Ecommerce: il risparmio è assicurato

Come ogni fenomeno che si rispecchia in grandi mutamenti dei comportamenti di massa, anche quello degli acquisti effettuati online dal suo primo boom ha vissuto fasi alterne, sia in termini di popolarità sia in termini di settori commerciali maggiormente coinvolti. Tutti sono concordi nell’affermare che il primo vero pioniere dell’e-commerce in Italia è stato e-Bay; il portale di vendita ed acquisto su internet più grande al mondo ci ha insegnato il significato della spesa su web, di pagamento digitale e della necessità di imparare a sostituire la vecchia moneta con strumenti più moderni come le carte di credito o i conti in stile paypal.

Con eBay, e subito dopo grazie a siti web come Kelkoo, il primo settore commerciale a trarre vantaggio dagli acquisti online è stato quello dell’elettronica. Anche gli utenti meno smaliziati hanno capito subito come, comprare un bene di elettronica su internet, magari all’estero, portava da vantaggi economici in termini di sconto. A seguito dell’elettronica è toccato al settore dei viaggi; ed in questo caso Ryanair da una parte e portali come Expedia dall’altro, ci hanno fatto vedere come, dopo tutto, la vecchia agenzia di viaggio tradizionale non era più così necessaria per organizzare le proprie vacanze anche dall’altra parte del mondo.

Il terzo grande boom degli acquisti online è stato quello determinato dai siti basati sui cosiddetti coupon: Groupon, Groupalia e Letsbonus sono solo alcuni dei nomi di questi settori. Con loro abbiamo imparato ad acquistare online non bene ma servizi, come trattamenti in centri benessere, esperienze di divertimento o più semplicemente una cena a prezzi scontati.

A sorpresa l’ultimo boom, in ordine di tempo, è quello nell’abbigliamento. Su siti web come Zalando, gli utenti italiani hanno trovato una valida alternativa a boutique e centri commerciali, potendo acquistare gli stessi capi di abbigliamento a prezzi scontati e con consegne in tempi brevi. Non mancano infine i negozi online dedicati ai bambini che permettono di risparmiare sui giocattoli e l’abbigliamento.

Ma la storia degli acquisti online non è destinata a finire qui….

 

Si ringrazia per l’articolo Susanna



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *