Biancheria da letto

Il letto è una parte importantissima del nostro benessere fisico e psichico, dato che vi passiamo circa un terzo della nostra vita e la qualità del sonno è fondamentale per la nostra salute. Ma non sono soltanto la base e il materasso a determinarne la buona qualità: il letto va vestito ed è anche la biancheria che gli mettiamo a contribuire alla qualità del sonno. Lenzuola, coperte, piumini, copri piumini: le scelte per vestire il uogo del sonno sono diverse a seconda delle stagioni e anche delle esigenze di ognuno di noi.

Biancheria da letto, come copriletto, lenzuola, plaid, coperte, federe

Gli elementi che servono a vestire un letto sono diversi; partendo dal più aderente al materasso fino al più superficiale:

  • Coprimaterasso
  • Lenzuolo con angoli
  • Lenzuolo senza angoli
  • Federe per i cuscini
  • Coperte
  • Piumini
  • Copriletto
  • Plaid

Tali elementi possono essere combinati tutti insieme, oppure se ne possono utilizzare solo alcuni, anche a seconda delle stagioni, combinati insieme o singolarmente.

Misure della biancheria da letto

Ognuno degli elementi sopraelencati è di solito disponibile nelle misure standard dei vari tipi di letto:

  • Matrimoniale, 160 o 180 cm di larghezza per il letto, circa 2 metri di larghezza per la biancheria
  • Una piazza e mezza o alla francese, 130 o 150 cm di larghezza per il letto, circa 170 cm per la biancheria
  • Singola, 80-90-100 cm di larghezza, circa 120 cm per la biancheria

Per le misure dei più piccoli, dipende dall’età e dalle conseguenti misure del lettino.

Per quanto riguarda la lunghezza, i letti vanno dai 190 ai 200 cm, quindi la biancheria dovrà essere necessariamente più lunga, in modo da avvolgere completamente il corpo senza lasciarlo mai inavvertitamente scoperto.

Quando si scelgono elementi per la biancheria da letto, occorre controllare accuratamente le misure solitamente scritte sulla confezione e sull’etichetta del prezzo: dobbiamo preventivamente conoscere però le misure del nostro letto, se non ne possediamo uno standard.

Coprimaterasso

Il coprimaterasso è un elemento che va inserito direttamente sul materasso, prima delle lenzuola, e serve a proteggere appunto il materasso dalla polvere e dai batteri, ma anche da sudore e altre sostanze che potrebbero penetrare e rovinare il materasso stesso.

Solitamente il coprimaterasso è in spugna ed è dotato dei cosiddetti angoli: gli angoli sono i punti in cui il coprimaterasso tramite un sistema di elastici, rimane aderente appunto agli angoli del materasso, in modo che tutto il coprimaterasso rimanga teso e attaccato in modo omogeneo a tutto il materasso.

In alternativa, il coprimaterasso può anche essere in cotone e chiudersi tramite dei lacci elastici, legati al di sotto del letto.

Oltre al coprimaterasso,sopra al materasso si può anche sistemare un rettangolo di tela cerata, tenuta insieme da lacci legati sotto il letto: la tela cerata, nel caso del letto per i bimbi o del letto di persone anziane, può prevenire l’assorbimento di urina da parte del materasso nel caso di “incidenti” notturni.

Lenzuola

Le lenzuola sono il vestito più importante del letto, perché costituiscono quegli elementi che saranno a diretto contatto con la nostra pelle e contribuiranno maggiormente al nostro benessere durante la notte.

Le lenzuola sono vendute in due modi:

  • Separatamente, il lenzuolo con gli angoli separato dal lenzuolo superiore e dalle federe;
  • Abbinate, il lenzuolo con gli angoli insieme al lenzuolo superiore e alle federe, con stessi colori, fantasie e tessuti.

Le lenzuola possono essere principalmente di quattro tessuti:

  • Lino
  • Cotone
  • Flanella
  • Acrilico

Lana e felpati possono completare l’imbottitura del lenzuolo. Ovviamente quando si parla di flanella, lana o felpati, si parla delle stagioni fredde, mentre il cotone e il lino sono invece indicati per le stagioni calde.

Anche la seta può essere una scelta estiva, ma naturalmente molto costosa.

Le lenzuola di un tempo, della nonna o della bisnonna, erano realizzate con tessuti grezzi, come appunto il cotone grezzo o la canapa. Nei corredi esistono ancora tessuti di questo genere, ma il consiglio è quello di utilizzarle soltanto per l’effetto estetico che creano (retrò, rustico) e non per il comfort: tali tessuti infatti risultano molto ruvidi e scomodi al contatto con la pelle.

Va da sé che i materiali artificiali possono costare meno di quelli naturali, ma il comfort di quelli naturali sulla pelle è indubbio: la lasciano traspirare e respirare in modo naturale e procurano un contatto piacevole e sano, mentre i materiali artificiali, come l’acrilico, restituiscono una sensazione il più delle volte stopposa e soffocante.

Lenzuolo con gli angoli

Il lenzuolo con gli angoli va messo sopra il coprimaterasso ed è un pezzo di stoffa (di un tessuto tra quelli elencati sopra) rettangolare, fornito di un sistema di elastici che rende il lenzuolo stesso teso e aderente al materasso. Il lenzuolo con gli angoli è la base su cui riposiamo, uno dei contatti diretti con la nostra pelle: più rimane liscio e teso, ma non rigido, più sarà confortevole il riposo sopra di esso.

Quando si sceglie di utilizzare anche il lenzuolo di sopra e non solo un copripiumino, il lenzuolo con gli angoli dovrebbe essere abbinato al lenzuolo superiore sia come tessuto che come colori e fantasie.

In alternativa, se si vogliono utilizzare copripiumini o lenzuola superiori vendute separatamente con fantasie particolari o create da noi, il lenzuolo con gli angoli può essere acquistato separatamente in colori neutri o comunque pastello, in modo che si possa abbinare un po’ con tutto, oppure in colori accesi che corrispondano al colore prevalente dell’elemento a cui andrà abbinato.

Lenzuolo superiore

Il lenzuolo superiore serve a creare un tramite tra la nostra pelle e le coperte oppure tra il nostro corpo e l’ambiente (nelle stagioni più calde). Da una parte quindi il lenzuolo superiore rimarrà a contatto con la pelle, dall’altra sarà il tessuto su cui si adageranno le coperte.

La parte che entrerà in contatto con la nostra pelle dovrà essere quindi la più morbida e confortevole, e anche la più calda nella stagione fredda.

Il lenzuolo superiore deve avere una dimensione necessariamente maggiore rispetto al lenzuolo con gli angoli e alle misure del letto stesso, in quanto una parte su ogni lato andrà a pizzicarsi sotto il materasso, avvolgendolo sui fianchi completamente, in modo che il nostro corpo possa come si dice “infilarsi” sotto le lenzuola ed esserne completamente avvolto, senza spifferi dall’esterno; nel lato corrispondente ai cuscini e quindi al nostro viso, il lenzuolo superiore andrà a formare un risvolto per evitarci il contatto diretto con le coperte, oppure potrà essere disteso sui cuscini per filtrare la polvere, quando andremo a rifare il letto e lo lasceremo a riposo durante le ore diurne.

Copripiumino

Se al posto delle coperte, preferiamo un caldo e morbido piumino, dovremo abbinarci necessariamente un copripiumino; quest’ultimo ha una doppia funzione: da una parte stare a contatto con la nostra pelle e offrirci il comfort adatto, dall’altra proteggere il piumino da sudore, polvere e batteri.

Solitamente il copr piumino è in cotone e lo si può trovare in colori e fantasie tra i più diversi, abbinati alle federe.

Il copripiumino è quindi una specie di sacco rettangolare, con un’apertura grande su un lato per far passare il piumino e spesso anche delle piccole aperture agli angoli per tirare il piumino e farlo rimanere ben disteso all’interno del copri piumino stesso.

Spesso i copripiumini sono double face: si possono cioè voltare da un lato o dall’altro, a seconda della fantasia che si preferisce in quel momento.

Rifare il letto quando si usa il piumino abbinato al copripiumino è più semplice: la fantasia del copripiumino infatti nella maggior parte dei casi è pensata per fungere anche da copriletto, per via dell’effetto estetico e per le sue dimensioni, di molto maggiori rispetto alle lenzuola normali. Rifare il letto col copripiumino, significa semplicemente tirarlo fin sopra i cuscini, in modo che li preservino dalla polvere; in pratica serve un unico gesto.

Lo svantaggio di utilizzare piumini e copripiumini sta invece nel fatto che infilare il piumino nel suo copri piumino non è semplice e i copripiumini sono anche solitamente piuttosto costosi; dovendo cambiare il copri piumino con la stessa frequenza di un lenzuolo superiore, va da sé che occorre averne almeno 3 o 4 per i ricambi settimanali e che rimane scomodo infilare il piumino nel suo copripiumino ogni volta che lo si cambia per lavarlo. Vale la pena però provare questa combinazione sia per la comodità invece nel rifare il letto, sia per il comfort nel dormire.

Federe

Le federe sono dei piccoli sacchi dello stesso tessuto di copri piumino o lenzuola (con stessi colori e fantasie oppure completamente differenti), al cui interno troveranno posto i cuscini su cui poggiamo la testa durante la notte. La funzione della federa è quella di preservare il cuscino da polvere e batteri e di creare un confortevole contatto con la nostra pelle.

La chiusura delle federe può essere:

  • A bottoni a pressione
  • A bottoni con asola
  • A laccetti da legare
  • A cerniera (più scomodo se la fredda cerniera viene a contatto con la pelle inavvertitamente)

Solitamente le federe vengono vendute a coppie per i letti matrimoniali e quelli a una piazza e mezza, singole per i letti singoli. A volte, con alcuni copri piumini o lenzuola, possono essere venduti in quantità doppia: 4 per i letti matrimoniali, 2 per i letti singoli, in modo da poter aggiungere uno o due cuscini abbinati al letto.

Copriletto

Il copriletto è un grande pezzo rettangolare di stoffa che serve a coprire appunto il letto, proteggendolo dalla polvere e vestendo il letto per il piacere degli occhi nel guardarlo. Ha dimensioni decisamente più grandi anche delle lenzuola, poiché solitamente deve coprire il letto su tutti i suoi lati, spesso fino a terra. Le fantasie e i colori del copriletto possono essere praticamente infiniti, così come i tessuti che lo costituiscono:

  • Cotone
  • Lino
  • Pizzo
  • Jeans
  • Lana
  • Seta
  • Raso
  • Velluto
  • Ciniglia

Può anche avere un’imbottitura interna, con relativa fodera, per fungere da coperta aggiuntiva oltre che da copriletto. Il “double face” può essere utilizzato esteticamente sia da un lato che dall’altro. Per la stagione calda, optare per copriletti più leggeri e freschi, in cotone o in lino.

I copriletti possono avere un valore aggiunto (come anche le lenzuola) quando sono ricamati o dipinti a mano oppure realizzati interamente o in parte all’uncinetto: come in tutte le cose il lavoro a mano vale più di quello fatto dalle macchine, ma si possono trovare anche decorazioni come ricami, disegni, stampe e uncinetti realizzati a macchina e meno costosi (la qualità sarà però minore). Nel corredo lasciato da mamme e nonne sicuramente ci sarà qualche pregiato lavoro a mano.

Biancheria del letto e stagioni

La biancheria del letto va scelta e cambiata anche a seconda delle stagioni e del clima.

Nella stagione fredda:

  • Scegliamo lenzuola più pesanti (lana, flanella, felpate)
  • Scegliamo un piumino con un grado di calore adeguato con relativi copripiumino da poter cambiare almeno una volta a settimana (frequenza con cui occorre cambiare generalmente anche le lenzuola tradizionali)
  • Scegliamo coperte pesanti corredate da plaid vari

Il letto della stagione fredda sarà quindi così composto:

  • Coprimaterasso
  • Lenzuolo con angoli e federe
  • Copripiumino e piumino oppure lenzuolo superiore e coperte
  • Copriletto e plaid

Nella stagione calda:

  • Scegliamo lenzuola di cotone o di lino o addirittura di seta
  • Scegliamo un piumino leggero con relativi copri piumini per la mezza stagione verso il caldo
  • Teniamo al fondo del letto una coperta di cotone per ripararci dalla brezza notturna nelle serate più fresche delle stagioni calde.

Il letto della stagione calda sarà quindi così vestito:

  • Coprimaterasso
  • Lenzuolo con angoli e federe
  • Copripiumino con piumino leggero o coperta leggera di cotone
  • Copriletto leggero (di cotone o di lino)

Coperte, piumini e plaid

Esistono in commercio tantissimi tipi di coperte, piumini e plaid, senza contare quelli fatti e lasciati da mamme e nonne nel corredo. Coperte, piumini e plaid sono tipici delle stagioni fredde.

I piumini hanno imbottiture e composizioni diverse, naturali o artificiali, con gradi di calore e/o freschezza diversi.

Le coperte, a seconda del tessuto di cui sono fatte, donano diverse gradazioni di calore.

I plaid, solitamente da tenere al fondo del letto, sopra al copriletto, anche come elementi decorativi e pronti per il riposo pomeridiano o per coprire le gambe seduti comodamente in poltrona o sul divano davanti alla televisione, sono coperte di pyle o di lana, di dimensioni ridotte rispetto alle coperte tradizionali, con colori e fantasie molto piacevoli.

Quali utilizzare e quando per avere il massimo del comfort durante il sonno o il riposo? Il discorso è piuttosto ampio e per avere consigli precisi si rimanda all’articolo di questo sito che ne tratta approfonditamente.

Siti internet sulla biancheria da letto

Il Lenzuolo
http://www.illenzuolo.it
Da oltre 30 anni è il punto di riferimento per chi cerca Biancheria per il letto delle migliori marche a prezzi estremamente convenienti

Martex Biancheria
http://www.martexbiancheria.it/public/shop/default.asp
Sito di vendita online di biancheria da letto e da arredo.

Bassetti
http://www.bassetti.it/
Lenzuola e biancheria di grande qualità.

Zucchi
http://www.zucchi.it/
Biancheria da letto in tante fantasie e qualità.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *