ( maggiore è il valore, più alta è la capacità di resistenza al vento della tenda), a seconda della loro resistenza al vento, requisito fondamentale per la loro sicurezza
  • possedere eventualmente l’etichettatura volontaria Assites, rilasciata dall’Associazione Italiana Tende, Schermature Solari e Chiusure Tecniche, ossia un’ulteriore garanzia di qualità.

Manutenzione

Per mantenere nel tempo la resistenza, l’elasticità e il colore dei tessuti di una tenda da sole, bisogna seguire alcuni semplici consigli:

  • non arrotolare il telo se il tessuto è molto bagnato
  • chiudere la tenda appena ci si accorge che sta per piovere e riaprirla una volta che la pioggia è finita, per farla asciugare
  • finita la bella stagione, dove si è utilizzata tanto, pulire la tenda con l’aiuto di una spazzola o di una spugna non troppo dura, unita ad acqua e detergente neutro
  • non pulire con idropulitrici o attrezzature a vapore, che potrebbero intaccare lo strato idrorepellente presente sul tessuto, il quale lo rende impermeabile all’acqua.

Siti internet per la scelta e l’acquisto delle tende da sole

  • Associazione Italiana Tende, Schermature Solari e Chiusure Tecniche
    Il sito dell’Associazione Italiana Tende, Schermature solari e chiusure tecniche, con consigli, soluzioni, prodotti e indirizzi utili delle aziende produttrici.
  • Parà
    Nella sezione Tempotest sono venduti tessuti per le tende da sole, con diverse fantasie, colori e combinazioni estetiche.
  • Velux http://www.velux.it
    L’azienda produce tende da sole, coperture speciali per lucernari, e tramite il sito offre la possibilità di acquistare on line.
  • Gibus http://www.gibus.it
    Ogni tenda da sole è corredata da una scheda che riporta composizione, costruzione, finissaggio, peso, altezza, stabilità alla luce, impermeabilità, carico alla rottura, resistenza al fuoco; inoltre sono indicati gli utilizzi consigliati, gli utilizzi sconsigliati, gli utilizzi vietati e la manutenzione.


Tags:

19 Commenti

  1. Peter
  2. MARIA CATERINA
  3. ross
  4. Giovanni Lattanzi
  5. Bassini Luca
  6. Giovanni Lattanzi
  7. Franco
  8. matteo
  9. Gibin Antonio
  10. Alfonso Argento
  11. flavio
  12. Marcello D'Ambrosio
  13. Mirco
  14. SONDRA TORALDO
  15. romina
  16. Giovanni Lattanzi
  17. angela
  18. Anna
  19. giampiero Di Pasquale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *