Malattie nei bambini

I bambini si ammalano molto spesso, ma non sempre, come abbiamo già detto, le malattie virali dei piccoli, si curano con gli antibiotici. Ogni volta che i nostri figli si ammalano, siamo soliti telefonare immediatamente al pediatra, che ci prescriverà la cura adatta. Da sottolineare il fatto comunque, che molti tipi di infezioni virali, guariscono da soli.

Quali sono le malattie nei bambini

Vediamo insieme le principali malattie nei bambini.

malattie nei bambini

Febbre

E’ sicuramente uno dei motivi principali per cui ci si rivolge al medico, non sapendo però che un bambino con la febbre si sente solo un po’ spossato. La mamma però, com’è giusto che sia, si preoccupa. Il pediatra prescriverà farmaci solo se la febbre supera i 38,5° C, e saranno a base di paracetamolo ( il più gettonato è la Tachipirina). Anche l’acido acetilsalicilico, come per esempio l’Aspirina, può essere un farmaco utile, ma solo in caso di necessità e dopo aver consultato il pediatra.

Mal di gola

Il mal di gola è una delle più comuni malattie nei bambini e  porta spesso a faringite e tonsillite, accompagnate da febbre e difficoltà a deglutire. Tutti motivi che spingono i genitori a consultare, anche in questo caso, il pediatra. Come prima cosa da fare, sicuramente è utile far bere molto il bambino. Se dopo un’accurata visita, il pediatra noterà la presenza di linfoghiandole accompagnata da febbre alta, prescriverà un tampone faringeo.

E’ solo dopo il risultato, il medico deciderà se prescrivere o meno antibiotici. Ma attenzione, non fate di testa vostra. Gli antibiotici utili ed efficaci contro la tonsillite dovuta allo streptococco sono a base di pennicillina (come il Fenospen), e l’eritromicina, come l’Eritrobis. Se non vi sono particolari problemi, e la mamma somministra un qualsiasi antibiotico, questo non farà il suo effetto e non avrà quindi la sua efficacia.

Vietati anche gli anti infiammatori che possono provocare reazioni indesiderate. Ricordatevi infatti, che il mal di gola è il virus più diffuso tra i bambini, soprattutto quando cominciano a frequentare una comunità come l’asilo nido o la scuola materna.

Tosse

Anche la tosse nel bambino, è un altro motivo per allertare il pediatra. Occorre fare però una distinzione. Se si tratta di tosse “grassa”, non servono farmaci, in quanto la stessa è in grado di espellere il muco oltre ai microbi. Se invece siamo di fronte ad una tosse “secca”, il pediatra somministrerà secondo le dosi, un farmaco a base di destrometorfano. I più gettonati sono il Bronchenolo e il Bechilar. La tosse è fastidiosa per il bambino che non riuscirà a dormire tranquillo per il classico “solletico” alla gola. Consigliato anche in questo caso, un maggior apporto di liquidi.

Diarrea

Si definisce diarrea una serie di scariche liquide e frequenti (oltre le tre scariche al giorno) e di odore molto cattivo e acidulo. Le mamme ansiose telefoneranno immediatamente al pediatra, anche se non occorre dare alcun farmaco contro la diarrea.

Il rischio che corre il bambino è quella della disidratazione, in quanto scaricandosi, perderà molti liquidi e sali minerali. Una cura efficace è quindi quella di somministrare al piccolo determinate bustine sciolte in acqua. Queste bustine contengono sali minerali e sono molto famose quelle della Plasmon della linea “Pancino”. Da non abbandonare l’apporto di liquidi di ogni genere e un’alimentazione corretta.

Approfondire le malattie nei bambini

  • Mednat
    Una guida alle malattie nei bambini e all’uso dei farmaci


Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *