Natale: preparare e addobbare l’albero

L’albero di Natale è una decorazione tradizionale e immancabile durante le feste natalizie. La sua storia si perde nella notte dei tempi ed è legata a tante leggende: il pensiero comune in ogni caso è che, già in altre culture, lontane da noi nel tempo e nello spazio, si identificasse l’abete con un simbolo di vita, in quanto sempreverde e vivo anche nel freddo invernale. Per questo, proprio nel periodo in cui è nato Gesù, simbolo di vita per eccellenza, addobbare l’abete è segno di speranza.

Riferendoci al periodo attuale, l’albero di Natale è diventato un classico, tanto che ormai si cercano anche tanti modi alternativi per addobbarlo, per uscire un po’ dagli schemi, e di alberi di Natale strani in giro se ne vedono tanti. In questo articolo comunque affronteremo le fasi di preparazione di un abete natalizio classico, al quale poi si possono applicare tutte le varianti che la fantasia suggerisce.

Natale: preparare e addobbare l’albero

Scelta dell’albero di Natale: vero o finto?

Il dilemma riguarda tutti noi a ogni Natale: l’abete infatti può essere scelto vero oppure finto. Fino a poco tempo fa si credeva che l’albero finto fosse la scelta migliore per l’ambiente, quest’anno (2010) Coldiretti fa sapere che invece non è così: gli alberi finti, per lo più prodotti in Cina, utilizzano infatti materiali che sono fonte di inquinamento sia durante la produzione che poi durante il trasporto e lo smaltimento.

Tuttavia l’albero finto viene comprato e riutilizzato per diversi anni, mentre quello vero se non trattato bene rischia di morire. E’ pur vero che per chi non ha un balcone, un giardino o semplicemente il pollice verde, è possibile riportare gli alberi veri ai vivai o ai centri di raccolta appositi, effettuando così una scelta sia ecologica che d’effetto estetico.

L’abete vero infatti è molto più scenografico, anche se perde molti aghi ed ha bisogno di specifiche cure:

  • Deve stare in un luogo luminoso, fresco e lontano da fonti di calore
  • Deve essere addobbato il più vicino possibile a Natale, per evitare di appesantirlo e farlo soffrire
  • Non deve essere trattato con prodotti chimici (come la neve spray o altri addobbi di questo genere)
  • Deve essere bagnato e la terra deve essere mantenuta umida, e questo significa che le luci vanno tenute a debita distanza.

Per quanto riguarda invece l’albero finto, il consiglio è quello di acquistarne uno in buone condizioni e di tenerlo per diversi anni, in modo da creare meno problemi di smaltimento. L’albero finto si può infatti smontare, chiudere e riporre nello sgabuzzino o in cantina.

Inoltre con un albero finto si possono usare tutti i tipi di addobbi e di luci che si desiderano. Certo ognuno deve scegliere in base a diversi fattori: se infatti amiamo l’ambiente e vogliamo aiutarlo scegliendo un albero vero, se poi non abbiamo un luogo luminoso e fresco adatto all’albero, è inutile prenderlo, lo faremmo soltanto stare male. Quindi è bene soppesare tutti i fattori prima di scegliere.

In entrambi i casi comunque, è bene cercare di scegliere alberi “made in Italy”, sia veri che finti: aiutiamo la nostra economia, ma anche l’ambiente!

Colore dell’albero di Natale finto

Sempre nel caso di un albero finto, è possibile scegliere colori diversi: ormai infatti esistono anche alberi di colori sgargianti e assolutamente differenti da ciò che si vede in natura.

Tuttavia, il consiglio è quello di scegliere un tradizionale albero verde oppure, al massimo, bianco. Colori come rosa, viola, rosso, possono essere utilizzati eventualmente soltanto in contesti particolari come negozi e vetrine, mentre in casa è molto più bello e caratteristico scegliere un albero più tradizionale.

Dove sistemare l’albero di Natale in casa

Come detto, se la scelta cade su un albero vero, allora è bene scegliere un luogo luminoso e fresco, lontano da fonti di calore. Se invece parliamo di un albero finto, possiamo scegliere un qualunque luogo della casa, purchè ci sia spazio a sufficienza (anche per passarci intorno o davanti) e purchè ci sia una presa elettrica nelle vicinanze, per le luci.

Sistemare un albero di Natale all’esterno, sul balcone o in giardino, è un’ottima idea se si tratta di un abete vero; in ogni caso è bene utilizzare soltanto luci da esterno: quelle per cui non è specificato l’utilizzo fuori, è meglio usarle soltanto in casa.

Oltre alla questione spazio, se scegliamo di sistemare l’albero in casa occorre fare attenzione anche ai colori: se infatti l’arredo e i rivestimenti dell’ambiente scelto hanno tonalità piuttosto decise, bisognerà scegliere i colori degli addobbi in modo che si sposino bene con quelli dell’ambiente.

L’albero di Natale in fondo è un elemento che rimarrà in casa per circa un mese all’anno e quindi diventerà un vero e proprio arredo! Cerchiamo di farlo amalgamare con il resto dell’ambiente.

Neve finta

Spesso se l’albero scelto è verde ed è finto, si sceglie di “imbiancarlo” con la neve finta. Quella che si trova nei negozi, in bombolette spray da spruzzare, è altamente tossica, dannosa anche per la salute oltre che per l’ambiente, emana uno sgradevole odore e sporca.

Tuttavia esistono delle alternative naturali per produrre una neve finta d’effetto, facile da pulire e senza conseguenze per l’ambiente. Ad esempio si possono mescolare in parti uguali sale kosher (con grani più grossi) e talco per bambini; oppure si possono usare le scaglie di sapone, quelle che si trovano già così in confezione.

Addobbare l’albero di Natale: decorazioni

Per addobbare l’albero ci dobbiamo procurare diverse decorazioni, da scegliere nei colori che più ci piacciono e che non stonino troppo con l’ambiente di casa:

  • Luci
    colorate oppure a led, più belle, più ecologiche e meglio se bianche, più scenografiche
  • Palline e addobbi
    da appendere (qui la fantasia si può scatenare: comprati o fai da te, gli addobbi in questo caso possono essere veramente di qualunque genere, purchè si possano appendere o infilare tra i rami!)
  • Fili d’angelo o nastri
  • Puntale
    che può essere classico oppure molto originale, però a tema con gli addobbi.

Addobbare l’albero di Natale: colori

I colori delle decorazioni per l’albero vanno scelti come detto in base ai gusti ma anche in base agli ambienti di casa. Tuttavia ci sono dei colori e degli abbinamenti classici, considerati una tradizione a Natale. Il consiglio è quello di abbinare tanti colori diversi, solo se le decorazioni hanno tonalità pastello, chiare e delicate. Altrimenti risulta molto più elegante scegliere un solo colore o al massimo due: teniamo presente infatti che già l’albero di per sé, che sia verde o bianco, costituisce un colore.

Gli abbinamenti di colore classici per il Natale sono:

  • Rosso e bianco
  • Rosso e oro
  • Rosso e berde
  • Blu e argento
  • Oro e argento

Tuttavia possiamo creare delle varianti, per esempio:

  • Viola e argento
  • Viola e lilla
  • Blu e lilla.

Le fasi di preparazione dell’albero di Natale

Dopo aver sistemato l’albero nel luogo prescelto, con l’eventuale vaso oppure con la base ben salda, la prima cosa da fare per un albero finto è quella di aprire bene i rami. Poi si procede così:

  • Si sparge eventualmente la neve finta
  • Poi si sistemano le luci, tutt’intorno all’albero cercando di coprire ogni fila di rami; provate ad accendere le luci prima di procedere: se notate qualche buco troppo vistoso, risistematele
  • A questo punto si può procedere a sistemare palline e addobbi da appendere o da infilare tra i rami; cercate di distribuire i colori in modo piacevole e gli addobbi in modo che non rimangano troppi vuoti
  • Si possono poi sistemare fili d’angelo, nastri oppure pezzi di stoffa traslucida tra i rami, tutt’intorno all’albero e cercando di non coprire le decorazioni, ma al contrario di coprire i buchi rimasti un po’ vuoti
  • Infine si può sistemare il puntale sull’albero, che così è concluso. Potete quindi accendere le luci e vedere l’effetto finale.


Una risposta

  1. ettore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *