Fanghi anticellulite

Sin dall’epoca romana, se non addirittura prima, era noto che alcuni specifici fanghi di origine termale erano in grado di portare benefici alla pelle e al corpo, e persino alleviare le soferenze provocate da determinate malattie. La moderna medicina ha confermato queste tradizioni, stabilendo che i fanghi hanno funzione curativa e addirittura anticellulite. Oggi questi rimedi naturali rappresentano quindi prodotti importanti e utili per la cura della bellezza e del proprio corpo. hanno funzione curative e addirittura anticellulite. Oggi questi rimedi naturali rappresentano quindi prodotti importanti e utili per la cura della bellezza e del proprio corpo.

Fanghi anticellulite

Quando si parla delle proprietà curative dei fanghi termali, oltre a quelle propriamente medicali, risulta subito evidente la loro più importante applicazione estetica: i fanghi anticellulite. Questa funzione ha come bersaglio principe, al di là delle altre applicazioni che trovano per il benessere della salute generale dell’organismo, la cellulite, l’inestetismo che più di ogni altro affligge milioni di donne in tutto il mondo.

Si tratta infatti di un disturbo assai diffuso che colpisce l’ipoderma, il tessuto adiposo che si trova sotto il derma. E’ causato da elementi genetici, ormonali, vascolari, dallo stress, dalla vita sedentaria, dalla ritenzione idrica e dalla cattiva alimentazione.

I fanghi anticellulite intervengono sul tessuto adiposo stimolando la circolazione sanguigna e l’ossigenazione cellulare e favoriscono l’eliminazione delle cellule morte che comportano l’effetto buccia d’arancia odiato da ogni donna che si rispetti, regalando alla sua pelle elasticità e tono.

fanghi anticellulite

Fanghi anticellulite di alga Guam

Rappresentano i “fanghi anticellulite” per antonomasia, la loro immagine è legata all’idea di un corpo che meravigliosamente assume fattezze invidiabili grazie a trattamenti unici. Se non tutte, molte ci sono passate. Le donne di norma non lasciano nulla di intentato quando si tratta di forma fisica e in questo senso i fanghi Guam promettono nientemeno che la riduzione di importanti centimetri di grasso su cosce e glutei: più che un obiettivo, un miracolo.

Le alghe che costituiscono questi i fanghi anticellulite vengono raccolte da maggio ad agosto dai fondali marini, lasciate essiccare e arieggiare per tre giorni all’aria aperta e poi lavorate nei laboratori industriali. Durante le giornate trascorse al sole, le alghe perdono gran parte dell’acqua e diventano secche, pronte per il trattamento, dal quale comunque escono con l’originaria abbondanza di metalli, vitamine, glucidi e altri elementi di derivazione marina.

I test dimostrano che i fanghi possiedono un comprovato potenziale anti-cellulite e su soggetti di età compresa fra i 18 e i 45 anni, producono importanti effetti: miglioramento della compattezza e della elasticità cutanea e riduzione del giro coscia. Un serie di appuntamenti ciclici di quarantacinque minuti, e cellulite e grasso diventeranno soltanto un brutto ricordo.

Modalità di applicazione dei fanghi anticellulite Guam

Sembra semplice, ma non lo è. Almeno, non se si sceglie di applicare i fanghi da sole e, provviste di tutto l’armamentario, ci si accinge ad affrontare quella che più che un trattamento di benessere è un’avventura. Nel centro estetico, nessun problema: spogliarsi e sdraiarsi sono le sole attività richieste, al resto pensa il personale specializzato, e l’unica seccatura è attendere che il miracolo si compia.

A casa, è tutt’altra storia. Tanto per cominciare, sono necessari un ampio spazio e un’ampia pazienza, poi un rotolo di pellicola trasparente, del tipo utilizzato per conservare gli alimenti…in questo caso, sarà utile per conservare qualcosa di molto importante, la nostra ciccia.

Infatti, in seguito all’applicazione dei fanghi sulle parti interessate – dai ‘classici’ cosce e glutei al meno consueto addome – si avvolge il tutto nella pellicola, al fine di consentire una maggiore penetrazione della sostanza nella pelle. Per quarantacinque minuti, i fanghi ci terranno compagnia, regalandoci in alternanza sensazioni di fresco, di lieve prurito e poi ancora di fresco.

Quarantacinque minuti sono lunghi, e noi siamo chiuse in bagno: come passare il tempo?

Le più tranquille possono dedicarsi alla lettura, le più irrequiete alla pulizia dei possibili micro-danni causati dalle nostre manine avide di prelevare tutta la pozione dalla confezione e distratte nel toccare l’ambiente circostante nel momento in cui si avvolge la pellicola.

Al termine del tempo, risciacquare le parti, con lo sfregamento manuale o il supporto di una spugna….e il gioco è fatto. Pelle più liscia e lotta alla cellulite.



11 Commenti

  1. Giovanni Lattanzi
  2. Valentina
  3. Giovanni Lattanzi
  4. Paola
  5. chiara
  6. Giovanni Lattanzi
  7. Giovanni Lattanzi
  8. Giovanni Lattanzi
  9. maria agata
  10. lina
  11. antonella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *