Intervista Anna Sarfatti (seconda parte)

Ecco la seconda parte dell’intervista realizzata alla scrittrice fiorentina, Anna Sarfatti, traduttrice di molte opere di un grande mito della letteratura per bambini: Theodor Seuss Geisel. Qual è stato il suo primo libro? “Capitombolo sulla terra”, pubblicato da Giunti nel 1998 e in una nuova edizione nel 2007. E’ un libro che mi è molto caro perché la protagonista, una giovane extraterrestre un po’ pasticciona, mi ricorda una terrestre che stranamente le assomiglia… Ha tradotto molte opere di Theodor Seuss Geisel. Preferisce inventare con la fantasia o tradurre una storia già creata? Sicuramente mi piace inventare trama e personaggi, o

Ecco la seconda parte dell’intervista realizzata alla scrittrice fiorentina, Anna Sarfatti, traduttrice di molte opere di un grande mito della letteratura per bambini: Theodor Seuss Geisel.

Qual è stato il suo primo libro?

“Capitombolo sulla terra”, pubblicato da Giunti nel 1998 e in una nuova edizione nel 2007. E’ un libro che mi è molto caro perché la protagonista, una giovane extraterrestre un po’ pasticciona, mi ricorda una terrestre che stranamente le assomiglia…

Ha tradotto molte opere di Theodor Seuss Geisel. Preferisce inventare con la fantasia o tradurre una storia già creata?

Sicuramente mi piace inventare trama e personaggi, o comunque elaborarli a modo mio.
Non sono interessata a tradurre chiunque. Tradurre un mito della letteratura per bambini come Seuss mi ha permesso di entrare nel suo laboratorio, scoprire i suoi trucchi del mestiere, cercare di restituire ai testi italiani rime, ritmo e gioco: un’impresa affascinante ed estremamente formativa.

Quali sono i suoi progetti futuri?

Sto dando gli ultimi ritocchi a “Tante quante donne!”, che sarà pubblicato da Mondadori. E’ una raccolta di filastrocche dedicata alle bambine e ai bambini per parlare allegramente delle pari opportunità cui hanno diritto.
Poi sto scrivendo una storia per la serie “Oscar dove sei?”, editore EDT Giralangolo. Questa volta Oscar e la sua amica Caterina, dopo aver visitato il museo egizio, si divertono a giocare “a mummie”, fasciandosi abbondantemente con la carta igienica finchè…

Per conoscere meglio le opere di Anna Sarfatti e l’intera biografia, visitate il sito internet www.annasarfatti.it



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *