Arredare in stile shabby chic

Arredare in stile shabby chic rende la casa particolare e sofisticata e, sebbene si tratti di uno stile che allude chiaramente al rovinio del tempo sui mobili, è una maniera ricercata di circondarsi di oggetti luminosi, con un connotato antico. I dettagli shabby chic rendono una stanza piena di evocazioni del passato e la legano profondamente ad un tempo andato. La trascuratezza chic di questo stile ha conquistato le case di ogni paese e, negli ultimi anni, ha dominato anche le riviste del settore. Gli spunti sono infiniti e le occasioni per trovare i mobili adatti possono venire anche da situazioni inaspettate. Vogliamo scommettere?

Arredare in stile shabby chic

Shabby chic definisce un modo di fare design caratterizzato dall’apparente logorio del tempo. I due termini letteralmente si possono tradurre, rispettivamente con elegante e trasandato, cioè si tratta di una foggia, solo nell’apparenza, rovinata e trascurata, in realtà c’è un lavoro dietro volto ad ottenere proprio questo effetto. Arredare in stile shabby chic è diventato uno dei modi per regalare alla casa un’aspetto retrò, profondamente romantico, ma anche per renderla un’opera d’arte.

Come nasce il design shabby chic

Questo stile ebbe origine da un’arredatrice americana. La sua idea, che negli anni si è rivelata vincente, è di avvolgere i mobili in queste tinte sovrapposte dove, il logorio del colore che sovrasta il bianco ne lascia intravedere degli spazi e fa emergere un passato che si mescola al presente. L’idea è persino di scoprire, a volte, il legno nella sua forma grezza, di poter risalire, guardando un oggetto, alle sue fasi di lavorazione.

Colori e materiali dello stile shabby chic

Non solo lo stile dei mobili definisce questa tendenza, ma sono determinanti anche i colori che, rigorosamente spaziano in tutte le tonalità chiare, partendo dal bianco che la fa da padrone e che, rimane, comunque, lo sfondo di ogni oggetto, per arrivare al grigio molto molto tenue e, infine, al beige. I mobili per arredare in stile shabby chic sono, principalmente, in legno e la vernice bianca è passata in maniera slavata.

Ogni dettaglio, però, in una stanza contribuisce a definire uno stile shabby chic, anche i tessuti sono rigorosamente avorio o bianco e i complementi di arredo si allineano alla tendenza generale. Lampade, applique con legno semi grezzo alla base, decorazioni in pizzi, merletti, alzate,l’importante è che l’aria si inebri di un romanticismo di richiamo vittoriano.
Lo shabby chic si pone in contrasto con tutto ciò che rappresenta un modello di modernità, ma soprattutto vuole far sentire liberi tutti coloro che vivono questi oggetti. E’ un invito, per chi entra in casa, a sentirsi a proprio agio, non temendo di rovinare qualcosa di nuovo.

Uno stile non solo d’élite

Arredare in stile shabby chic può essere un lusso, gli oggetti sono costosi e non tutti hanno l’opportunità di poterli acquistare. Recuperando decorazioni e mobili si possono però, applicando la tecnica shabby chic, ottenere degli splendidi pezzi d’arredo. Potete poi frugare nei vecchi negozi dei rigattieri e trovare un oggetto al quale vorreste restituire nuova vita. Si può partire da qualunque suppellettile e dargli una patina shabby.

Come ottenere un mobili in stile shabby chic

La parte fondamentale, quando partite da un mobile di recupero o preso da un rigattiere, è carteggiare l’oggetto. La carta vetrata dovrà avere una granatura media. Scrostate la patina della vecchia vernice, ed effettuate il lavoro avendo cura di non tralasciare alcun dettaglio. Si tratta di riportare il mobile alle sue origine per poi trasformarle. Stendere un aggrappante sarà un altro valido aiuto perché farà aderire meglio il colore che andrete a stendere. Siamo al bianco, base di ogni lavoro. Stendete almeno due mani, aspettando fra la prima e la seconda che la vernice si asciughi. Scegliete una tinta in contrasto con il bianco e passarla accuratamente con un pennello, in modo da rendere l’oggetto perfettamente uniforme. Aspettate che la tinta si asciughi e carteggiate nuovamente il mobile sugli angoli, perché è lì che l’effetto del tempo si nota di più. Trasparirà il bianco e la seconda tinta apparirà un po’ sbiadita. Terminato il lavoro stendete il flatting per mantenere inalterato il lavoro fatto.

Dove acquistare complementi d’arredo shabby chic

Se avete deciso di arredare in stile shabby chic potete trovare numerose fonti di ispirazione. Ci sono riviste che si occupano prettamente di questo modo di arredare e sarà educativo sfogliarne alcune per carpire qualche segreto. Vi fornisco qualche titolo: “Idealhome”, della quale potete consultare anche il sito www.idealhomemagazine.co.uk , “Campagne decoration”, “Country homes & interiors”, “Country living”. Le riviste costano intorno ai quattro euro e non tutti gli edicolanti ne hanno disponibili. Se volete visionare gli oggetti con i vostri occhi potete visitare il negozio “Maisons du monde” che espone molti oggetti dal sapore antico. Potete acquistare su internet e qui sono infinite le possibilità, ma per citarne solo due vi consiglio di consultare il sito www.shab.it e www.lamaisonderose.it.

Per approfondire

Deastore

http://www.deastore.com/author/Rachel%20Ashwell.html

Troverete dei libri di Rachel Ashwell, la madrina dello stile shabby chic. Molti sono dedicati allo shabby chic interiors e vi aiuteranno ad addentrarvi meglio in questo design. I libri sono scritti in inglese.

Etnico outlet

http://www.etnicoutlet.it/Mobili-provenzali

Vendita online di oggetti di diverse fattezze. Nella pagina indicata trovate i mobili shabby chic.

La natura della bellezza

http://www.youtube.com/watch?v=ghiEQrY9Q2w

Un video dove viene illustrata la sequenza di fasi per trasformare un mobile stile classico in uno stile shabby chic.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *