I futuri papà in sala parto – prima parte –

In Italia è da relativamente poco tempo che le sale parto hanno aperto le loro porte anche ai papà: in ogni caso sale ogni anno il numero degli uomini che vogliono assistere al parto della compagna. In queste righe cercheremo dunque di dare qualche piccolo ma utilissimo consiglio a tutti coloro che abbiano questo desiderio, per aiutare la futura madre dei propri pargoli in questa incredibile esperienza. Innanzitutto per riuscire a comportarsi in modo tale per aiutare la donna senza perdersi la magia del parto è buona norma che l’uomo frequenti in precedenza qualche lezione di un corso pre-parto: lo

In Italia è da relativamente poco tempo che le sale parto hanno aperto le loro porte anche ai papà: in ogni caso sale ogni anno il numero degli uomini che vogliono assistere al parto della compagna. In queste righe cercheremo dunque di dare qualche piccolo ma utilissimo consiglio a tutti coloro che abbiano questo desiderio, per aiutare la futura madre dei propri pargoli in questa incredibile esperienza.

Innanzitutto per riuscire a comportarsi in modo tale per aiutare la donna senza perdersi la magia del parto è buona norma che l’uomo frequenti in precedenza qualche lezione di un corso pre-parto: lo inserirà nell’ottica dell’ambiente, riceverà preziose informazioni su come si svolgerà il tutto- non è così scontato che un uomo sappia tutto su travaglio, parto, ecc. ecc.- e dunque non solo per far contenta la propria partner;inoltre servirà a dargli parziali rassicurazioni riguardo alle fobie prettamente maschili, sangue in primis.

Un’altra cosa molto importante da tenere a mente è che il travaglio può durare anche diverse ore: non presentatevi digiuni quindi o cercate di fare uno spuntino per essere al meglio delle proprie forze; servirà anche per evitare di allontanarsi nei momenti meno opportuni ed evitare svenimenti imbarazzanti in sala parto…

Altra cosa da fare prima di entrare nella sala è quella vestirsi comodi- evitate cravatte o cinture troppo strette, idem per quanto riguarda le scarpe: dovete essere agili per potervi muovere in scioltezza- e possibilmente a strati, non troppo pesantemente, anche se fuori ci sono 2° all’interno di una sala parto tra luci e riscaldamento raramente potreste soffrire il freddo.

domani non perdete la seconda parte di questo importantissimo articolo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *