Il decalogo del MOIGE per l’estate dei bambini e dei genitori (seconda parte)

Ecco la seconda parte che il MOIGE ha dedicato ai bambini e all’estate. 6.Tutti al mare! Se passate le vacanze al mare non lasciate impigrire i vostri bambini sotto il sole: si può fare amicizia col vicino di ombrellone, si possono organizzare tornei a palline, racchettoni o bocce, si possono fare castelli di sabbia o si può giocare con l’acqua. L’attività e il movimento, poi, predisporranno meglio i bambini alla cena e anche al sonno notturno! 7. Protezione, anche per gli occhi! In montagna o la mare, non dimenticate di proteggere gli occhi dei vostri ragazzi con lenti da sole

Ecco la seconda parte che il MOIGE ha dedicato ai bambini e all’estate.

6.Tutti al mare! Se passate le vacanze al mare non lasciate impigrire i vostri bambini sotto il sole: si può fare amicizia col vicino di ombrellone, si possono organizzare tornei a palline, racchettoni o bocce, si possono fare castelli di sabbia o si può giocare con l’acqua. L’attività e il movimento, poi, predisporranno meglio i bambini alla cena e anche al sonno notturno!

7. Protezione, anche per gli occhi! In montagna o la mare, non dimenticate di proteggere gli occhi dei vostri ragazzi con lenti da sole adeguate e garantite in grado di proteggere la vista dai raggi UVA, spesso molto forti e dannosi specialmente per i più piccoli.

8. Divertirsi anche in città! Se per quest’anno non sono previste settimane di villeggiatura non scoraggiatevi, anche le città offrono valide possibilità di divertimento e svago per tutta la famiglia. La cultura e la natura potrebbero essere il filo conduttore della vostra estate: da tempo i musei organizzano visite guidate pensate appositamente per i più piccoli così da coinvolgerli attivamente e rendere la storia più interessante ed attuale.

Con delle brevi gite fuori porta poi si può scoprire la natura e gli animali grazie alle numerose fattorie che aprono le loro porte proprio ai più piccoli per avvicinarli a una realtà a loro spesso sconosciuta. Da non dimenticare, inoltre, che ormai le città offrono un calendario di appuntamenti estivi molto ricco, che spazia dai cinema all’aperto ai concerti, dagli spettacoli teatrali alle manifestazioni dedicate appositamente ai bambini.

9. Occhio ai compiti… Estate: sinonimo di vacanza ma anche di compiti da svolgere prima del rientro in classe e di ultimi giorni di agosto trascorsi a fare indigestione di tabelline, temi e testi di storia. Sarebbe meglio riuscire a creare (e rispettare!) una piccola tabella di marcia per la graduale esecuzione dei compiti in modo da non arrivare a pochi giorni dall’inizio della scuola con un carico ulteriore di tensione e malumore. Poche pagine al giorno saranno sufficienti per diluire il carico di lavoro estivo e per rimanere in allenamento in modo da non avere un rientro troppo brusco sui banchi di scuola.

10. Dolce dormire… nei tempi giusti! Senza troppa rigidità, mantenete un minimo di orari per il sonno. Questo consiglio vale soprattutto per chi ha figli un po’ più grandini che tendono a rimanere in piedi fino a notte inoltrata per stare con gli amici: una volta ogni tanto si può concedere, ma se passano l’estate con orari sballati perderanno la possibilità di utilizzare le ore del mattino e l’opportunità di un riposo sano che dovrebbe prepararli alle fatiche dell’inverno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *