Mobili della cucina: come scegliere

Quando sceglierete la vostra cucina, dovrete ovviamente porre una particolare attenzione ai mobili (e ovviamente anche agli elettrodomestici). Dovrete infatti considerare attentamente la tipologia e la loro successiva sistemazione, che determinerà certamente l’estetica ma soprattutto la praticità e la vivibilità della vostra futura cucina. Ecco quindi tante preziose informazioni sulle caratteristiche dei mobili della cucina in maniera da permettervi di acquisire tutte le conoscenze necessarie per scegliere quelli più adatti alle vostre esigenze, comprare il giusto e il necessario, spendendo meno e bene i vostri soldi.

Mobili della cucina: come scegliere

Come scegliere i mobili per la cucina

Spesso quando si tratta di scegliere una nuova cucina la nostra attenzione inevitabilmente viene attratta da riviste e pubblicità che mostrano sfavillanti case da sogno con zone cottura faraoniche e avveniristiche; dimentichiamo così che quelle sono cucine “vetrina” e la realtà quotidiana di una casa non fatta solo di design e estetica, ma soprattutto di funzionalità ed ergonomia.

Inoltre, se ci facciamo incantare da queste immagini patinate rischiamo di acquistare mobili ed elementi certamente molto belli, per la gioia di negozianti e aziende di arredamento, ma di ritrovarci poi casa invasa di cose inutili, e spesso anche inadatte alla struttura della nostra abitazione.

Ecco perchè vi proponiamo questa guida alla scelta dei mobili di cucina.

Elementi e mobili della cucina

Una cucina è composta da molti elementi, che richiedono tutti una particolare attenzione:

  • mobili da terra
    cassettiere, ante, ecc.
  • mobili sospesi
    pensili, mensole, ecc.
  • piano di lavoro
  • sottopensili

Di questi sono elementi costitutivi, ma non per questo meno importanti:

  • maniglie
  • zoccoli e piedini
  • cerniere delle ante

Abbiamo infine gli:

  • elettrodomestici

Tutti questi elementi si combinano in vati modi e assumono diversi aspetti finali.

Elementi e mobili che non possono mancare in cucina

Ogni cucina deve possedere delle seguenti zone:

  • zona cottura
  • zona lavaggio ( per il cibo e le stoviglie)
  • zona lavoro ( per la preparazione )
  • zona conservazione ( per i cibi)
  • zona per stoviglie

In ogni cucina, anche in quelle di dimensioni ridotte, gli elementi indispensabili sono:

  • lavandino (anche ad una sola vasca), con uno scolatoio e il rubinetto
  • piano di cottura
  • cappa (che rende il piano di cottura a norma)
  • pensile, che si troverà sopra al lavandino e servirà per riporre i piatti e le pentole
  • cassettiera per le posate e gli accessori
  • mobile sotto-lavandino per i detersivi e le spugne
  • pensile o un altro elemento da terra provvisto di ante, che fungerà da dispensa
  • una porzione che abbia circa 50×60 centimetri di top libero, che possa essere usata come piano di lavoro

Come elettrodomestici indispensabili abbiamo:

  • forno
  • frigorifero

Questo elenco riguarda quelli che sono gli elementi necessari, che devono essere obbligatoriamente acquistati anche per uno spazio ridotto ( come un monolocale ), o anche per un budget minimo.

Elementi e mobili accessori

Nel caso in cui il vostro limite di spesa sia più alto, ed anche lo spazio che avete a disposizione, potreste aggiungere all’ elenco sopra:

  • lavandino con la doppia vasca
    che è sicuramente più comoda della vasca unica
  • lavastoviglie
    che prevede comunque la presenza dello scolatoio accanto al lavandino: in alcuni casi il lavaggio dei piatti a mano è comunque veloce e facile
  • altri pensili ed elementi da terra
    che serviranno per contenere le stoviglie e la dispensa

Considerate che maggiore è il numero dei mobili contenitori che avrete, e maggiore sarà la roba che essi potranno contenere e che quindi potrà essere riposta in modo ordinato.

Come organizzare internamente i mobili di cucina

Ecco alcuni consigli che vi consentiranno di porre gli oggetti presenti in cucina in modo ordinato.

Utilizzate una cassettiera grande o un’anta da terra per la raccolta differenziata dell’immondizia; usate una cassettiera con i cassetti piccoli per le posate; utilizzate un pensile per i bicchieri, uno per i piatti, ed uno per le pentole.

Le altre ante da terra potranno essere utilizzate per contenere i vassoi, i piatti da portata, le tovaglie ed i tovaglioli, le teglie da forno, i contenitori per il microonde, le forme per le torte; altre ante verranno usate per i piccoli elettrodomestici che non vengono posti sul top o non sono incassati; in un cassetto di piccole dimensioni ponete i vari libretti di istruzione degli elettrodomestici.

Infine i pensili e le ante verranno usati per la dispensa: è preferibile utilizzare un elemento per contenere i cibi salati ( sale, pasta, barattoli, sughi, ecc ), ed un’ altro elemento per i cibi dolci, che si usano soprattutto per la colazione ( le merendine, i biscotti, il tè, il caffè, i cereali, o anche zucchero, farina, lievito, necessari per fare un dolce ).

E’ sconsigliato usare come dispensa gli elementi da terra, soprattutto quelli che si trovano sotto il lavandino: i cibi, a causa dell’ acqua e dei detersivi, potrebbero rovinarsi.

Accessori interni ed esterni della cucina

Gli accessori, sono molti importanti quando si sceglie una cucina. Essi infatti, aiuteranno nell’organizzazione degli oggetti necessari, sia all’ interno dei mobili, che all’ esterno. Per accessori, intendiamo tutti gli elementi che rendono ordinati e funzionali elementi più grandi, organizzando con semplicità e praticità la vostra cucina.

Fra gli accessori interni abbiamo:

  • divisori per i cassetti
    serviranno per sistemare le posate ed i piccoli oggetti
  • ripiani o griglie angolari girevoli per gli elementi angolari
    tramite un sistema di scorrimento, si possono tirare verso l’esterno e ruotando in tutta la loro grandezza consentiranno un facile accesso ai vari oggetti riposti.

Fra gli accessori esterni abbiamo:

  • barre
    che possono essere fissate al muro sopra al top; ad esse potrete appendere tanti accessori utilizzando dei semplici ganci.
  • cassettini sospesi
    che possono essere appesi al muro o alla barra sopra descritta; servono per contenere spezie, aromi, ecc
  • porta rotoli
    per la carta assorbente; possono essere da muro o da appoggio
  • porta coperchi da muro
  • sbarre portasciugamani o asciuga piatti da muro
  • griglie scolapiatti

Cercate di scegliere con attenzione tutti gli accessori che vi occorrono, in modo che la vostra cucina sia dotata di vari elementi, che vi consentano un’ uso facile e pratico di tutti gli oggetti presenti. Gli accessori esterni sono fondamentali se scegliete di posizionare stoviglie e pentole a vista.

Mobili da cucina

Con una descrizione generale dei vari moduli che compongono i mobili della cucina avrete a disposizione tante informazioni utili che vi permetteranno di scegliere le soluzioni migliori per voi a seconda delle esigenze e dello spazio disponibile, e anche della funzionalità.

Pensili

I pensili e le mensole possono essere:

  • chiusi da ante
  • aperti a giorno

Il secondo caso è quello che richiede maggiore attenzione; , gli oggetti che si trovano a vista, dovranno essere sempre puliti e ordinati; saranno soggetti alla polvere, e sarete quindi costretti a pulirli di frequente, considerando che questa operazione sarà più difficile.

Nel primo caso gli oggetti saranno protetti dalla polvere e non saranno visibili, a meno che non scegliate della ante in vetro. In questo caso gli oggetti che si trovano all’ interno, devono essere anch’ essi in ordine così come per i pensili a giorno.

E’ possibile scegliere soltanto dei pensili a giorno o soltanto dei pensili chiusi con una o due ante rivestite come la cucina, o con delle ante di vetro, o potrete anche creare delle combinazioni di tutti questi elementi. Le ante dei pensili possono avere tre aperture:

  • a battente: con la cerniera sulla parte laterale posta verticalmente, e con l’ apertura che va da sinistra verso destra o viceversa
  • a ribalta: con la cerniera che si trova nella parte superiore, e con l’apertura dal basso verso l’alto
  • scorrevoli: che ha un sistema che scorre sui binari.

I pensili e le mensole devono essere fissati al muro con delle viti e dei tasselli di dimensioni piuttosto grandi e che siano resistenti. E’ importante che il muro retrostante sia robusto e sano, perché non cada insieme al pensile, e al suo contenuto. I pensili e le mensole si montano in due differenti modi:

  • con delle viti e dei tasselli a scomparsa nel muro
  • con dei sostegni sottostanti, che si chiamano sottopensili, e presentano la stessa estetica della mensola o del pensile; questi sostegni sono resistenti ai pesi forti, e vengono fissati al muro in un particolare modo.

I pensili e le mensole devono resistere al peso, ma poiché sono sospesi, è importante che non siano troppo carichi. Quando sistemati i vari oggetti in cucina, cercate di porre quelli più pesanti nei mobili che sono poggiati a terra. I pensili raggiungono a volte altezze notevoli, e sfruttano lo spazio in altezza; le stoviglie che si usano poco, verranno quindi poste nei ripiani più alti.

Cassettiere e ante da terra

Le cassettiere e le ante da terra, sono degli elementi che andranno a poggiare sugli zoccoli o sui piedini, o anche a terra. Il peso che sopporteranno è maggiore rispetto a quello dei pensili che si trovano sospesi. Gli elementi da terra, sono chiusi con delle ante o sono organizzati con dei cassetti, che proteggono i diversi oggetti dalla polvere.

Le ante seguono l’aspetto della cucina, riportando gli stessi materiali e le stesse colorazioni; nascondono diversi ripiani dove potrete porre i vari oggetti, o non hanno alcun ripiano in modo che possano contenere gli oggetti più grandi, ( piccoli elettrodomestici, secchi della spazzatura, o detersivi ). I cassetti di piccole dimensioni, sono perfetti per contenere le posate, i piatti da portate, le tovaglie e i tovaglioli, ed anche libretti di istruzioni; i cassetti di grandi dimensioni conterranno invece i secchi della spazzatura o i detersivi. Ci sono anche dei cassetti che possono essere organizzati come dei grandi cestelli, e conterranno le bottiglie o anche altri oggetti piuttosto grandi.

Assicuratevi che tutti i sistemi di chiusura, apertura e scorrimento dei vari elementi funzionino, che il loro utilizzo sia facile e senza intoppi. Scegliete quindi dei cassetti che scorrano su delle guide metalliche, che siano ad estrazione totale ed abbiano un carico dinamico elevato, ( cioè supportino un buon peso ).

Elementi angolari

Gli elementi da terra o i pensili ad angolo, sono quelli che uniscono senza continuità i moduli della cucina con una composizione angolare. Questi elementi potranno essere provvisti internamente di accessori particolari, come ad esempio dei cestelli girevoli. Nell’angolo possono essere posti alcuni elementi appositi come:

  • il lavandino
  • il piano di cottura con la cappa.

Elementi a colonna o semicolonna

Gli elementi che partono da terra ed arrivano all’altezza dei pensili, vengono chiamati a colonna. Risultano come una vera e propria colonna intera che finisce dove finiscono i pensili, ed una semicolonna che finisce dove i pensili cominciano. In questi elementi alcuni elettrodomestici a incasso potranno trovare la loro collocazione, ( come ad esempio il frigo o come il forno elettrico o a microonde ), e potranno essere sistemati all’ altezza delle braccia, rendendo il loro uso e la loro pulizia molto facile. Ovviamente gli elementi a colonna, possono presentare anche delle ante o dei cassetti o anche delle mensole a giorno, in base alla composizione che si desidera avere.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *