Viaggiare con i bambini: consigli utili

Quando ci si mette in viaggio con i bambini è bene seguire alcuni accorgimenti affinché anche i piccoli viaggiatori possano affrontare in modo sereno e sicuro i primi loro viaggi in macchina, in treno, in aereo o in nave. Vediamo quali sono i consigli utili più importanti per un viaggio confortevole e all’insegna della sicurezza e per non dimenticare ciò che ci sarà sicuramente utile durante il viaggio e nel corso del soggiorno fuori casa.

Ogni volta che si parte per un viaggio è necessario organizzarsi e portare con sé tutto ciò che sarà poi utile e indispensabile, ma viaggiare con i bambini richiede molte attenzioni in più. Ecco che così sorgono tante domande: Quale è la destinazione migliore? Ma soprattutto sorgono mille domande sul loro benessere e sicurezza. Vediamo di scioglierle tutte con questa nostra guida specifica.

Viaggiare con i bambini: consigli utili

Viaggiare con i bambini in aereo

Per i genitori, il viaggiare con i bambini in aereo può essere fonte di preoccupazione, specialmente per le lunghe tratte. I bambini infatti potrebbero piangere provando fastidio alle orecchie per l’altitudine, potrebbero faticare a prendere sonno e il fatto di non poter fare delle tappe ristoratrici come con altri mezzi di trasporto potrebbe aumentare i fastidi del bambino.

In genere per i voli di linea un bambino fino a 2 anni di età paga solo il 10% del biglietto e di solito non ha diritto a un posto prenotato ma gli viene assegnato una volta a bordo dell’aereo. Nei voli charter i bambini fino a 2 anni invece generalmente non pagano il biglietto o hanno uno sconto fino al 90% del prezzo intero.

Per i viaggi in aereo è inoltre possibile richiedere al personale di volo un apposito seggiolino, detto “infant seat”, regolabile che viene fissato al sedile senza costi aggiuntivi.

Per limitare al massimo i disturbi che potrebbe avere il bambino durante il viaggio in aereo sarebbe opportuno:

  • fare bere spesso il bambino perché l’aria in aereo è piuttosto secca
  • durante le fasi di decollo e atterraggio far mangiare al bambino una caramella o se più piccolo dargli il ciuccio perché la deglutizione aiuta a superare il fastidio delle orecchie che si otturano
  • applicare se necessario uno spray nasale qualora il nasino sia chiuso
  • se il bimbo soffrisse di cinatosi (mal di aereo, d’auto o di mare) prima dipartire farsi consigliare dal pediatra sul prodotto da utilizzare e le modalità di somministrazione
  • vestire il bambino a strati dato che in aereo c’è l’aria condizionata e scendendo si potrebbe incorrere in notevoli sbalzi di temperatura
  • portare nel bagaglio a mano tutto l’occorrente per accudire o distrarre il bambino.

Viaggiare con i bambini in treno

Viaggiare con i bambini in treno può essere divertente per loro e offre un po’ più possibilità di movimento rispetto ad altri mezzi di trasporto.

In treno i bambini di età al di sotto dei 4 anni non pagano il biglietto sia nella prima sia nella seconda classe, ma non hanno diritto al posto seduti pertanto potranno occupare solo posti liberi. I bambini che non hanno compiuto 12 anni hanno una riduzione del 50% sul costo intero del biglietto e possono occupare un posto.

Nel caso di bambini che soffrono mal di treno è bene prima di partire farsi prescrivere dal pediatra un medicina per contrastare la cosiddetta cinatosi.

Viaggiare con i bambini in nave

Se si intende viaggiare con i bambini in nave sarebbe utile prenotare una cabina sia nel caso si viaggi di giorno sia di notte. La cabina permette infatti ai bambini di avere un luogo riparato dove poter riposare o svolgere alcuni giochi assieme ai genitori per passare più serenamente il periodo del viaggio. In alcune navi sono previste inoltre delle sale giochi comuni per i bambini.

Il mal di mare è più frequente nei tragitti a bordo di traghetti mentre è più raro a bordo di navi più grandi comunque prima di partire è bene farsi prescrivere dal pediatra i medicinali utili per contrastarlo.

È importante fare attenzione a quando ci si reca sul ponte della nave dato che possono esserci vari pericoli per i bambini. È inoltre bene informarsi, per tragitti in nave più lunghi, se a bordo ci sia una piscina perché qualora la stagione lo consenta è utile portare i costumi e trascorrere alcuni momenti di svago in piscina assieme ai bambini.

A bordo delle navi i bambini di età compresa tra 0 e 4 anni non pagano il biglietto (sono previste in genere solo le tasse portuali) ed è invece prevista una riduzione del 50% sul prezzo intero del biglietto per i bambini tra i 4 i 12 anni non ancora compiuti al momento dell’imbarco.

Approfondire on line

  • Quantomanca.com
    Sito dove trovare hotel e residence in tutta Italia e all’estero organizzati apposta per famiglie con bambini suddivisi per regione nelle località di mare, montagna, laghi o campagna. Informazioni su musei per bambini, parchi di divertimento, acquari e fiere dedicate alla famiglia.
  • Baby in viaggio
    Sito dove poter cercare hotel per bambini e dove poter scambiare esperienze di viaggio fatte con i bambini.
  • Viaggi 24 – http://www.viaggi24.ilsole24ore.com/Rubriche/Bambini/?cmpid=go_vi_Bambini_viaggio%2Bcon%2Bbambini&gclid=CNi87fv3t6kCFRWLzAodU16Y8Q
    Rubrica del sito del Sole 24 ore dedicata a viaggi con i bambini: idee e suggerimenti sulle destinazioni più interessanti e novità e aggiornamenti su mostre, eventi e viaggi misura di bambino.


Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *