Maglia ai ferri

Lavorare a maglia (o lavorare coi ferri), è in pratica la stessa cosa! Si può definire un lavoro o forse meglio dire un passatempo, un hobby o ancora un modo per rilassarsi. Ci si può anche improvvisare con quest’arte; non è difficile, basta avere tanta pazienza e voglia! In vendita si trovano tantissimi giornali, periodici o mensili, dedicati anche ai principianti che spiegano passo dopo passo come incominciare, quali attrezzi del mestiere servono, i punti principali, i punti più difficili, gli schemi, insomma, tutto ciò che vi serve per costruire con le vostre mani un maglione, una sciarpa, ma anche creazioni particolarmente laboriose come per esempio un paio di guanti, di babbucce, un cappello e quant’altro

Se siete degli “sferruzzatori” esperti seguite questa guida sulla maglia ai ferri e potrete sicuramente prendere spunto per creare punti nuovi. Se siete invece dei principianti, potete prendere appunti per iniziare il vostro hobby.

Attrezzi del mestiere per la maglia ai ferri

In realtà non servono molto attrezzi per lavorare la maglia ai ferri. Sicuramente bisogna procurarsi delle coppie di ferri per lavorare a maglia, che potete tranquillamente acquistare in merceria. Non sono tutti uguali i ferri, ce ne sono di sottili e meno sottili, ognuno comunque è contrassegnato con un numero. La scelta dipende dal lavoro che avete intenzione di fare, e in ogni caso , meglio farvi consigliare dal negoziante.

Ricordatevi di comprare almeno due paia di ferri per lavorare a maglia, in quanto per realizzare ad esempio un maglione, il bordo dello stesso, verrà eseguito utilizzando un paio di ferri di mezza misura più grande (ad esempio coi ferri del 3 e mezzo) , per poi proseguire il resto del lavoro trasferendo tutti i punti nella coppia di ferri più piccoli (della misura per esempio del 3). Potete anche utilizzare i ferri della misura 4 per il bordo e poi proseguire con quelli di misura tre e mezzo. Insomma, la scelta è abbastanza libera, ma almeno questi cenni particolari occorre seguirli.

Maglia ai ferri

Nella realizzazione del vostro lavoro di maglia ai ferri, servono ovviamente anche i gomitoli di lana ( o altro materiale di filato). Li trovate al mercato piuttosto che in merceria. Se siete delle principianti, il consiglio che vi posso dare è quello di iniziare acquistando i gomitoli di “scarto”, ovvero quelli con un costo relativamente basso: al momento si trovano anche al modico prezzo di un euro.

Per la realizzazione di un capo (parliamo di un maglione come modello e misura standard), occorrono più di 6 gomitoli (ma ricordatevi che solitamente non si guarda al numero dei gomitoli, ma al loro peso, quindi anche in questo caso, il consiglio del negoziante è davvero molto utile).

Anche un classico paio di forbici servono, per tagliare eventuali fili, così come un ago da lana e un metro per fare le misure.

Punti base della maglia ai ferri

I due principali punti base del lavoro della maglia ai ferri sono il punto a diritto e il punto a rovescio. Per il primo occorre passare il ferro destro sul punto in alto del ferro sinistro, mentre eseguendo l’esatto contrario si ottiene il punto a rovescio. Ma vediamo insieme gli altri punti, comunque semplici, adatti ai principianti o a chi, vuole lavorare veloce senza intercalare o senza scalare i punti.

  • grana di riso
    Bellissimo punto per creare maglioni non solo per adulti, ma anche e soprattutto per i più piccoli. Il lavoro si presenterà come tanti piccoli granellini di riso. Vediamo come si ottiene. Occorre alternare sul primo ferro un punto diritto e un rovescio, e procedere al contrario sul secondo ferro (se sul primo ferro c’è il punto a rovescio, sul secondo ferro si lavorerà diritto).
  • legaccio
    E’ uno dei punti classici per il lavoro a maglia, consigliati ai principianti, in quanto la difficoltà è davvero nulla. Il punto legaccio si ottiene infatti, lavorando sia il primo ferro, sia il secondo ferro a maglia dritta. Il lavoro ottenuto è davvero molto carino.
  • costa
    Un bel risultato anche con il punto costa. Semplice da realizzare, il punto costa si ottiene su un numero totale di maglie che sia pari ( e quindi divisibile per due). Entrambi i ferri si lavorano realizzando un punto a maglia diritta e uno a maglia rovescia, senza bisogno di alternare nel giro di ritorno del ferro.
  • maglia rasata
    Anche il punto a maglia rasata rientra tra le creazioni più semplici per lavorare a maglia con i ferri. Questo punto si ottiene alternando una maglia diritta e una maglia a rovescio. L’unica accortezza da tenere presente riguarda la realizzazione dei primi due “giri”: il primo si lavora a maglia diritta, il secondo a maglia a rovescio.

Lavorare la maglia ai ferri

Operazioni basilari per i lavori di maglia ai ferri

Quelli che abbiamo visto finora sono i punti principali della maglia ai ferri: da essi nascono i punti più elaborati. In questa sezione vi proponiamo tantissime idee per prendere spunto (o perchè no, copiare!) i punti per il vostro lavoro. Per facilitarne la scelta, li divideremo in: punti facili, punti di media difficoltà e punti difficili. E prima della lunga lista, vi indichiamo anche i punti base con le relative spiegazioni per la procedura, che vi saranno utili per la realizzazione dei punti più complessi.

  • Gettato
    il punto gettato si esegue avvolgendo il filo attorno al ferro destro una volta.
  • Doppio gettato
    il punto doppio gettato si esegue avvolgendo il filo attorno al ferro destro due volte.
  • Accavallato semplice
    Questo tipo di punto si esegue passando una maglia senza lavorarla, lavorando normalmente la maglia seguente e accavallando la maglia passata su quella appena lavorata.
  • Accavallato doppio
    E’ la variante dell’accavallato semplice, che si esegue nello stesso identico modo, ma accavallando due maglie, anziché una, senza lavorarle.
  • Maglia doppia
    Questo punto si ottiene lavorando come una maglia normale ma nel ferro sottostante.
  • Maglia intercalata o aumento intercalato
    Si deve lavorare una maglia nel filo d’unione fra due maglie.
  • Aumento barrato
    Occorre lavorare una maglia a diritto, poi senza lasciarla cadere dal ferro, lavorarla una seconda volta a diritto ritorto.
  • Maglia estratta
    La maglia estratta si ottiene infilando la maglia nel ferro sottostante ed estrarre un’asola, lavorare un diritto, accavallare la maglia estratta sopra il diritto.
  • Due maglie incrociate a destra: Si ottengono passando dietro alla prima maglia e lavorando la seconda maglia a diritto senza lasciarla cadere dal ferro, quindi lavorare la prima e lasciar scivolare le maglie insieme dal ferro.
  • Due maglie incrociate a sinistra
    Questo punto si esegue passando davanti alla prima maglia e lavorando la seconda maglia senza lasciarla cadere dal ferro, lavorare la prima e lasciare scivolare le maglie insieme dal ferro.
  • Tre maglie incrociate a destra (o tre torciglioni dietro o ancora tre incroci dietro)
    Varianti che si ottengono passando una maglia su un ferro ausiliario posto davanti al lavoro, lavorare le due maglie seguenti, poi la maglia del ferro ausiliario.
  • Tre maglie incrociate a sinistra (o tre torciglioni davanti)
    Si tratta dell’esatto opposto del punto precedente. Si esegue passando due maglie su un ferro ausiliario posto sul davanti del lavoro, lavorare la maglia seguente, poi quella in attesa.
  • Quattro Torciglioni dietro
    Si ottiene passando due maglie su un ferro ausiliare posto dietro al lavoro, e lavorando a diritto le due maglie seguenti poi con le maglie in attesa.
  • Cinque intrecci a destra o cinque torciglioni
    Questo punto si esegue passando due maglie su un ferro ausiliare posto dietro al lavoro, e lavorando a diritto tre maglie poi a rovescio le maglie in attesa.
  • Cinque intrecci a sinistra o cinque torciglioni davanti
    Si ottiene passando tre maglie su un ferro ausiliare posto davanti al lavoro, e lavorando due rovesci poi a diritto le maglie in attesa.
  • Incrociare tre maglie
    Si ottengono lavorando prima la terza maglia, poi la seconda e la prima lasciandole cadere tutte e tre insieme dal ferro.
  • Quattro intrecci dietro ritorti
    Si ottengono passando due maglie su un ferro ausiliare posto dietro, lavorando le due maglie seguenti a diritto ritorto, poi a diritto ritorto le maglie in attesa.
  • Quattro intrecci davanti ritorti
    Si ottengono nello stesso identico modo del punto precedente, ma passando la maglie su un ferro posto davanti al lavoro.

Esempi di punti

  • traforo
    Come per il punto costa, anche il punto traforo si realizza esclusivamente lavorando su un numero di maglie pari. Rientra tra i punti base, anche se presenta alcune minime difficoltà, in quanto è un punto composto. Occorre contare e tenere a mente il numero dei ferri che si lavora. I primi quattro ferri infatti si devono lavorare tutti eseguendo la maglia rasata; nel quinto ferro occorre fare attenzione lavorando due maglia insieme con il punto diritto più un gettato (che darà vita al traforo appunto). Il ferro successivo, ovvero il 6° si esegue con tutte le maglie lavorare a rovescio (compreso il gettato). Dal settimo ferro in avanti, si devono ripetere le sequenze dei punti dati per il ferro al giro 5 e il ferro al giro 6.
  • treccia
    Punto base ma come per il precedente si tratta di un punto composto e quindi con un minimo di difficoltà. Innanzitutto, il numero di maglie su cui poter eseguire il punto treccia deve essere un multiplo di otto, altrimenti non è possibile realizzarlo. I primi 4 ferri si lavorano eseguendo dapprima 4 maglie a rovescio, e a seguire 4 maglie diritte. Il 5° ferro è un po’ più complicato, in quanto bisogna lavorare 4 maglie a rovescio e poi occorre prendere in prestito un ferro ausiliario e inserirvi la prima coppia di maglie, lavorare a maglia diritta la successiva coppia di maglie ferme nel 3° ferro. Dal 6° ferro in avanti, bisogna ricominciare daccapo, ovvero tenere conto della spiegazione che parte dal secondo ferro.

Siti internet sulla maglia ai ferri

Abchobby
Un sito pieno di hobby al femminile con numerosi esempi per i lavori a maglia ai ferri.

La scatola dei segreti
Utili illustrazioni che vi spiegano come iniziare a lavorare a maglia con l’ausilio dei ferri.

Sottocoperta – http://www.sottocoperta.net/bambini/libri/maglia.asp
Una serie di consigli per acquistare libri e cimentarsi nei lavori a maglia ai ferri per bambini

Volare su Lierna – http://www.icsbellano.org/
Giornalino on line di una scuola primaria, dove in questa sezione spiega il lavoro a maglia ai ferri.



Potreste trovare interessanti anche questi articoli:





Questo articolo ha 25 commenti

  • anna zampier scrive:

    Ciaoooo, cerco un punto molto traforato a maglia per fare una maglia da mettere sopra una canotta . Mi puoi aiutare ??? ringrazio in anticipo . Anna Zampieri

  • angelina scrive:

    vorrei trovare un modo facile per fare dei lavori traforati grazie

  • patrizia scrive:

    appassio ata di ttto ciò c e è fatto a ma o troppo ello sc sate ma la tastiera…………scrive male

  • olha scrive:

    vorrei sapere quanto cotone ci vuole per farla una maglia , grazie.

  • Rosa Cicala scrive:

    Le scrivo dal Canada, vorrei sapere se e’ possibile, come si lavora ai ferri il punto zig-zag. Ho visto su un giornale una foto di una copertina, sembra facile, ho cercato di memorarizzare, ma ogni volta mi ritrovo con piu’ punti o viceversa.
    Le sarei grata se mi mandasse le istruzioni al mio e-mail http://www.italiarosa99@hotmail.com
    La ringrazio moltissimo
    Rosa

  • veronica scrive:

    ciao!!! potete aiutarmi spiegandomi cosa vuol dire “1m.dir.,1 gett.,*5m.dir.,accavalla 1 dopo l’altra la penultima,la terzultima,la quartultima e la quintultima m.sopra l’ultima lavorata,1 gett.*.non riesco a capire l’accavallamento mi potete aiutare grazieeeeee!!!!!!!!

  • loredana scrive:

    vorrei vedere come si esegue il punto doppio lavorato al diritto grazie

  • loredana scrive:

    grazie finalmente ho capito come si esegue l’accavallato doppio, sono giorni che sto cercando la spiegazione, grz loredana

  • pinonip40 scrive:

    per cortesia come si esegue il lavoro ad uncinetto con questa frase ” a punto basso in costa dietro,..” per fare una presina e addobbo gufo grazie

  • sonia scrive:

    Ciao! devo fare un collo a scialle…potete dirmi dove posso trovare le istruzioni??? Grazie mille!

  • carmen scrive:

    ciao,sto provando a fare per la prima volta le scarpette di lana ai ferri .tutto bene per le prime passate ma quando devo dividere i punti in tre parti non capisco cosa devo fare o meglio come possono aumentare i punti se devo diminuire con l’accavallamento nel dritto e lavorare insieme le maglie nel rovescio. le maglie in questo modo rimangono sempre uguali e ad ogni passata si chiudono le altre. aiutatemi !!!!!!!!!! grazie

  • michela scrive:

    ciao sono michela formulo meglio la domanda>>: come si fa a sapere quante maglie servono per fare le berrette? ciao grazie

  • anna scrive:

    mi sapete dire come si esegue il punto rovescio doppio?
    grazie

  • babala scrive:

    Qualcuno mi sa dare indicazioni su come calare per lavorare una maglia con carrè rotondo (per intenderci quello che in passato si poteva trovare nelle maglie norvegesi)? E’ tanto che cerco e non sono riuscita a trovare niente. Grazie a chi mi può venire in aiuto
    babala

  • maria melloni scrive:

    vorrei fare dei guanti con i ferri, potete inviarmi qualche schema?,grazie,ciao ma

  • rossella scrive:

    ciao, come si fa a lavorare nella stessa maglia una maglia rov.e una maglia diritta

  • PAOLA scrive:

    sono appassionata dei lavori ai ferri ma spesso, purtroppo, mi trovo in difficoltà con la realizzazione dei punti. Mi potete dare una mano ho questi dubbi:

    – maglia doppia
    – maglia estratta
    – maglia passata con asola lunga

  • elecla scrive:

    Vi segnalo volentieri anche il mio blog dove potete trovare idee e schemi e basta una mail per farsi mandare le spiegazioni dove non ci sono….

  • lucia scrive:

    Ancora una volta ringrazio per la risposta
    Maria di Grumo per la disponibilità.
    Grazie e ciao

  • maria di grumo scrive:

    carissima lucia, normalmente il punto chiocciolina
    prevede l’esecuzione di diverse maglie nella stessa.
    non ho mai realizzato nulla con questo punto ma dovrebbe essere così – anzi, ne sono sicura: una volta inserito il ferro destro nella maglia del ferro sinistro, dovendo eseguire ad es. 3 punti (diritto, rovescio e diritto), lavorare il diritto tenendo il filo dietro, poi passare sul davanti e lavorare il rovescio senza far cadere la maglia dal ferro sinistro! ed infine ripassare il filo dietro e lavorare l’ultimo diritto.
    fa’ una prova, poi fammi sapere se riesci!

  • lella scrive:

    Vorrei sapere come si lavora con i ferri a maglia il punto passerella. C’è qualcuna che mi sa aiutare??Grz

  • lucia scrive:

    grazie a maria di grumo per la tempestiva risposta. ora avrei questa domanda:qual’è il sistema per fare 7 punti insieme? grazie da lucia

  • maria di grumo scrive:

    vorrei rispondere a lucia che cerca la spiegazione di come lavorare tre punti in uno. Facilissimo! Senza lasciar cadere la maglia, lavorare tre punti nella stessa maglia, possano essere tre diritti, tre rovesci o maglie alternate.

  • lucia scrive:

    vorrei la spiegazione di : lavorare 3 punti in 1 punto
    grazie

  • maria giuseppa scrive:

    ciao,dove posso trovare dei disegni per fare dei pizzi ai ferri o a maglia??? fatemi sapere grazie.

Lascia un Commento

Si prega di inserire solo commenti inerenti l'articolo e l'argomento trattato.