Depressione nei bambini

La depressione è il tarlo indioso del nostro tempo. La depressione adolescenziale è un disturbo che va riconosciuto e soprattutto va trattato immediatamente e nel modo più adeguato, per evitare che possa causare seri problemi negli anni a venire. Tutti conosciamo i rischi della depressione, ma non tutti i genitori conoscono i segnali da leggere nel comportamento dei loro figli per cogliere subito eventuali tendenze depressive e poter intervenire tempestivamente.

Cos’è la depressione nei bambini

La maggior parte delle persone in determinati periodi della propria vita, ha sofferto momenti di tristezza e sconforto, che è riuscito a superare in breve tempo senza effetti dannosi sulla propria vita e le proprie relazioni sociali. Una persona che soffre di depressione, però, vive questi momenti in maniera molto più grave, non riuscendo a trovare in sé stessa la forza e la capacità di superare le difficoltà e le avversità della vita. Purtroppo non è una questione che riguarda solo gli adulti, dato che sono in constante aumento i casi di depressione nei bambini.

Molte persone depresse raccontano infatti di aver manifestato i primi sintomi in fasi precoci della loro vita, fin dall’adolescenza.

Depressione nei bambini

Depressione nei bambini e negli adolescenti

La depressione nei bambini spesso si configura come un disturbo frequente, di origine familiare, che può continuare fino all’ età adulta e degenerare in forme di patologie più o meno gravi. Esiste in psichiatria un testo, il DSM IV che raccoglie tutte le patologie psichiatriche più diffuse tra la popolazione. In particolare in questo testo vengono riconosciute ben quattro forme di depressione, il che rende un’ idea di quanto il fenomeno sia diffuso tra la popolazione e delle diverse modalità con cui può manifestarsi.

In base a numerose ricerche condotte, si è concluso che il periodo dell’ adolescenza rende i ragazzi più suscettibili ai fenomeni depressivi e si notato un modesto aumento di casi di depressione negli adolescenti negli ultimi decenni. Le ragazze adolescenti sembrerebbero essere più colpite dalla depressione rispetto ai ragazzi.

Identificare la depressione nei bambini

L’ adolescenza come tutti sanno, è un periodo molto delicato nella vita di ogni ragazzo, ricca di cambiamenti non solo fisici ma anche emotivi e relazionali. Il punto centrale nel valutare una possibile situazione di depressione nei bambini è di cercare di comprendere se i frequenti cambiamenti di umore, l’aggressività, la chiusura in sé stesso possano essere semplicemente considerati come dei periodi di passaggio, tipici dell’età adolescenziale e alla “tempesta emotiva” a cui si è soggetti.

Chiaramente il problema non è di facile risoluzione, ma considerando alcuni aspetti ben più specifici si potrà meglio comprendere questa fase delicata che ognuno di noi ha attraversato e superato più o meno faticosamente.

Segni della patologia depressiva

Esiste una serie di elementi distintivi che possono caratterizzare in maniera decisiva alcuni comportamenti tipici della depressione nei bambini

Umore
i normali sbalzi di umore che ciascun adolescente può presentare, nel caso di una depressione, sono molto più intensi. Molto spesso il soggetto appare triste e a volte reagisce in maniera eccessivamente aggressiva nei confronti dell’altro.

Pubertà
un adolescente depresso avrà molte difficoltà ad accettare l’avvento della pubertà. Manifesterà numerosi dubbi circa la propria identità. In particolare, a causa dei cambiamenti ormonali, le femmine risultano essere maggiormente suscettibili a tali cambiamenti. Nelle ragazze depresse il ciclo può essere irregolare e spesso è associato a disagi non solo fisici ma anche psicologici, che risultano eccessivi. Spesso possono piangere senza motivo, isolarsi facilmente e relazionarsi in maniera scontrosa.

Sviluppo cognitivo
La depressione nei bambini li fa andare male a scuola. Il rendimento del soggetto affetto viene compromesso a causa della propria irrequietezza e della mancanza di volontà e di impegno nei compiti scolastici.

Autostima
Il bambino depresso prova la sensazione di aver deluso tutti, compreso sè stesso. Il senso di autostima in questi soggetti è molto basso, elevato, al contrario, il senso di impotenza e di disperazione

Salute fisica
La depressione nei bambini provoca un aspetto piuttosto pallido e affaticato. Soffre di frequente di mal di testa, mal di pancia, perdita dell’ appetito. Frequente una consistente perdita di peso corporeo.

Tendenza al suicidio
Alcuni adolescenti depressi, presentano idee suicidarie che non è detto mettano in pratica. In ogni caso, bisogna sempre tenere a mente che il suicidio è al terzo posto tra le cause di morte negli adolescenti. Spesso, però, si è rilevato che chi tenta il suicidio, in passato ne ha parlato con qualcuno. I giovani a rischio di suicidio manifestano repentini cambiamenti nella loro vita: hanno disturbi del sonno, spesso bevono alcolici ed assumono droghe, e purtroppo, a volte basta una delusione dovuta a relazioni sentimentali finite male o a piccoli insuccessi scolastici a far scattare in certi soggetti già predisposti, l’ idea di “farla finita”.

Tendenze alla depressione nei bambini

Spesso alla base di una depressione nei bambini troviamo un evento scatenante traumatico per il soggetto che lo vive. La perdita di una persona cara, il divorzio dei propri genitori, o la mancanza di un supporto emotivo adeguato possono portare l’adolescente a chiudersi in sé stesso e a non comunicare più con l’ambiente circostante.

E’ stato osservato che circa il 50% delle depressioni è dovuto ad un evento particolarmente stressante nella vita dei soggetti che ne soffrono. E’ importante anche ricordare che esiste anche una certa predisposizione biologica alla depressione.

Chi ha genitori che in passato hanno sofferto di episodi depressivi, può avere una tendenza a manifestare la stessa patologia. Il supporto della famiglia all’ adolescente depresso è di fondamentale importanza: i soggetti depressi hanno all’ interno del nucleo familiare relazioni anomale, numerosi conflitti e rapporti ostili tra i membri della famiglia, comunicano poco e spesso all’ interno della famiglia sono rare le manifestazioni d’ affetto nei confronti dei figli.

Depressione in età infantile

Comprendere se e perché siamo in presenza di un caso di depressione nei bambini non è un compito semplice. Numerosi studi hanno evidenziato che in età scolare ( intorno ai 5 – 6 anni ), i bambini riescono meglio a comunicare con gli altri e, di conseguenza, possono condividere i propri stati d’ animo con le persone che li circondano quotidianamente.

Molto spesso sono proprio gli insegnanti i primi a notare certi atteggiamenti insoliti nei bambini. Il bambino depresso è sempre triste, rende poco a scuola, tende ad isolarsi dal resto dei compagnetti e a giocare solo e comunica poco con i suoi coetanei.

Quando parliamo di depressione nei bambini, quindi, ci riferiamo alla fascia d’ età che va dai sei agli undici anni circa. Esistono alcuni elementi che sono stati considerati molto significativi per comprendere la reale condizione del piccolo. Secondo alcuni psichiatri quando un bambino dice frequentemente di essere annoiato, per circa il 60-90% del suo tempo, è possibile che ci si trovi dinnanzi ad un bambino depresso.

Un altro parametro considerato è il livello di autostima in questi bambino. La depressione nei bambini provoca infatti nel soggetto lo sviluppo di una cattiva opinione di sé, ed egli si considererà “stupido” o “antipatico”.

Altri elementi utili da osservare sono il rendimento scolastico, se e in che termini il bambino varia le sue abitudini alimentari ( ad esempio comincia a mangiare sempre meno ), se smette di giocare e di provare piacere durante le attività che solitamente divertono i bimbi, e se mette in atto comportamenti aggressivi, non solo verso gli altri, ma anche e soprattutto verso sé stesso.

La depressione nei bambini porta i piccoli a scelgiere sempre di giocare da soli, e nelle occasioni in cui si rapportano con altri bambini sono oppositivi e aggressivi.

Un aspetto molto importante da valutare nel bambino è la presenza di sentimenti di colpa. I bambini con depressione diventano sempre più critici verso sé stessi, e ricercano in tutti i modi delle conferme da parte di chi gli sta attorno.

Terapia delle depressioni nell’adolescenza e nell’infanzia

La cosa più importante da fare per combattere la depressione nei bambini è l’intervento precoce. Agire in maniera tempestiva è di primaria importanza per non correre il rischio che il disturbo possa incidere nelle diverse fasi dello sviluppo del soggetto e diventare patologie ancora più serie.

Un dato confortante è quello che sostiene che le depressioni durante l’ adolescenza o durante l’ età infantile, se ben curate e monitorate continuamente, hanno grosse potenzialità di guarigione. Il problema è identificare il problema e parlarne tempestivamente con un professionista.

Il coinvolgimento della famiglia nella terapia della depressione è un aspetto critico. Alcuni genitori o altri membri della famiglia ( fratelli o sorelle ), a volte tendono ad assumere un atteggiamento errato nei confronti del problema.

Spesso hanno grosse difficoltà ad accettare e ad ammettere che il proprio figlio sia depresso. Un punto centrale della terapia che coinvolge i familiari del bambino o dell’ adolescente con depressione, è lo stabilire alcuni semplici obiettivi del trattamento.

La famiglia sarà portata a specificare quali sono i cambiamenti necessari da effettuare per permettere il miglioramento del clima familiare. E’ importante che i genitori comprendano che non è il terapeuta che deve “aggiustare” la situazione, ma che il miglioramento è possibile solo a condizione che tutti si impegnino a collaborare in maniera ottimale.

La terapia cognitivo comportamentale

Questo tipo di terapia si basa sul presupposto che alla base della depressione di questi soggetti vi sia una serie di idee errate sulla propria persona. Come abbiamo detto, i soggetti depressi tendono a considerarsi inferiori rispetto agli altri, nutrono sentimenti de colpa che non sono giustificabili, e sono molto poveri di autostima.

Le sedute hanno inizio con la stesura di un diario in cui vengono elencati e scritti tutti i problemi che si vogliono discutere e risolvere. In una prima fase delle sedute si cerca di stabilire un confronto con il paziente, di metterlo a proprio agio e di farlo parlare senza alcun timore.

Successivamente si lavora su ogni singolo aspetto problematico, si identificano quei pensieri che incidono negativamente sull’ autostima del bambino e si interviene sugli stessi per modificarli e renderli più compatibili con la personalità.

Inoltre vanno anche modificati i comportamenti di tipo depressivo, che portano il soggetto ad isolarsi e a chiudersi senza un reale motivo. Ovviamente, poiché il terapeuta sa di aver davanti un bambino, piuttosto che un adolescente, sarà in grado di strutturare la situazione in maniera adatta all’ età del piccolo paziente. Con i bambini più piccoli vengono, infatti, create situazioni simili al gioco, per cercare di far sentire il bambino in un ambiente familiare e accogliente, e portarlo, così, ad esprimersi e ad aprirsi in modo quanto più naturale possibile.

Approfondire la depressione nei bambini

  • Il tuo psicologo
    Sito che tratta e mette a conoscenza le principali patologie psichiatriche.
  • Psichiatria Brescia
    Sito che approfondisce i disturbi depressivi in età adolescenziale.
  • Kataweb Salute – http://www.repubblica.it/salute/index.html
    Sito che riassume i principali trattamenti farmaceutici e psicoterapeutici per la depressione
  • Ipsico – http://www.ipsico.org
    Sito di psicologia che fornisce indicazioni sui trattamenti di psicoterapia comportamentale e cognitiva
  • Psicoterapia – http://www.psico-terapia.it
    Sito che spiega la correlazione tra le sindromi depressive ed il rischio di suicidio
  • Aldo Zecca – http://www.aldozecca.net
    Sito che approfondisce gli aspetti similari e distintivi tra depressione di adulti e depressione infantile e adolescenziale.

Avvertenza

Questa guida sulla depressione nei bambini riveste solamente carattere informativo e consultivo per la conoscenza generale di questa problematica. Non può e non deve in alcun modo essere interpretata come un parere medico e scientifico vincolante, o un invito a prendere iniziative terapeutiche di aclun genere o assumere farmaci; questo non è lo scopo di questa guida. Ricordiamo che diagnosi e prescrizioni di farmaci sono esclusiva competenza di medici e specialisti. Non si assumono quindi responsabilità per errate interpretazioni di comportamenti dei bambini, o arbitrario utilizzo di farmaci e terapie, poichè questo sito non vuole in alcun modo promuoverle o suggerirle, ma solo portarle a vostra conoscenza. Per qualsiasi sospetta problematica legata alla depressione nei bambini fate sempre ricorso a medici e specialisti; nel dubbio, non ricorrete mai ad autodiagnosi o automedicazioni.



Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *