Gomme da neve

La sicurezza che la nostra auto può offrirci in inverno, soprattutto quando la strada è coperta da neve e peggio ancora da ghiaccio, dipende molto dal tipo di gomme che montiamo. Questi fenomeni atrosferici riducono infatti l’aderenza e possono provocare sbandamenti e scivolamenti laterali, con le ovvia pericolose conseguenze che possiamo immaginare. Inotre, anche i celebri SUV e gli stessi fuoristrada, senza una gomma adeguata non sono poi così efficenti sulla neve come si potrebbe pensare. Per evitare rischi con la guida sulla neve si possono montare le catene oppure adottare stabilmente gomme da neve. Vediamo cosa sono e come si scelgono..

Le gomme da neve

Per evitare di correre rischi – e addirittura fare incidenti – quando si deve guidare sulla neve, è dunque consigliabile l’uso di uno di questi due sistemi. Ci sono però differenza sostanziali tra essi.

  • Catene da neve
    Le catene si possono usare solo quando vi sia già un rilevante strato di neve sulla strada e vanno montate ogni volta alla bisogna, per poi smontarle appena superato il tratto innevato.
  • Gomme da neve
    Le gomme da neve, o più tecnicamente “pneumatici invernali“, si montano invece dal gommista a inzio inverno e si smontano, sempre dal gommista, al termine della brutta stagione. Le gomme da neve si differenziano dai pneumatici tradizionali perché la loro mescola contiene una elevata percentuale di silice, che permette una migliore aderenza all’asfalto anche a bassa temperatura (attorno a 6 o 7 gradi centigradi). La silice che partecipa alla mescola di queste “ruote” rende la gomma della “tenerezza” adeguata per riuscire tenere al meglio la strada.

Ovviamente non tutti gli pneumatici invernali sono uguali: i migliori sono quelli contrassegnati dalla dicitura M+S che sono le lettere iniziali delle parole inglesi Mud+Snow, cioè fango e neve; questi sono più adatti ai terreni non asfaltati e irregolari.

Gomme da neve

Oltre a questo simbolo compare anche una montagna accompagnata dal logo del fiocco di neve, che stanno ad indicare l’adattabilità alle strade montane. Sulle gomme da neve è indicata inoltre anche:

  • larghezza della gomma in mm, ad esempio 205
  • diametro del cerchio in pollici, ad esempio 16
  • altezza del fianco in rapporto alla larghezza in mm, ad esempio 55

Conoscere questi numeri è importante quando si vuole acquistare delle gomme da neve perché dobbiamo attenerci a quei parametri, riportati sul libretto di circolazione.

Secondo la legge le gomme da neve sono equivalenti alle catene quindi se per strada incontriamo un cartello che ci obbliga a viaggiare con le catene montate possiamo stare tranquilli che utilizzandole non rischieremo nessuna multa salata. In più, a differenza delle catene, esse possono essere usate anche sull’asciutto.

Pneumatici invernali M+S

Gli pneumatici invernali sono classificati a livello internazionale con la sigla M+S che come abbiamo visto significa Mud and Snow, cioè neve e fango. La silice di cui sono composte permette alle gomme di rimanere morbide anche alle temperature più basse, così gli incavi che attraversnao i tasselli del battistrada, riescono a prendere la neve fresca e renderla compatta tra la strada e la gomma.

In caso di neve queste gomme mettono in atto dei meccanismi di funzionamento diversi a seconda che sia presente neve o ghiaccio. Se la neve è fresca, la forte pressione esercitata dall’auto aggrega i cristalli di ghiaccio di cui è composta la neve e la gomma riesce a far presa sulla strada perché la neve si trova a contatto con altra neve. Se sulla strada è invece presente del ghiaccio, si attiva l’azione delle lamelle dei penumatici; queste riscaldando il battistrada, determinano una differenza di temperatura fra ghiaccio e pneumatico, realizzando un effetto adesivo.

Per aver chiaro il funzionamento della gomma sul ghiaccio può risultare utile toccare un cubetto di ghiaccio con un dito e si produrrà lo stesso effetto. A questo punto molti si chiederanno quali siano le differenze di struttura tra le gomme normali e quelle invernali. Beh, certamente una differenza sostanziale consiste nel disegno e nella scolpitura del battistrada.

Prendiamo in esame gli altri elementi componenti delle gomme da neve.

Oltre alle lamelle di cui abbiamo già visto cosa sono e a cosa servono ci sono gli incavi che attraversano il battistrada e creano i disegni a freccia o ad onda sulla neve, a differenza di quelli delle gomme estive che sono più stretti e meno profondi. In più le gomme da neve hanno la mescola composta di silice che, come già detto, ha lo scopo di mantenere le gomme morbide anche alle basse temperature, mescolandola al caucciù.

Per quanto riguarda il disegno è necessario fare attenzione a montarlo rispettando un eventuale senso di rotazione; cioè le 4 ruote devono essere impostate tutte nello stesso verso e devono coincidere con il senso di marcia. Non vi allarmate, non è difficile montarle perché tutto è spiegato perfettamente nel libretto di istruzione fornito e che è opportuno leggere attentamente prima di montarle.

Una volta montate ci si deve accertare che la pressione sia maggiore di 0,2 bar rispetto a quelle normali.

In primavera quando le togliamo, dobbiamo aver cura di conservarle al riparo dal sole e in luoghi freschi come le cantine e se poi le laviamo prima di riporle è ancora meglio.

Gomme termiche da neve

Come scegliere le gomme da neve

Come abbiamo visto i pneumatici invernali sono molto utili ed importanti ma è importante anche scegliere i più adeguati alla nostra vettura. Tutte le indicazioni utili da fornire al venditore per poter acquistare le gomme da neve che fanno al caso nostro si troveranno nel libretto di istruzioni dell’auto, dove però saranno scritte in codice e sigle; pertanto chi non è esperto del settore avrà difficoltà a decifrarle e dovrà chiedere aiuto al gommista.

Nel libretto sono innanzitutto indicate due informazioni fondamentali e cioè le misure previste dall’omologazione e i codici riferiti alla velocità. Di solito non sono vincolanti ma si ha la possibilità di scegliere fra più misure; ad esempio se prevediamo di usarle su uno strato di neve assai spesso, frutto di nevicate successive e ripetute, dovremmo scegliere quelle più strette che offrono un’aderenza maggiore; invece se il terreno è asciutto si possono utilizzare anche quelle più larghe.

I “codici della velocità” richiedono una particolare attenzione nella consultazione:

la legge ammette l’uso di gomme con codici superiori a quelli indicati ma non inferiori.

Se non si rispetta questa regola si incorrerà in multe salate. Di seguito riportiamo una lista delle sigle dei codici e alle velocità corrispondenti:

  • lettera Q: fino a 160 Km/h
  • lettera R: fino a 170 Km/h
  • lettera S: fino a 180 Km/h
  • lettera T: fino a 190 Km/h
  • lettera H: fino a 210 Km/h
  • lettera V: fino a 240 Km/h
  • lettera ZR: oltre i 240 Km/h

Oltre al codice per la velocità viene riportato anche un numerino che indica il peso massimo che la gomma può sopportare, in termini tecnici il carico; anche questo, come per il codice di velocità,

ammette un valore superiore a quello riportato sul libretto ma non inferiore.

A questo punto, dopo aver scelto le gomme da neve più adatte alla vostra auto, ricordate che guidare su ghiaccio è sempre pericoloso, pertanto dovete viaggiare ad una velocità non superiore ai 50 km/h. E buona norma informarsi sui cm di neve presenti sulla strada che percorreremo prima di metterci in marcia. Sebbene le gomme invernali siano molto efficace, la loro funzione risulta vana nel caso in cui la neve supera i 20 cm e si rischia che l’auto resti bloccata sotto la neve.

Se questo succede dobbiamo montare le catene perché fanno più trazione e cercare di spalare la maggior quantità possibile della neve che sta sotto e intorno alla macchina.

Alternativa alle gomme da neve: le catene

Come abbiamo accennato in qualche paragrafo precedente le gomme da neve sono molto più pratiche e comode rispetto alle catene perché si montano una sola volta per tutta la stagione invernale e non c’è bisogno di toglierle appena smette di nevicare o di ghiacciare. Le catene, al contrario sono scomode da montare soprattutto se ci troviamo di fronte ad una nevicata improvvisa e ci dobbiamo fermare per montarle. Questa operazione può esser anche pericolosa ma rimane l’unica alternativa se non abbiamo pneumatici invernali.

La lagge non fa differenza tra catene e gomme da neve; cioè se troviamo un cartello che ci obbliga a viaggiare con le catene ma abbiamo le gomme da neve, non stiamo trasgredendo il codice della strada!

Se ci facessero una multa potremmo far ricorso ma se non si hanno né le une nè gli altri dovremo pagare una multa salata e ci vedremo sequestrare l’auto; nel caso in cui fossimo recidivi saremmo costretti a pagare di nuovo la multa e ci toglieranno 3 punti dalla patente.

A proposito di catene dobbiamo precisre che non tutte vanno bene ma solo quelle omologate per l’italia, cioè le CUNA NC 178-01 o le O-NOrm; se montiamo delle catene diverse da queste saremo comunque multati e senza la possibilità di fare ricorso. Per questo motivo si consiglia di conservare le catene nella confezione originale per dimostrare, in caso di necessità, che si tratta della marca omologata.

Allo stesso modo se vogliamo spostarci in macchina in altri paesi dobbiamo informarci in tempo sull’omologazione adotata in quel paese. Altra raccomandazione: verificate sul libretto di circolazione se le gomme della vostra auto possono montare catene; in alcuni casi infatti, il poco spazio tra battistrada e braccio delle sospensioni impedisce il montaggio per non causare danni alla gomma.

Le catene sono necessarie solo se sulla strada ci sono 4-5 cm di neve o ghiaccio. Montarle non è difficile, basta accostare in una zona sicura, magari una piazzola di sosta, sistemare il triangolo, indossare il giubottino catarifrangente e procedere al montaggio. Le catene sono disponibili in diverse tipologie: a scaletta, economiche ma poco efficaci, a rombo efficaci e sicure e con sezione tonda o quadrata e anche i prezzi sono variabili da un minimo di 36 ad un massimo di 169 euro.

Obbligo gomme da neve all’estero

Dopo aver esaminato la normativa e il codice della strada italiano in caso di neve vediamo ora come ci dobbiamo comportare in fatto di gomme da neve se andiamo all’estero con la nostra macchina. Ovviamente è consigliabile informarci prima di partire per la vacanza per non rschiare di avere sorprese sgradite.

  • Germania
    non esiste nessun obbligo ma se facciamo un incidente non abbiamo la copertura dell’assicurazione kasko potrebbe essere difficile far valere le nostre ragioni
  • Austria
    la situazione è la stessa ma in alcune strade di montagna è obbligatorio utilizzare le gomme da neve
  • Svizzera
    in caso di incidenti con gomme non adatte le conseguenze sono molto severe quindi la legge obbliga ad usarle; le multe per i trasgressori sono salatissime
  • Francia
    previsto l’obbligo solo in alcune zone di montagna che vengono segnalate con cartelli stradali appositi
  • Finlandia e Lettonia
    l’uso delle gomme da neve è obbligatorio dal primo dicembre al 28 di febbraio e per i mezzi pesanti oltre le 3,5 tonnellate esiste un obbligo preciso
  • Finlandia
    stabilisce multe in base al reddito del trasgressore che quindi possono risultare molto salate
  • Svezia e Norvegia
    l’obbligo riguarda solo i cittadini residenti, non i turisti
  • Slovenia
    l’obbligo delle gomme da neve si estende dal 15 novembre al 15 marzo
  • Olanda, Belgio, Lussemburgo
    non è obbligatorio viaggiare con le gomme da neve anche se sono consigliate, ma è vietato utilizzare le gomme chiodate
  • Danimarca
    non è obbligatorio usare gomme da neve ma sono consentite le gomme chiodate
  • Estonia
    il periodo in cui è obbligatorio usare le gomme da neve è flessibile e va dal 1 dicembre al 28 febbraio e solo se le condizioni climatiche lo richiedono l’obbligo può essere prolungato nel tempo
  • Lituania
    obbligatorie dal 1 dicembre al 1 aprile
  • Grecia
    non prevede nessun obbligo
  • Polonia
    nonostante sia un Paese molto freddo non prevede nessun obbligo ma è meglio portarle con sé
  • Repubblica Ceca
    identica la situazione della Polonia

E interessante notare come le gomme da neve siano più utilizzate nei paesi in cui non sono obbligatorie.

Migliori marche di gomme da neve

Le gomme da neve costano in generale il 10% in più rispetto a quelle normali ma questa spesa si ammortizza facilemte se pensiamo agli incidenti che potremmo evitare e al livello di sicurezza che ci offrono. Il loro costo poi non è alto in assoluto perché si trovano anche pneumatici da neve a prezzi più bassi di quelli di listino e se si acquistano su internet si può risparmiare fino al 50%

  • Goodyear
    Terza produttrice di gomme al mondo, la statunitense Goodyear Tire and Rubber Company si distingue per il tipico disegno a freccia che offre una migliore resa sulla neve e sull’asfalto bagnato anche grazie ai due grandi canali che l’attraversano. I prezzi variano a seconda delle misure e si aggirano in media sui 336 euro ma si trovano anche a 125 mentre su internet i costi scendono fino a 113 euro.
  • Bridgestone
    E nata nel 1931 in Giappone e nel 1988 acquistò la Firestone. le gomme Bridgestone presentano canali che si incrociano formando delle onde e realizzando un disegno particolare che permette di ottenere milgiori risultati nella frenata, grazie alle lamelle che seguono il senso di marcia. I prezzi partono da 226 euro ma su internet si trovano a poco più di 100 euro.
  • Dunlop – http://www.dunlop.eu/dunlop_itit/
    Nata nel 1888 a Dublino, la sua attuale sede centrale si trova in Gran Bretagna. Il battistrada di queste gomme si distingue per la presenza di due grandi canali simmetrici, ideali per catturare la neve ed ottenre una buona presa sui terreni ghiacciati. I prezzi partono da 170 euro ma su internet troviamo prodotti ad un costo più basso, intorno ai 104 euro.
  • Pirelli – http://www.pirelli.com/tyre/it/it/homepage.html
    Sebbene la Pirelli sia nata nel 1872 a Milano, creà il primo pneumatico solo nel 1902. Le gomme Pirelli presentano molte lamelle che consentono un’ottima tenuta di strada, soprattutto in curva. Il modello snow sort in particolare è particolarmente silenzioso. Si caratterizzano per un design asimmetrico che si adatta ai modelli di gamma medio-alta. I prezzi variano in base alle misure: quelle delle più piccole vanno partono dai 161 euro ma in internet si possono trovare a 99
  • Michelin – http://www.michelin.com/
    Nata alla fine dell’800 in Francia, Michelin è una delle principali case produttrici di pneumatici ed occupa il 20 % del mercato internazionale. Le gomme Michel presentano delle lamelle dalla forma molto ricercata, in grado di offrire una buona tenuta in curva e una buona trazione. I prezzi partono da 221 euro ma su internet si trovano a 132.


21 Commenti

  1. tino
  2. donatella
  3. valter
  4. Giovanni Lattanzi
  5. raffaello
  6. gianluca
  7. Areannunci.com
  8. Alberto
  9. Giovanni Lattanzi
  10. Salvatore
  11. ferrari mariella
  12. Alberto Pettirossi
  13. andrea
  14. Giuseppe
  15. De Grandis
  16. giovanni zaniboni
  17. giovanni zaniboni
  18. De Grandis
  19. De Grandis
  20. giovanni zaniboni
  21. Luigi Pollice

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *