Fasciatoio

Il fasciatoio è un accessorio, un complemento d’arredo nella cameretta dei bimbi piccoli. Personalmente, penso che sia davvero indispensabile, anche se ancora oggi, sono molte le mamme che rinunciano a questa comodità. La principale funzionalità del fasciatoio è quello di poter cambiare il bambino senza problemi e con tutta tranquillità. In alternativa al fasciatoio, c’è il letto o anche il tavolo.

Partendo dal fatto che è sicuramente meglio una superficie piuttosto dura, il letto oltre ad essere scomodo, porta notevole carico e quindi fastidio alla schiena della mamma o di chi cambia il bambino.

Per quanto riguarda il tavolo, anche se si tratta di superficie dura, è altamente sconsigliato, in quanto vi è pericolo che il bimbo cada rivoltandosi a destra e sinistra, avendo a disposizione molto spazio. Dovendo scegliere tra il letto e il tavolo, davvero non saprei dire quali delle due alternative sia la meno peggio. Di certo il fasciatoio è altamente consigliato.

Fasciatoio

Tipologie di fasciatoio

Per quanto riguarda il fasciatoio va detto che ve ne sono di tante tipologie e prezzo, a seconda delle proprie disponibilità finanziarie, delle proprie esigenze di spazio e dei propri gusti.

  • con cassettiera
    E’ il classico fasciatoio con annessa cassettiera. Da sistemare nella cameretta, può essere compresa nell’arredamento del lettino e dell’armadio, oppure può essere acquistata a parte. Solitamente, i cassettoni sono 5, in struttura di legno, in diversi colori per ogni gusto. Il fasciatoio vero e proprio è sistemato nella parte alta, sopra l’ultimo cassetto per intenderci. Questo tipo di fasciatoio è consigliato ovviamente a chi arreda in modo completo la cameretta, o comunque a chi ha molto spazio nell’ambiente.
  • con cassetti e vaschetta
    Esistono anche i fasciatoi con cassetti e con annessa vaschetta, compresa di tubi di collegamento per caricare e scaricare l’acqua. Comoda anche questa soluzione, che permette di fare il bagnetto in tutta sicurezza. Se la vaschetta non si può spostare e sistemare in bagno, occorre scaldare opportunamente la cameretta prima di fare il bagnetto al bimbo.
  • con vaschetta
    Se avete spazio in bagno, potete optare per il binomio fasciatoio-vaschetta. Si tratta di due comodità assolute per poter cambiare il bimbo e fargli il bagnetto nello stesso ambiente. Sono supportati da una specie di carrellino con ruote o senza, a seconda delle nostre esigenze.
  • portatile
    Forse lo conoscono in pochi, non si tratta infatti del classico fasciatoio, ma della versione “portatile”, che rappresenta proprio la sua principale caratteristica: si può infatti spostare da un posto all’altro con estrema facilita. Si può sistemare tra le sbarre del lettino, sulla vasca, sul tavolo. E’ dotato di sei tasconi ai lati, che permettono alla mamma di avere tutto a portata di mano, al momento del cambio. All’interno degli scomparti infatti trovano posto, i pannolini, la crema all’ossido di zinco, i fazzoletti umidificati, la salvietta. Il fasciatoio portatile è comodo perchè si può trasportare in macchina senza problemi, e in ogni caso, una volta chiuso, diventa una simpatica valigetta con tanto di manico, davvero salva-spazio.
  • da passeggio
    Quando il bambino è piccolo è praticamente obbligatorio portarlo a passeggio con il cambio. Un body, un completo, salviettine umidificate, pannolini, insomma tutto ciò che serve. Ma dove mettere tutto il “necessarie”? E all’occorrenza, dove cambiare il bambino? In commercio, si trovano delle borse, che si aprono e diventano fasciatoio e sono composti da diversi tasconi, molto comodi. In questo caso, si tratta di fasciatoi “morbidi” , di piccoli tappetini su cui appoggiare il bimbo e proteggerlo al massimo. In alternativa, si trovano solo i fasciatoi “morbidi” e pieghevoli, da mettere nelle classiche borse del cambio. Le borse solitamente sono in abbinamento con il passeggino, quindi li trovate della medesima tinta. Nel caso in cui la borsa fosse considerato un optional e quindi non le trovate dello stesso colore del passeggino, potete comunque trovare una soluzione idonea. Sono molte le alternative e si può sempre trovare un colore simile al passeggino in dotazione.
  • gonfiabile
    I fasciatoi gonfiabili appartengono alla fascia di quelli portatili. Li trovate in commercio a meno di 20 euro, e sono comodi perchè potete sistemarli dove volete, dopo averli gonfiati. Questi fasciatoi sono realizzati in materiale di plastica colorata con colori atossici e con stampe di diversi soggetti (dai personaggi disney ai fiori). Si lavano facilmente e come gli altri fasciatoi sono dotati di ampi bordi laterali, sempre imbottiti e morbidi che proteggono il bimbo dalle cadute.
  • usa e getta
    Li potremo definire proprio così: “fasciatoi usa e getta”, si tratta di teli grandi come un fasciatoio che si possono appoggiare a tutte le superfici, e sono utili soprattutto durante i viaggi. Sono monouso, ma fino a che non si sporcano, potete utilizzarli.

Come si fa il cambio del pannolino

Il fasciatoio serve ad appoggiarvi sopra il bambino e cambiargli il pannolino. Lo userete quindi almeno per un paio di anni. Ricordatevi che per cambiare il bambino, e per salvaguardare la vostra schiena, l’altezza è molto importante, quindi il fasciatoio deve essere ad un’altezza che vi impedisca di piegare la schiena.

Cambiare il pannolino è un dolce compito della mamma, e dev’essere fatto con cura e senza fretta. Ovviamente, non sarà solo la mamma ad occuparsi del bimbo, ma proverà anche il papà. E’ un momento particolare, e si creerà un rapporto particolare tra il bimbo e la mamma.

Sarà il momento delle coccole, non abbiate fretta di cambiarlo, il bimbo ha bisogno delle vostre attenzioni. Inizialmente il piccolo, verrà cambiato prima e dopo ogni poppata, poi man mano diminuiranno fino ad assestarsi a circa 4 pannolini al giorno, prima di gettarli via definitivamente.

Come cambiare correttamente il bambino

Appoggiatelo sul fasciatoio, ma ricordatevi di non abbandonare il piccolo, nemmeno per un secondo. Assicuratevi di avere tutto a portata di mano e mentre togliete il pannolino, pulite il culetto con le estremità per eliminare i residui fecali. Il consiglio è quello di procedere senza “intaccare” i genitali che andrebbero incontro a infezioni.

A questo punto richiudete il pannolino e fategli il bidet utilizzando una spugna morbida e del detergente per bambini. Per asciugare il culetto e i genitali, procuratevi una salvietta soffice e tamponate , anziché strofinare.

Prima di mettere il pannolino pulito, spalmate nel sederino e nelle pieghe cicciottelle (soprattutto nei neonati), uno strato di crema all’ossido di zinco, per prevenire eventuali rossori, il classico eritema da pannolino.

fasciatoio per neonati

Struttura

Come abbiamo visto, esistono svariate tipologie di fasciatoi. Ma come sono composti? Quanto sono sicuri? Diciamo subito , che con un bambino, anche ciò che sembra sicuro, potrebbe non sempre esserlo. I bambini sono imprevedibili ed è sempre bene sottolinearlo, non dando mai nulla per scontato.

Nel caso specifico, possiamo dire che il fasciatoio è comodo, è sicuramente da preferire al tavolo o al letto, ma è assolutamente vietato lasciare incustodito il bimbo, che girandosi e rigirandosi, potrebbe cadere. Il fasciatoio comunque è formato da bordi alti ai due lati, in modo da “fermare” il bambino nel tentativo di cadere.

Per quanto riguarda la struttura, diciamo che sono tutti morbidi, realizzati in materiale plastico, con stampe colorate, rigorosamente con colori atossici. La plastica ovviamente si può lavare facilmente ed è quindi molto comoda anche per questo motivo. Abbiamo parlato del fasciatoio in se stesso, perchè poi, a seconda della tipologia, lo possiamo trovare su supporti in legno (vedi cassettiera) o altro.

La base del materassino è in plastica, e appena appoggiate il bimbo senza pannolino, potrebbe avvertire del “freddo”. Potete ovviare a questo inconveniente mettendo sulla superficie del fasciatoio delle salviette. Vi consiglio, al fine di sfruttare il più possibile le cose, di utilizzare i classici accappatoi a triangolo per neonati, se li avete e non li usate più, questa potrebbe essere un’ottima soluzione. In alternativa, potete acquistare i teli per il cambio, come abbiamo visto prima tra le tipologie di fasciatoio.

Ricordatevi, che anche i fasciatoi sono regolamentati da norme, in base all’età cui è destinato l’accessorio. Vi sono infatti fasciatoio per bimbi fino ai 12 mesi, e fasciatoi che arrivano a supportare il peso fino ai bimbi di 36 mesi come massimo.

Per i primi, la larghezza deve essere almeno di 38 cm, mentre la lunghezza non deve essere minore di 65. Per i fasciatoi destinati ai bambini fino a 3 anni, la lunghezza minima deve essere di 75 cm, e la larghezza di 55 cm. Queste misure sono dettate dalla normativa UNI EN 12221. Su ogni fasciatoio che rispetti la normativa vigente, vi deve essere applicato un cartellino che regoli questi obblighi di legge.

Dove acquistare

Se decidete di acquistare la cameretta completa per il vostro bimbo, sarà compresa del fasciatoio. Potete rivolgervi presso uno dei tanti negozi specializzati in prima infanzia. Il prezzo varia a seconda della marca e del modello.

Anche per quanto riguarda i singoli accessori, ovvero se volete fare a meno dell’arredamento completo, ma acquistare solo il fasciatoio con cassettiera e/o vaschetta, potete visitare gli stessi negozi. Grande scelta anche nei magazzini dedicati ai più piccoli, dove il risparmio è la più grande convenienza.

Per quanto riguarda i fasciatoi portatili, gonfiabili e/o da passeggio, li trovate in vendita anche nei classici ipermercati, nel reparto dedicato ai bebè. Sicuramente, la scelta non sarà ampia ma per questo tipi di fasciatoi non c’è molto da scegliere, nel senso che i modelli sono praticamente unici (per quelli gonfiabili).

Per i fasciatoi da passeggio, potete andare anche nelle farmacie, e se siete fortunate, potete anche trovarlo in regalo nelle riviste specializzate dedicate alle mamme e ai bambini. Se invece non avete ancora idea su dove cadrà la scelta, potete comunque visitare siti internet di aziende on line.

Tanti modelli completi di foto, dettagli tecnici, prezzo. In molti casi vi è la possibilità di acquistare tramite internet e pagare in tutta sicurezza col metodo che più preferite. Se acquistate on line dovrete mettere in conto le spese di spedizione e i giorni necessari prima della consegna, oltre a possibili inconvenienti.

Se invece optate per un “usato”, sempre sul web sono molti i forum di mercatini dedicati al mondo dei bimbi. Oltre ad abbigliamento e giochi, troverete anche offerte sui fasciatoi. Non mancano annunci di vendita di fasciatoi, anche sui siti di aste on line. In fondo alla guida, una serie di link cui potete rivolgervi per dare un’occhiata e farvi un’idea, prima di acquistare un fasciatoio. L’unico neo, acquistando su internet, è il fatto che comprate a “scatola chiusa”,mentre se vi recate di persona nei negozi specializzati, potrete toccare con mano.

Se preferite “togliervi” questa spesa, potete inserire il fasciatoio nella lista nascita. La lista funziona esattamente come quella dedicata alle nozze, dove parenti ed amici, si recano presso un determinato negozio, scegliendo un regalo tra quelli in lista, già designati dai neo genitori.

Oggi è davvero molto di moda, stilare la lista nascita, che comprende di tutto, dal succhiotto del valore di pochi euro, al fasciatoio appunto. Un po’ per tutte le tasche, senza il rischio di fare un regalo non gradito, magari inutile.

Aziende produttrici

  • Includo
    Una serie di link di produttori di accessori per l’infanzia
  • Brevi
    Il sito ufficiale di una delle ditte produttrici di fasciatoi.


Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *