Arredare il soggiorno

Il soggiorno è il luogo della casa più vissuto, quello che viene visitato dagli ospiti e dove si svolge il maggior numero di attività. Arredare il soggiorno in modo caldo e accogliente, comodo e funzionale è fondamentale per poter vivere bene la casa. In questo articolo i consigli per attrezzare le varie aree funzionali del soggiorno, con stile ed eleganza, a partire dal divano per finire alle soluzioni per la tv.

guida all'arredamento del soggiorno

Come arredare il soggiorno

Luogo d’accoglienza e ricevimento per eccellenza, la zona del soggiorno dev’essere assolutamente una delle più curate, armoniose e coerenti della casa.

Se avete in mente di iniziare ad arredare la vostra partendo proprio da lì, dimenticatevi un precetto comune a molti: il soggiorno non è, non deve e non può essere sinonimo diretto del matrimonio tv-divano.

Non che un comodo divano o uno schermo televisivo al plasma, magari di 40 pollici, non arredino con raffinatezza e stile, ma il punto da tenere essenzialmente in considerazione è un altro: un soggiorno che si rispetti dev’essere funzionale alle esigenze di chi lo abita, ben strutturato e razionale dal punto di vista degli spazi.

Solo dopo essersi concessi a tutte le valutazioni del caso si può passare alla seconda fase, quella in cui il lusso ed il design la fanno da padrone.
Prima deve venire il comfort, poi tutto il resto.

Perché il soggiorno deve rispecchiare le abitudini e le attività di chi lo vive, il metabolismo di chi ci mangia, la mentalità di chi ci dorme…pensate che per molti il soggiorno è la stanza principale, quella in cui la maggior parte degli italiani passa il tempo, la vita, le giornate.

A chiacchierare, a studiare, a ricevere ospiti o a sonnecchiare, a parlare al telefono, a guardare la tv, ad ascoltare la musica o perfino a lavorare.

La vita di ognuno di noi ruota intorno alla zona del soggiorno, alle sue pareti chiare e ai suoi cuscini confortevoli, alle consolle di videogiochi che abbiamo posizionato proprio su quel mobile (e non su quello della cucina, o accanto alla tv della camera…) o alle riviste posate sul tavolinetto, pronte per essere lette nel primo momento libero che verrà.

Insomma, se avete intenzione di “metter su soggiorno” o di rivoluzionare quello in cui già vi muovete da molto tempo, rendetevi conto che è operazione assai delicata ed importante proprio perché è lì e non altrove che passiamo la maggior parte delle nostre ore.

Nulla dev’esser lasciato al caso, tutto deve concordarsi alla perfezione con ciò che lo circonda. Armoniosamente con gli spazi circostanti e con noi stessi.

Che la vostra scelta ricada su pezzi hi-tech o manufatti etnici, su arredi minimalisti o su profili piuttosto classici e tradizionalisti, tenete bene a mente che ogni singolo elemento va coerentemente scelto e posizionato.

Un ultimo suggerimento: per evitare di rientrare ed essere nominati all’interno delle classiche conversazioni dei vostri amici che malignano sull’orrendo arredamento di altri (non fate finta di niente, anche voi avete preso parte moltissime volte a questi commentucci), prima di acquistare qualsiasi cosa, scegliete una linea ben precisa e tenetegli fede durante tutta la fase di arredamento della stanza. Sarà più facile per voi preferire quel pezzo rispetto ad un altro, togliervi dalla testa gli oggetti più mostruosi e ritrovarvi, a lavoro ultimato, in un soggiorno coerente, compatto, rigoroso e soprattutto logico e ragionato.

Non perdetevi in mille oggetti inutili, puntate prima al sodo. Il resto verrà da sé, ma in un secondo momento.

Convivere nel soggiorno tra comfort e stile

Non è facile riuscire nell’ardua impresa di arredare una stanza con saggezza e raziocinio, ma seguendo qualche linea-base possiamolo farcela.

Prima cosa: avere in mente la struttura dello spazio e la sua funzionalità.
C’è infatti chi per soggiorno intende la zona pranzo, chi la zona tv, chi la zona relax e pisolino post prandium…e chi addirittura l’anticucina. Non possiamo quindi andare avanti o muovere i primi passi nel mondo degli acquisti senza avere in testa un’idea chiara di cosa vogliamo realizzare e a cosa vogliamo andare incontro.

Questo ovviamente dipende anche dalle dimensioni dell’abitazione, dal numero di stanze e dalla grandezza dell’area che vogliamo arredare, ma in teoria dovremmo sapere se vogliamo una semplice oasi dove poter riposare le stanche membra dopo una giornata di lavoro o qualcosa in più.

Senza contare che nella maggior parte dei casi tutte le funzionalità che ho appena descritto convivono in un’unica stanza, spesso perché lo spazio da gestire è poco o ridotto ai minimi termini.

In questo caso sono tante le proposte offerte dai più grandi nomi del design internazionale: la scelta dei mobili semplici e discreti che nascondono giganteschi spazi dove riporre, ordinare e sistemare il proprio mondo è davvero vasta e variegata. Senza contare le soluzioni componibili in cui ognuno può trovare lo scioglimento di ogni problema: di spazio, come di portafogli.

L’essenziale, come per qualsiasi altro prodotto o servizio offerto, è quello di trovare il giusto equilibrio tra gusto e necessità, tra preferenze personali ed esigenze pratiche.

E concedersi alla praticità non vuol dire assolutamente sinonimo rinunciare allo stile e all’eleganza, anzi. In un secolo come il nostro, dove il design e l’arte hanno prevalso su tutto e dove anche un peperone può diventare una forma astratta, le possibilità di trovare l’oggetto straordinariamente eccentrico che non si neghi alle funzionalità del suo essere sono infinite.

Dunque, se un soggiorno deve essere composto dalla consueta libreria, dalle sedie che abbracciano il tavolo o da un mobile porta tv, questo non significa non poter scegliere “il pezzo bello”, quello che quando lo vedi dici “wow”, l’orgoglio dei proprietari e l’invidia di ospiti e vicini.

Possiamo sbizzarrirci nell’acquisto degli elementi, senza mai dimenticare che la stanza del soggiorno è fondamentale e non può prescindere dai suoi pezzi base.
Qualora ciò accadesse, diventerebbe come qualsiasi altro spazio della casa.
Anonimo, ingombro di cose e perfettamente inutile.

Rendiamo, quindi, questo soggiorno perfetto, amabile e soprattutto efficiente.
Come? Così, in bilico. Tra comfort e design, tra rigore e capriccio. Tra personalità, stile ed efficacia.

La discrezione di forme e materiali

Un soggiorno che si rispetti dev’essere sobrio, all’apparenza elementare, minimalista nell’essenza.Non abbandonatevi subito ai guizzi di fantasia e di colore, ma partite dalle forme più semplici e discrete. Leggerissime come un velo ed assolutamente chic.In questo senso sono i materiali a tenere il coltello dalla parte del manico, specialmente quelli utilizzati nella realizzazione dei mobili.

Recentemente sotto i riflettori ci sono i materiali chiari, brillanti, magari anche eco-compatibili, nel rispetto di natura e ambiente. E perché no, anche hi-tech, per non rinunciare alle pretese dei tempi che corrono e delle generazioni che scalpitano.
Sono materiali passe-partout che stanno davvero bene in qualsiasi ambiente e proprio la luce e la brillantezza di questi elementi rendono l’atmosfera più luminosa ed eterea, solare, quasi mistica.

Se siete amanti di un tipo particolare di legno, potreste fare affidamento solo e soltanto su quello, ma non abbiate paura di tuffarvi nel mondo dei nuovi materiali.
E’ vero, sono davvero tanti e spesso a parlarne così non ci si rende conto della loro effettiva funzionalità, ma non temete e azzardate pure.

Il soggiorno è sì lo spazio del relax ed una delle stanze-base della casa, ma è anche il luogo prediletto di sogno e fantasia, d’immaginazione e spensieratezza. Ed accostare il caro e vecchio mobile della nonna ad uno di ultima generazione non sarà peccato.

I capricci, in fatto di arredamento, sono concessi purché sapientemente ponderati.
Non si tratta di regole accademiche, ma di pure norme del buon senso e del buon gusto che però, come avrete capito, ogni tanto spiccano il volo verso soluzioni inconsuete ed accostamenti curiosi.

Insomma, assecondate pure il desiderio di acquistare quella particolare libreria a forma di onda del mare da appendere direttamente sulla parete, ma almeno per il mobile della televisione scegliete qualcosa di più convenzionale e basic: il troppo, talvolta, storpia e si rischia di ritrovarsi nella più kitch delle stanze. Bizzarri sì, ma con moderazione.

Fissiamo un punto…

Partendo da un elemento portante, ci regoliamo per tutto il resto.
Sarebbe inconcepibile non partire con un’idea in testa e perdersi nell’infinita varietà di proposte ed elementi a disposizione del consumatore-acquirente.

E’ bene quindi capire le nostre esigenze primarie (o semplicemente le nostre attività principali intorno alle quali inevitabilmente ruoterebbe la nostra vita, e, dunque, la nostra casa) e regolarsi di conseguenza. Vediamone alcune.

Cuore di libro

Amiamo i libri più di qualsiasi altra cosa? Allora puntiamo subito su una bella libreria, a muro o in sospensione: l’avevo accennato prima, ce ne sono alcune che prendono la forma che desideriamo noi, adattandosi sulla nostra parte e seguendo le linee e le forme più assurde e bizzarre.

Ma non dimentichiamoci delle tradizionali librerie in legno che hanno significato molto per i bibliofili e gli artisti di tutti i tempi: fanno e faranno sempre la loro figura e seppur meno appariscenti e d’effetto delle loro nipotine rivoluzionarie e trasformiste, adempiono al loro dovere meglio di qualsiasi altro elemento: come sorreggono, catalogano, proteggono e corteggiano libri e volumi loro, non lo fa nessuno.

Specialmente per quel sapore rétro e tradizionalista che qualsiasi libreria in legno trasuda: ogni libro vorrebbe essere accolto tra quegli scaffali, tra quegli odori di vissuto e perché no, tra quella polvere che fa disperare le donne, ma in cui ogni libro volentieri annegherebbe.

Per tutti i techno-addicted

Qualora vi faccia impazzire più Tom Cruise che Tom Sawyer, non temete. C’è qualcosa anche per voi.Credo che un bel mobile per la tv possa fare benissimo al caso vostro, magari scegliendone uno che ostenti materiali innovativi e hi-tech e che faccia risaltare lo schermo di ultima generazione che dubito vi siate fatti scappare.
Piano o angolare, la scelta del mobile varia in base al gusto personale ma soprattutto alle esigenze e al luogo in cui desiderate posizionarlo. Insomma, fate voi purché seguiate la linea madre dell’arredamento del vostro soggiorno, senza stonare e contrastare con i pezzi già presenti, in fase di acquisto o semplicemente work in progress.

Divani, tavoli, sedie…e quel genio di Philippe Starck

Che soggiorno sarebbe senza divano? Prima cosa: che sia confortevole. Diffidate da chi vi dice “l’importante è che catturi l’occhio, tanto sono tutti comodi”.
Un divano va acquistato per sedersi, per riposarsi, magari anche per schiacciarci un pisolino, mica per guardarlo con incanto e contemplazione! Oltretutto bisogna considerarlo come un investimento per il futuro, come un complemento d’arredo che dovrebbe durare il più a lungo possibile.

Ecco allora perché dovete puntare su un buon divano, di tessuto o in pelle, magari total black (o anche total white, più delicato e a rischio-macchia) o in tinta con la tappezzeria, angolare, a due o a tre posti: se dopo un po’ che vi sedete non ha preso alcuna forma, direi che avreste acquistato più una panca che un divano.

Quindi per carità, se il divano dev’essere il pezzo forte del vostro soggiorno, sceglietelo con cura e con dedizione. E vedrete che anche la vostra schiena (e non solo), ringrazierà.

Qualora abbiate bisogno di elementi su cui poggiare ogni sorta di oggetto, potreste puntare su una console ricercata, su un mobile-contenitore con piani estraibili o su un più pratico tavolino multiuso, complementi d’arredo che sembrano arrivare in nostro soccorso ogni qualvolta abbiamo bisogno di loro, di un angolino dove posizionare questo o quello…insomma, vere e proprie basi-salvavita.

Di vetro, di legno, di cristallo o di qualche altro materiale innovativo, anche nel caso dei tavolini i designer hanno dato sfogo alla loro creatività proponendo soluzioni straordinarie, per tutte le esigenze.

Pensiamo a quel genio del design di Philippe Starck che ha disegnato per Kartell Attila, il simpatico gnometto barbuto che sembra nascondersi sotto il tavolo quando invece è parte egli stesso del tavolino/seduta. Ed è lo stesso per un tronco di albero che, con foglioline verdi annesse, promette un figurone nel nostro salotto.

E perché non utilizzare il classico pouf in un comodo tavolinetto su cui poggiare di tutto e, magari, su cui fare uno spuntino davanti alla televisione? Magari mentre trasmettono la nostra serie televisiva preferita, o il derby della nostra squadra del cuore. Non c’è davvero niente di più rilassante, senza contare che il pouf non occupa troppo spazio e, grazie alla sua straordinaria versatilità, si può muovere di stanza in stanza.

Una volta scelto il tavolo, occorrerà pensare alle sedie. Che siano ergonomiche, comode, stabili e funzionali è fondamentale. Sembra scontato il consiglio di abbinarle per colore e tipologia di materiali al tavolo, ma è un suggerimento da non sottovalutare: spesso si può far centro con tutto il resto e sbagliare l’abbinamento (per altro importantissimo) tra le sedie ed il tavolo.

Potreste sceglierne di originali, dinamiche e giovanili, e magari, seguendo l’ultima moda del momento, di acquistarne una per modello, colore e forma. In questo caso non basta fare incetta di sedie diverse, ma puntare tutto sul pezzo unico, di design o vintage, purché riconoscibile ed identificabile nell’insieme. Questo per evitare lo sgradevole “effetto museo” che indurrebbe i vostri amici e ospiti a pensare che al momento dell’acquisto avevate dimenticato a casa occhiali e lenti a contatto, che soffrite di un forte daltonismo o di un pessimo gusto.

Insomma, per esagerare bisogna saperci fare.

A ognuno il suo soggiorno:
link a siti web utili per scegliere i mobili del vostro soggiorno

Ogni complemento d’arredo appena descritto è altamente soggetto alle vostre preferenze e al vostro gusto personale: le forme, convenzionali o alquanto inedite, tendono a rispecchiare ambienti e personalità.

Scegliete dunque quello più adatto al vostro modo di vivere e sentire l’ambiente circostante, considerando gli elementi progettati in base a norme razionali, semplici o creative come coinquilini con cui convivere e su cui fare affidamento.

 

MONDO CONVENIENZA

www.mondoconv.it

Il sito offre mobili per arredare la casa a prezzi imbattibili

WEB MOBILI

accessori.webmobili.it/mobili_porta_tv_e_hi_fi.html

Il sito offre molte proposte per arredare la casa come mobili porta tv e hi-fi

DIVANI CHATEAU D’AX

www.chateaudax.it

Il sito offre un’ampia gamma di divani in diversi modelli, colori e materiali

DIVANI E DIVANI BY NATUZZI

www.divaniedivani.it

Il sito della catena di negozi italiani che offrono un ampio ventaglio di modelli di divani e complementi d’arredo

IKEA

www.ikea.com/it/it

Il sito che offre complementi d’arredo a prezzi concorrenziali

PHILIPPE STARCK

www.philippe-starck.com

Il sito ufficiale di Philippe Starck, genio del design e dell’arredamento

 



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *