Creare con il cucito creativo

E’ sempre stupendo quando qualcosa che “dobbiamo” fare, si trasforma in qualcosa che “amiamo”. Sì perché il cucito creativo è l’evoluzione del saper rammendare delle nostre nonne. Loro dovevano impararlo per necessità, per riparare pantaloni o fare orli. In questo momento storico, in cui l’esigenza economica non è più tanto pressante, abbiamo riscoperto quest’arte e ce ne siamo innamorate. La fantasia è predominante sulla tecnica e, come tutte le cose semplici, richiede un piccolo impegno, ma regala grandi soddisfazioni. Ora ve lo dimostro…?

Creare con cucito creativo

Creare con il cucito creativo

Con il cucito creativo possiamo realizzare qualunque oggetto scaturisca dalla nostra fantasia o riprodurne altri visti nei negozi o sulle riviste. L’obiettivo non è saper cucire alla perfezione, ma imparare i procedimenti basilari per assemblare il tessuto, con le nostre mani, per dar vita ad animali in stoffa, bambole di pezza, borse, accessori e qualunque altra stravaganza ci suggerisca il nostro estro. Le idee sono alla base del cucito creativo, quindi potrete trovare cartamodelli, nelle riviste o su internet, e aiutarvi con quelli per disegnare linee più armoniche, potrete attenervi alle istruzioni e ai materiali riportati sui libri, ma se vi spunta in testa un’intuizione, svuotate i cassetti e tirate fuori tutto ciò che avete.

I materiali per il cucito creativo

I materiali da usare sono agevolmente reperibili e, a volte, addirittura oggetto di riciclo. Le stoffe più impiegate sono di umili origini, il cotone, la lana, il feltro. Negli ultimi anni anche gli accessori di arredamento sono diventati protagonisti del cucito creativo. Potete usare abiti smessi e reinventarli, decorandoli con pizzi e nastrini. Quando entrate in merceria comprate bottoni che vi piacciono, rimanenze di scampoli, passamaneria e strass. Anche quando vi sembra che non ne farete un uso immediato, prendeteli e metteteli da parte, nella scatola dei vostri lavori, perché vedrete che, alla fine, diventeranno uno splendido progetto.

Forbici
E’ bene avere a disposizione sia quelle specifiche per stoffe, per tagliare gli scampoli, sia quelle piccoline per recidere i fili.

Scampoli di stoffa
Soprattutto per iniziare è meglio non acquistare stoffe a metro. Rischiereste di sprecarle per fare degli esperimenti. Cominciate ritagliando vecchi abiti. Se, però, volete acquistare degli scampoli, potete trovarli da Ikea, nei negozi specializzati e, ovviamente, negli e-shop.

Aghi
La lunghezza è da stabilire in base al tessuto.

Fili

Anche questi, per grammatura e tonalità, sono da scegliere seguendo il progetto del momento. Sono venduti in rocchetti e si trovano sia nelle mercerie, sia online.

Ditale
E’ sempre utile quando si ha a che fare con una punta acuminata.

Fili mulinè
Procuratevene soprattutto se vi accingete a eseguire lavori con il feltro, così da poterli usare per realizzare il punto festone.

Puntaspilli e spilli
Servono per applicare il cartamodello sulla stoffa o per unire due lembi di tessuto.

Cartamodelli
Vi aiuteranno, soprattutto se siete alle prime armi. Illustrano sia misure, sia la quantità della stoffa da impiegare e poi rappresentano una sagoma da seguire.

Un metro da sarta

Gesso per tessuti

Imbottitura
Si può usare il riempimento sintetico, acquistabile in sacchetti grandi. Non occorre per tutti i lavori, ma di solito, si usa.

Macchina da cucire
Niente scuse, tipo “non so usare la macchina da cucire”. Non è fondamentale e, in molti progetti, neanche richiesta. Nel caso in cui doveste utilizzarla, però, ricordatevi che ha aghi e fili espressamente studiati per lei e la rovinereste utilizzandone altri.

Cucito creativo facile

Per imparare il cucito creativo esistono appositi corsi, solitamente divisi nei diversi livelli: principianti, intermedi ed esperti. Se non avete necessità di essere seguite personalmente, in un rapporto di uno a uno, potete scegliere questo metodo. Gli incontri non sono tanti e si svolgono in poche ore. Il prezzo varia in base all’ente che li organizza. I materiali da utilizzare, il più delle volte, sono da acquistare a parte rispetto al prezzo stabilito. Potete cercare su internet “corsi cucito creativo”, chiedere alle associazioni no profit che, spesso, ne organizzano, oppure ai negozi di hobbistica, dove troverete anche il materiale idoneo.

Ci sono poi delle riviste specializzate, vendute in edicola. Racchiudono numerosi progetti, corredati da immagini e dall’elenco dell’occorrente. Negli inserti centrali ci sono cartamodelli da ritagliare.

Se invece volete essere autodidatte o quasi, affidatevi ai tutorial, filmati che vi mostrano come procedere. Il video ha il pregio di poter rivedere un passaggio, che vi è sembrato poco chiaro, per poi andare avanti, vi mostra gli step da seguire, proprio come se una vostra amica fosse lì. Purtroppo anche questo mezzo ha un limite: non potrete ottenere risposte immediate alle vostre domande, qualità che invece possiede il corso.

Consigli per il cucito creativo

Per scegliere l’ago sappiate che le misure vanno da uno a dodici e si riferiscono al diametro. Quelli sottili si utilizzano per tessuti più leggeri, mentre gli aghi lunghi sono destinati a materiali come feltro o lana cotta. Nel cucito facile useremo aghi piuttosto esili, quindi vi tornerà utile l’infilaaghi, in vendita in merceria.

Per scegliere il filato seguite questa indicazione: più fino vi serve, più alto è il numero che dovrete cercare. Sul talloncino della confezione, infatti, troverete la cifra della grammatura.

Il vostro primo progetto
Quello che impareremo è tagliare la stoffa, seguendo un cartamodello, sagomarla e confezionarla. Cominciamo da un progetto semplice, veloce e con l’uso di pochi materiali.Prendete due rettangoli di stoffa, fate combaciare i due dritti e, sul rovescio di uno dei due, applicate con gli spilli un cuore disegnato su un cartoncino. Le dimensioni non sono importanti ma, sappiate, che per i lavori iniziali è preferibile realizzare sagome di media grandezza. Con il gesso per tessuti tracciate il contorno del cuore sulla stoffa, per poi tagliarla. Abbiamo ora due cuori, dritto contro dritto, e cominciamo a cucirli. A questo punto potete usare o la macchina, oppure imbastire a mano lungo i bordi. Non cucite per tutto il perimetro, dovete lasciare un’apertura di circa cinque centimetri, meglio se nella parte inferiore del cuore.
Inserite una matita nella fessura e portate il lavoro al dritto. Imbottite con il riempimento sintetico o con l’ovatta e cucite il tratto di stoffa che avevate lasciato aperto. Potete applicare un nastrino in raso, con la colla a caldo, sulla parte superiore, per poterlo appendere.
Merletti, passamaneria, nastri, qualunque ornamento è concesso, lasciate che sia la vostra creatività a guidarvi.

Per approfondire
Nella valigia della Buru
http://nellavaligiadellaburu.blogspot.it/2012/12/tutorial-gufo-fermaporta-con.html
Un gufo di stoffa con cartamodello e un video che spiega come cucirlo

Piccoli pasticci
http://piccolipasticci.blogspot.it/2012/09/cuscini-per-sedie-con-tutorial-e.html
Tutorial per realizzare i cuscini per le sedie



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *