Sedie e tavoli

La zona pranzo in casa è un ambiente fondamentale: è il luogo della convivialità e dell’incontro di tutta la famiglia e degli ospiti. Ovviamente questo ambiente deve essere funzionale per assolvere questi compiti e va quindi arredamento e attrezzato con mobili specifici, ossia tavolo e sedie; e vanno scelti con cura. La zona pranzo deve essere infatti accogliente e pratica, ma anche bella e piacevole a vedersi. In questo articolo scopriamo i materiali, le tipologie e le dimensioni di tavoli e sedie, e anche i consigli su come abbinare questi due elementi fra loro.

Sedie e tavoli

Sedie e tavoli, fulcro del vostro salotto

Non c’è bisogno di dire che il tavolo, naturalmente accompagnato da sedie, è indispensabile in ogni casa, dalla più piccola ed essenziale, alla più grande e attrezzata. Innanzitutto i tavoli possono essere di diverse grandezze: per 2, 4, 6, 8 o 12 persone.

Quadrati, rettangolari, rotondi, ovali (in alcuni casi anche triangolari), i tavoli rivestono un ruolo importante anche per l’estetica dell’arredamento della cucina o della sala da pranzo. I tavoli rotondi occupano forse meno spazio, ma possono ospitare più persone di quelli quadrati o rettangolari: il tavolo rotondo però è anche una scelta di stile.

Funzioni di un tavolo

Il tavolo deve essere soprattutto pratico ed ecco perché esistono diversi tipi di tavolo a seconda degli utilizzi e dello spazio a disposizione. Le funzioni di un tavolo possono essere molteplici:

  • mangiare innanzitutto
  • mangiare con gli ospiti
  • mangiare velocemente, spuntini o prima colazione
  • offrire un piano d’appoggio in più per oggetti o piccoli elettrodomestici
  • offrire cassetti in più per piccoli oggetti o tovaglie e tovaglioli
  • offrire un piano di lavoro ulteriore per cucinare
  • nel caso di un monolocale, potrebbe anche essere il piano di studio e di lavoro

Tipi di tavolo per la casa

tavoli allungabili
sono normalmente a 2 o 4 posti e all’occorrenza appunto allungati a 6 – 8 – 12 posti, a seconda dei modelli. Ideali per uno spazio non molto grande, ma trasformabile per chi, pur non avendo appunto molto spazio, vuole organizzare cene e feste numerose a casa.

tavoli a ribalta o a libro
sono quei tavoli che chiusi appaiono come piccole consolle, per appoggiare degli oggetti oppure per una persona soltanto, ma aperti, tirandone su i lati e appoggiandoli alle gambe estraibili, diventano dei tavoli anche per 6, 8 o 12 persone. Solitamente questi tavoli sono muniti di cassetti o piani d’appoggio nella parte che rimane fissa, per permettere un guadagno ulteriore di spazio. Sono tavoli perfetti per monolocali e bilocali essenziali.

tavoli a scomparsa
sono composti da piani attaccati al muro che con una cerniera vengono chiusi appunto contro il muro quando non servono. Sono perfetti per spazi angusti oppure per avere un piano d’appoggio in più in spazi grandi: possono essere un’alternativa veloce per la prima colazione.

penisole
delle cucine spesso sono fornite di top che fungono oltre che da piano d’appoggio anche da tavolo per mangiare, soprattutto quando si è di fretta: una prima colazione o un pranzo al volo. In questo caso non si abbinano le sedie, ma gli sgabelli, poiché solitamente questi piani sono più alti di un tavolo normale.

Materiali per costruire i tavoli

In tutti questi casi, la caratteristica che il tavolo deve comunque avere è darci una forte sensazione di solidità: mangiare, lavorare o appoggiare oggetti su un ripiano traballante non è il massimo della vita. E’ quinti importante quando si sceglie un tavolo, tenere conto del materiale di cui è fatto.Il legno massiccio è sicuramente il materiale che ci trasmette di più questa qualità.Ma esso può anche essere colorato o rivestito in modi diversi ed è quindi bene informarsi, al di là dell’estetica, di come è fatto un tavolo “sotto” il rivestimento.

Oltre al classico aspetto del legno naturale infatti, il tavolo può essere ricoperto in laminato o può essere laccato in diversi colori, anche sgargianti. Al contrario, ad altri materiali meno resistenti ma anche meno costosi del legno, può essere applicata una particolare vernice che fa assumere loro l’aspetto del legno.

Attenzione sempre ai particolari!

Anche sostegni in metallo possono risultare resistenti e la loro scelta dipende, oltre che da fattori economici, anche da scelte estetiche.

Il piano di un tavolo può poi essere in vetro sabbiato o in cristallo. Di grande effetto visivo ed estetico, questi tavoli risultano però più delicati e facili a rovinarsi o a rompersi. Sceglieteli solo se potete metterli in una sala da pranzo in più, che non usate spesso (se avete una casa grande ovviamente), magari da utilizzare solo per gli ospiti, e soprattutto sceglieteli solo se non avete bambini piccoli o animali domestici in casa: ditate, zampate, unghiate, oltre a rischiare di rompere il tavolo, potrebbero rovinarlo irrimediabilmente!

Il vetro temprato è invece cinque volte più resistente di quello normale, poiché viene sottoposto a un brusco raffreddamento che lo fortifica: è quindi adatto anche a un uso quotidiano o quasi.

Sedie adatte per il vostro tavolo

Il tavolo naturalmente da solo non basta: perché possa svolgere tutte le sue funzioni necessita della presenza di sedie. La sedia è un elemento dell’arredamento da non sottovalutare affatto; essa deve rispondere a diverse esigenze:

  • essere innanzitutto comoda
  • resistente
  • pratica, da poter far sparire all’occorrenza
  • esteticamente bella

La sedia infatti, più del tavolo, è un vero e proprio oggetto di design. Può essere in coordinato col tavolo, soprattutto quando questo è in legno, ma nel caso di arredamento moderno, le sedie spesso sono diverse dal tavolo stesso. Sceglierle comporta una gran presa di posizione da un punto di vista stilistico.

Per essere comoda la sedia deve avere uno schienale non troppo alto, avere la seduta che dista almeno 20 cm dal piano del tavolo, e in un materiale che risulti liscio al tatto.Le sedie con la seduta in vimini soprattutto, ma in generale per tutte le sedie, se dotate di coprisedie in tinta e in stile con un minimo di imbottitura, risulteranno sicuramente più comode.

Per essere resistente la sedia deve comprovare di resistere a un certo peso. Informatevi dal negoziante quando siete in procinto di acquistare. Per essere pratica da spostare la sedia deve essere leggera e nel caso di poco spazio anche impilabile o addirittura pieghevole e successivamente appendibile.

Le soluzioni impilabili e pieghevoli sono eccezionali nel caso di un monolocale: quando non si usano si ripongono nell’angolo adibito, e nel caso di sedie impilabili, l’ultima può anche risultare un provvisorio piano d’appoggio per qualche oggetto che proprio non si sa dove mettere.

In quanto al bello, ognuno ha i suoi gusti. Tenete conto che le sedie coordinate col tavolo sono sempre di bell’effetto, ma anche qualcosa di più estroso e coraggioso, come sedie diverse dal tavolo o addirittura tutte diverse fra loro, se ben combinate, è sicuramente di grande effetto.

Materiali per costruire le sedie

In tutti questi casi è il materiale il principe della scelta: resistente, comodo, leggero, maneggevole, bello. Legno, vimini, plastica, laminato, acrilico trasparente, polipropilene, alluminio sono solo alcuni dei materiali che è possibile trovare in commercio.

  • legno – il più resistente, ma anche il più costoso.
  • acrilico trasparente – solitamente in diversi colori soft, è di grande effetto estetico,
    elegante e delicato.
  • laminato – leggero e pratico, facile da pulire, ma a volte poco resistente.
  • polipropilene – risulta molto comodo e avvolgente al tatto.
  • plastica – poco resistente, ma economica e disponibile solitamente in molti colori.
  • vimini – dà un tocco di classico o di etnico, ma necessita di una protezione perché può risultare fastidioso al tatto.

Sgabelli

Se avete poi una cucina a penisola con un top in stile bancone da bar, dove poter mangiare i pasti veloci, gli spuntini e la colazione, dotateli di sgabelli: questi ultimi solitamente sono impilabili o pieghevoli, quindi da riporre quando non servono. Anche qui i materiali, le forme e i colori disponibili sono tantissimi.

Consigli pratici da seguire per acquistare tavoli e sedie

  • tenete conto dello spazio a disposizione
  • calcolate che dietro ad ogni sedia devono esserci almeno 60 cm di spazio libero per consentire il passaggio, 120 cm se un lato dà verso la cucina
  • tenete conto del tipo di arredamento che avete in casa (classico, moderno, tecnologico, minimal, etnico, etc) e dei colori che predominano
  • scegliete il tavolo tenendo conto delle misure, del materiale, del colore, dello stile
  • scegliete tavoli a ribalta, a libro o allungabili se non avete molto spazio a disposizione
  • scegliete le sedie in base a quale tavolo avete scelto: in coordinato o diverse, basta che si sposino bene insieme
  • se avete poco spazio scegliete sedie pieghevoli o impilabili
  • tenete conto del materiale, del colore e dello stile delle sedie

infine ricordatevi che il tavolo andrà comunque rivestito: copritavolo, tela cerata, tovaglie varie, americane, etc etc e per le sedie eventuali coprisedie. Sceglieteli in base allo stile e al colore del tavolo e del resto dell’arredamento (ricordate che gli accostamenti di colori e di stili non sono efficaci solo se simili, ma trovando la giusta combinazione, anche se in contrasto)

Siti intenet di negozi o marche dove comprare tavoli e sedie

Ikea
Nella sezione tavoli e sedie potete vedere prodotto, materiale, misure e prezzo dello stesso. E’ presente l’elenco dei punti vendita.

Mondo Convenienza
Sul sito si possono vedere alcuni prodotti completi di misure, materiali e prezzi. Per avere una visione migliore di questi prodotti cercate il punto vendita più vicino dal sito.

MercatoneUno
Sul sito è possibile vedere i prodotti completi di prezzi e misure e scegliere il punto vendita più vicino

Flai
Sul sito è possibile vedere i prodotti e scegliere il punto vendita più vicino

PerSempre Arredamenti
Sul sito è possibile vedere i prodotti completi di prezzi e misure e scegliere il punto vendita più vicino

Ims Italia
Sul sito è possibile vedere i prodotti e scegliere il punto vendita più vicino



4 Commenti

  1. Anja Pavani
  2. FABRIZIO DI LUIGI
  3. pina lepri
  4. Renzo Lisei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *