Finestre, infissi e serramenti: scelta e acquisto

Le finestre e gli infissi sono elementi strutturali importantissimi in una casa. Sapere come sono fatti, da quali materiali possono essere costituiti, quali tipi di vetro possono presentare, è fondamentale per scegliere le finestre e gli infissi adatti alla nostra casa e alle nostre esigenze. In questo articolo troverete tutto quello che c’è da sapere per scegliere, sostituire e acquistare le finestre e gli infissi più adeguati per la nostra casa e le nostre esigenze, sia di arredo che di comfort..

Scegliere finestre, infissi e serramenti

Le finestre: il confine tra il nostro mondo dentro e il resto fuori; l’affaccio sull’esterno, l’accesso per la luce nei nostri nidi. Le finestre ci servono per vedere principalmente, vedere meglio dentro casa e vedere l’esterno della nostra casa. Ma per permetterci di vedere bene senza esporci al freddo e alle intemperie, le finestre devono essere dotate di infissi a perfetta tenuta e di vetri resistenti. Inoltre le finestre devono avere aperture pratiche ed estetica che ben si sposi con lo stile degli interni e quello della facciata esterna.

Infine, secondo il Regolamento edilizio comunale e quello di igiene che indicano per legge i requisiti necessari per l’abitabilità degli ambienti, la finestra o la portafinestra di una stanza deve essere grande almeno 1/8 rispetto alle dimensioni del locale stesso.

Finestre, infissi e serramenti

Elementi che compongono le finestre

Una finestra è costituita da:

  • elementi fissi
    La parte interna è il vetro. Questo può essere un semplice cristallo oppure un vetro con elevate qualità isolanti, termiche, acustiche e di sicurezza. Il telaio fisso con cui la finestra è ancorata alla parete, si chiama controtelaio
  • elementi mobili
    Sono le ante della finestra, composte da un telaio mobile dentro il quale è installato il vetro di tamponamento, fissato da un fermavetro e da un gocciolatoio che impedisce all’acqua di entrare

finestre

Sistemi di apertura delle finestre

Non esistono solo le classiche finestre a battente; in realtà esistono diversi sistemi di apertura che permettono talvolta di risparmiare molto spazio all’interno di un’abitazione.

Vediamo quali sono:

  • Apertura a battente
    È l’apertura classica: le ante sono incernierate al telaio su uno dei lati verticali e si aprono verso l’interno. Il vantaggio di questa apertura è la possibilità di aprire completamente la finestra, in modo da dare maggiore aerazione.
  • Apertura a ribalta
    L’apertura a ribalta è detta anche a vasistas. E’ caratterizzata dalla cerniera di apertura sul lato orizzontale, in alto o in basso. La finestra con questo tipo di apertura, una volta aperta, risulterà obliqua e permetterà l’aerazione dei locali, ma non l’affaccio verso l’esterno. L’apertura a ribalta può essere disponibile in alcuni modelli di finestre, combinata con l’apertura a battente.
  • Apertura a bilico
    Anche con questo tipo di apertura la finestra aperta risulta obliqua, l’unica differenza è che non si apre su un lato orizzontale della finestra, ma gira su un perno posto al centro del telaio, aprendosi sul suo asse orizzontale oppure verticale. Tale apertura è di solito utilizzata nei lucernari dei sottotetti e nelle abitazioni quando esistono facciate continue a vetro. Il perno centrale deve essere dotato di un fermo, per evitare il ribaltamento completo dell’anta.
  • Apertura a saliscendi
    Detta anche a ghigliottina o traslante, permette di aprire solo una metà del serramento, che scorrerà sull’altra metà che è fissa. L’apertura a saliscendi permette di risparmiare molto spazio, ma è difficile da tenere pulita. Tuttavia alcuni modelli consentono lo sganciamento dell’anta fissa, per consentirne la pulizia. Questa soluzione è molto valida per finestre installate sopra il lavello della cucina.
  • Apertura scorrevole
    I lati orizzontali delle finestre con ante scorrevoli sono dotati di binari in cui scorrono appunto le ante. L’apertura scorrevole permette un risparmio notevole di spazio ed è adatta per le finestre grandi e per le portefinestre. L’unico svantaggio è di non poter aprire completamente il vano finestra, a meno che non si tratti di un modello scorrevole a scomparsa; in questo caso esiste una fessura nel muro che ospita l’anta che scorre sul binario, la quale scompare totalmente alla vista una volta aperta.
  • Apertura a libro
    E’ un tipo di apertura utilizzato soprattutto nelle portafinestre o nelle finestre di grandi dimensioni, poichè permette anch’esso di risparmiare spazio quando la finestra viene aperta. Per quanto riguarda le finestre da applicare sui tetti, per mansarde o solai, bisogna utilizzare finestre di dimensioni ridotte oppure oblò per le pareti, mentre i lucernari sono adatti allo spiovente del tetto.

Accessori per le finestre

Tipi di vetro per le finestre

Esistono oggi sul mercato diversi tipi di vetro utilizzabile per le finestre, ognuno con particolari proprietà vantaggiose per il risparmio energetico, per la tenuta del clima interno di un appartamento e per la difesa da smog e agenti atmosferici provenienti dall’esterno.

  • Vetrocamera: i doppi vetri
    La vetrocamera è un materiale prefabbricato costituito da due lastre di vetro unite lungo il perimetro con un sigillante plastico, ma distanziate di almeno 4 mm, in modo da formare uno spazio d’aria da riempire con un gas ad alto potere isolante, sia termico che acustico.
  • Vetri basso-emissivi, per il risparmio energetico
    Sono stati messi in commercio in conformità con la Normativa EN 673 e sono in grado di trattenere fino al 90% del calore di un locale, evitando così la dispersione energetica.Questo processo può avvenire grazie a processi sofisticati che permettono la formazione sulla superficie delle lastre di depositi o ossidi di metallo e che così consentono di sfruttare al meglio la luce naturale. I vetri basso-emissivi sono consigliati nelle zone a clima particolarmente freddo.
  • Vetri fonoassorbenti, per l’isolamento acustico
    Si tratta di vetri ad alto potere isolante dal punto di vista acustico. Sono ottenuti da vetri elastici, accoppiati e rivestiti con speciali pellicole insonorizzanti. I vetri fonoassorbenti sono indicati nelle zone molto trafficate e affacciate sulle strade di città.
  • Vetri assorbenti, per la stagione calda
    Si tratta di vetri che permettono di respingere il grande calore esterno nelle stagioni calde, senza oscurare i vetri utilizzando persiane o avvolgibili. Questi vetri assorbono l’energia del calore e a poco a poco la rilasciano verso l’esterno, non permettendole quindi di passare all’interno. I vetri assorbenti non sono riflettenti e quindi sono idonei per le vetrate.
  • Vetri riflettenti, per la stagione calda
    Una pellicola particolare respinge verso l’esterno l’energia del calore che colpisce la finestra. I vetri riflettenti sono particolarmente adatti nelle aperture dei tetti, quindi in appartamenti mansardati.
  • Vetri blindati
    Quando le dimensioni delle finestre superano i 150 cm di larghezza, è più alto il rischio di effrazioni. Per ovviare a questo rischio si può ricorrere a vetri di sicurezza, che possono essere accoppiati o temperati. I vetri accoppiati sono costituiti da due lastre incollate tra loro tramite una pellicola resistente allo strappo, che tiene legati i frammenti in vetro in caso di rottura. I vetri temperati sono molto resistenti agli urti: in caso di rottura si disgregano in piccoli frammenti smussati e non taglienti.

Cambiare le finestre

La semplice sostituzione di una finestra rientra nella categoria degli interventi edilizi di manutenzione ordinaria, secondo l’ex art.31 della L. 457 del 1978. E’ quindi sufficiente sostituire un serramento vecchio con uno nuovo di uguali dimensioni e finiture esterne, avvertendo per precauzione l’assemblea condominiale. Quando invece si decide di sostituire il vecchio serramento con uno nuovo modificando dimensioni e rifiniture, l’intervento è considerato di manutenzione straordinaria, oltre che di risanamento conservativo, cioè atto a migliorare le condizioni di utilizzo di un’abitazione.

Prima dei lavori bisogna presentare al Comune di appartenenza una Dia, cioè una Dichiarazione di inizio attività, firmata dal proprietario dell’abitazione, unita a un progetto e a una relazione firmate da un professionista abilitato, che attesti quali sono le opere da effettuare, che saranno portate a termine nel rispetto delle norme vigenti.

A lavori ultimati si deve presentare al Comune la comunicazione della data di termine e il certificato finale. Questo tipo di intervento non è consentito se si tratta di immobili sottoposti a vincoli culturali o ambientali.

Come avviene la sostituzione di una finestra

Grazie ai nuovi modelli di finestre in commercio, è possibile sostituirle in tempi brevi.  Ecco come avviene la sostituzione:

  • Si smontano ante, cerniere e accessori.
  • Si sistema poi il telaio in verticale nell’apertura e lo si ferma con dei cunei.
  • Successivamente si eliminano le viti dai montanti nella muratura e si rimuove il telaio, inserendo i tasselli a espansione.
  • Si rimette quindi il telaio in posizione, si controlla che sia a piombo e poi si avvita.
  • Poi si riempiono i vuoti con schiuma poliuretanica e si eliminano così i ponti termici, cioè tutti i punti di discontinuità della struttura muraria tramite cui il calore può passare, come cassonetto e cinghia degli avvolgibili e lo spazio fra telaio e falso telaio.
  • Infine si posano i vetri.

NOTA Quando si deve sostituire un vetro a un’altitudine superiore ai 1100 metri, bisogna informarne il rivenditore, in quanto bisognerà compensare la pressione interna all’intercapedine dei vetri, per evitare fratture delle lastre per sovratensione.

Leggi e norme sulle finestre

La legge n°10/91 e successivo decreto sono stati integrati da un D.L. 192 del 2005 che stabilisce criteri, condizioni e modalità per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici e per limitare le emissioni di gas serra secondo il protocollo di Kyoto.

Per i serramenti esistono dei valori minimi di trasmittanza termica a seconda della zona climatica, diversi per esempio da Sud a Nord Italia. In base alla legge n°126 del 1991, “Norme per l’informazione del consumatore”, invece, il rivenditore è obbligato a rilasciare al momento dell’acquisto la scheda prodotto, un documento che attesta la denominazione legale e merceologica del prodotto, specifica le eventuali sostanze dannose impiegate, indica nome e marchio del produttore.

Se dovete sostituire i serramenti, acquistateli in modo che possano garantire il maggior risparmio energetico possibile, quindi che siano altamente isolanti dal punto di vista termico ed eventualmente anche assorbenti o riflettenti. In questo modo e tenendo sotto controllo il sito del Governo, www.governo.it, può essere possibile ottenere delle agevolazioni fiscali sulle spese sostenute, in quanto lo Stato tende a incentivare tutti gli interventi atti a migliorare il risparmio energetico e ad abbassare i livelli di emissione di gas serra.

Siti internet su finestre e infissi

  • Guida Vetro http://www.letsglass.it/
    Si tratta di un sito dove trovare diverse informazioni sui vetri da scegliere e dove si possono trovare inoltre rivenditori qualificati dove acquistarli.
  • Finstral http://www.finstral.com/de/home/1-0.html
    E’ possibile visionare cataloghi e prodotti e scegliere il punto vendita più vicino.
  • Velux http://www.velux.it/
    Si tratta del sito di una delle migliori marche di finestre per tetti, dove si trovano tutti i prodotti disponibili, che si possono acquistare anche online.
  • Veka http://www.veka.it/vekait/divers/it/start.htm
    Sul sito si possono vedere tutti i prodotti completi di caratteristiche e scegliere il punto vendita più vicino.


Tags:

34 Commenti

  1. Maria Luisa Futuro
  2. Loris
  3. Federica
  4. Fabrizio
  5. Michele
  6. Andrea
  7. Donatella
  8. Roberto
  9. Nicoletta
  10. Daniela Bianchi
  11. Giuseppe D'Alessandro
  12. massimo
  13. tony
  14. Eugenio
  15. Ilaria
  16. Giovanni Lattanzi
  17. alessandro pittaluga
  18. Stefano
  19. Paolo
  20. redazione
  21. redazione
  22. giachiros56
  23. salvatore
  24. ross
  25. fabbris andrea
  26. Alfigi
  27. katia
  28. Alfonsina
  29. gennaro
  30. Gravaghi Luigi Angelo
  31. giuseppe
  32. biddoccu
  33. redazione
  34. adrian cojocari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *