Tipi di tappeti

Scopri come impreziosire la tua abitazione con tappeti da arredo e funzionali. In casa ce ne sono sempre tanti di tappeti, di diverso tipo e con diverse funzioni: sono i tappeti, utili ed esteticamente importanti, in una casa non possono mancare. Materiali, forme, colori tra i più diversi rendono la scelta dei tappeti una decisione di stile, oltre che di praticità.

Tipi di tappeti

Tipi di tappeti

A seconda di dove sono collocati, di quale materiale sono fatti e della funzione che hanno, in una casa esistono diversi tipi di tappeti:

  • tappeti scendiletto
  • tappeti antiscivolo
  • tappeti zerbini
  • tappetini assorbenti
  • tappeti da bagno
  • tappeti da arredo
  • tappeti passatoia

I tappeti scendiletto sono solitamente lunghi e stretti, posti a fianco del letto, dalla parte dove solitamente si scende per alzarsi. Gli scendiletto, come dice la parola, servono a poter poggiare i piedi ancora scalzi quando si scende dal letto, senza incontrare il freddo pavimento. I materiali possono essere diversi, ma solitamente i tappeti scendiletto sono morbidi e soprattutto caldi. Anche un tappeto da arredo, se della forma e della grandezza giuste, possono fungere da scendiletto.

I tappeti antiscivolo sono tappeti in gomma, in poliacrilico o in poliestere, con un retro appunto antiscivolo, che servono proprio a evitare cadute sotto la doccia. La collocazione di questi tappeti infatti è proprio il bagno e precisamente il luogo dove ci si lava: i materiali con cui sono realizzati vasche e piatti doccia, a contatto con l’acqua diventano scivolosi e quindi anche pericolosi; i tappeti antiscivolo servono per creare uno strato stabile tra la persona e la parte scivolosa. Possono essere realizzati in diverse forme, adattabili ai diversi piatti doccia o alle vasche: quadrati, rettangolari, ovali, oblunghi. Mentre dal lato che rimarrà a contatto con la persona possono avere svariati disegni e colori, sul retro ci sarà soltanto il sistema antiscivolo, spesso costituito da microventose che si attaccano alla resina della doccia o della vasca. In alterntiva ai tappeti, esistono simpatici accessori, spesso realizzati con forme divertenti, dotati anch’essi di microventose, da attaccare uno vicino all’altro per formare la zona antiscivolo, sempre in vasca o in doccia.

I tappeti zerbini o stoini sono realizzati per lo più in fibre di cocco e si collocano all’ingresso di una casa, poco prima della porta d’entrata. La loro funzione, come tutti sanno, è quella di permettere a chi entra di strofinare la suola delle scarpe in modo da togliere polvere ed eventuale terra o fango, ed entrare in casa senza sporcare troppo i pavimenti. Gli zerbini sono solitamente rettangolari e non troppo grandi, larghi quanto la porta di ingresso o più piccoli; ma anche qui se ne possono trovare di forme diverse, con disegni simpatici, scritte divertenti, oppure possono essere personalizzati: alcune ditte infatti li realizzano a seconda delle richieste, con loghi o disegni o scritte personalizzate, per accogliere i propri ospiti in modo singolare.

I tappetini assorbenti sono tappeti realizzati in materiali appunto assorbenti per la parte filtrante da tenere verso l’alto, e con materiali impermeabili nella parte sottostante, a contatto con il pavimento e sono utilizzati in casa per gli animali. Da collocare nel luogo dove gli animali domestici sono soliti stare o subito fuori dalla porta una volta che sono stati addestrati, questi tappeti assorbono eventuali bisogni di cani e gatti. Oltre ad assorbire tali inconvenienti, questi tappeti sono spesso dotati di sistemi antiodore che catturano e imprigionano i batteri colpevoli dei cattivi odori. Spesso questi sistemi sono costituiti da polimeri, che fanno anche in modo di essere impermeabili: quando si sollevano da terra infatti, questi tappeti non sgocciolano e possono essere lavati con tranquillità.

I tappeti da arredo si possono scegliere tra possibilità infinite, per materiali, forme, colori, fantasie e dimensioni. Da collocare nelle zone giorno di una casa, possono assolvere a diverse funzioni: coprire un pavimento che non convince molto; rendere accogliente la zona relax e conversazione; fornire un ulteriore base per sedute più easy per gli ospiti.

I tappeti da bagno, realizzati in spugna, cotone assorbente o anche bambù, sono tappeti pensati per assorbire l’acqua che spesso cade inavvertitamente sul pavimento in un luogo come il bagno. La loro principale caratteristica deve essere appunto l’idrofilia, cioè devono potersi imbevere di liquido, senza lasciarlo espandere. Si possono trovare in tanti colori e dalla forma classica rettangolare, si passa alle forme dei set da bagno: un tappeto per il wc, uno per il bidet e uno per il lavandino, fatti apposta per circondare completamente la base di questi tre sanitari, in modo che l’acqua non passi mai sul pavimento.

Infine i tappeti passatoia sono tappeti lunghi e stretti da mettere sulle scale di un palazzo oppure da una porta a un’altra di una stanza o di un corridoio; servono appunto per “passare”, sono tappeti di passaggio da una zona ad un’altra.

Materiali costruttivi dei tappeti da arredo

I tappeti da arredo devono avere due caratteristiche fondamentali:

  • il materiale a contatto con il pavimento deve essere liscio e non permettere la formazione di graffi sul pavimento, se questo è particolarmente delicato; inoltre il tappeto deve essere antisdrucciolo, altrimenti se il pavimento sottostante è lucido, si rischia di cadere
  • il materiale visibile deve essere piacevole al tocco e soprattutto alla vista

Detto questo, è importante saper scegliere un tappeto in base alle proprie esigenze, cioè soprattutto in base al pavimento che si possiede in casa.

Se il pavimento che possediamo non è molto pregiato e ce ne importa poco perché magari è vecchio e abbiamo in previsione di cambiarlo, allora si possono scegliere tappeti economici, dello stesso materiale sia sopra che sotto; altrimenti, se il pavimento è delicato o comunque nuovo, è bene scegliere i materiali del tappeto con cura, in modo che abbiano le caratteristiche di cui sopra. I materiali più diffusi per i tappeti da arredo sono:

  • pelle
  • lana
  • materiali sintetici e acrilici
  • fibre naturali, come il cocco o bambù

I materiali sintetici sono quelli che solitamente risultano più economici: con forme, disegni e colori di ogni genere, possono essere collocati nella zona giorno ma anche nella zona notte. La pelle e la lana sono materiali pregiati, più costosi e più difficili da curare e mantenere; spesso con questi due materiali si possono acquistare tappeti impreziositi da lavori a mano, rilievi, intarsi o annodati direttamente a mano. Le fibre naturali sono belle e pratiche e vengono dalla tradizione etnica, quindi si sposano bene con un tipo di arredamento appunto esotico.

Link a siti web utili per scegliere e acquistare i tappeti

Darredo
www.ikea.it
Nella sezione Tessili e Tappeti, tutti i tappeti d’arredo disponibili, con descrizioni e prezzi.



Una risposta

  1. Simona Maria Bandiera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *