Pensioni per animali

Quando si avvicina l’estate e si parte per le ferie ogni anno si ripresenta un problema: dove lasciare il cane o il gatto? Si possono portare in vacanza oppure le strutture ricettive prenotate non lo consentono o comunque il viaggio sarebbe troppo lungo e stressante per loro? Come scegliere una pensione per cani? Quali sono i requisiti necessari che queste pensioni debbano avere affinché la permanenza del nostro animale sia sicura e controllata? Quali documenti è necessario consegnare alla pensione e cosa ci viene richiesto?

Vediamo dunque di capire bene dove poter lasciare i nostri amici animali durante i viaggi per evitare che essi vengano abbandonati come purtroppo documentano ancor oggi le statistiche e i casi di cronaca.

Con questo articolo, noi di Guidaconsumatore.com cerchiamo di rispondere a tutte queste domande affinché si possa partire per una vacanza o per un impegno di lavoro tranquilli che l’animale che si è sempre accudito con amore e rispetto sia stato lasciato in un posto sicuro e con personale qualificato.

pensioni per animali

Pensione per animali quando andate in vacanza

Nel caso infatti tutta la famiglia si debba assentare e l’animale non può essere lasciato in custodia a un amico o a un parente che possa prendersene cura, le pensioni per animali sono una valida alternativa. Le pensioni per animali sono infatti strutture attrezzate non solo per tenere in custodia l’animale in assenza del padrone, ma offrono tanti servizi aggiuntivi come ad esempio toelettaura o corsi di addestramento per animali sportivi o che partecipano a concorsi di bellezza.

Il numero di animali che vivono nelle famiglie italiane si aggira attorno a 59 milioni tra cani, gatti, roditori, pesci e uccellini. La cifra più precisa riguarda naturalmente la presenza di cani nelle famiglie italiane in quanto sono gli unici animali domestici che hanno l’obbligo di essere registrati all’anagrafe. Basti pensare che i cani che vivono nelle case degli italiani sono ben 7 milioni e il numero dei gatti è circa maggiore circa 7 milioni e mezzo. Ai primi posti delle regioni italiane con il maggior numero di cani che vivono negli appartamenti ci sono il Piemonte, seguito dalla Lombardia e dall’Emilia Romagna.

Ogni anno però all’avvicinarsi dell’estate il numero di animali abbandonati è sempre elevato: oltre 10.000 sono i cani abbandonati nei mesi di giugno, luglio e agosto. Prima di decidere di prendere con sé un animale è bene valutare tutti gli aspetti che ne conseguono e se in alcuni periodi dell’anno non potremo prenderci cura di loro, le pensioni per animali sono una valida alternativa da prendere in considerazione.

Come aprire una pensione per animali

Amate gli animali e volete diventare imprenditori aprendo una pensione per animali domestici? Vi sarà molto facile se vi affiderete alle preziose informazioni di uno specifico kit per l’imprenditoria fatto davvero bene e che vi darà tutte le nozioni necessarie per partire con la marcia giusta e avere successo in poco tempo.

Come rendere meno traumatico il distacco dal vostro fido

Lasciare un animale in una pensione, anche se abbiamo la certezza che si tratti di un ambiente con tutte le caratteristiche necessarie ed idonee, comporterà comunque un periodo di stress per l’animale in quanto esso era abituato a vivere in un altro ambiente e in compagnia della famiglia che l’ha accolto in casa. Alcuni animali, ad esempio, all’inizio del distacco rifiutano il cibo, altri tendono a isolarsi, altri ancora cercano di scappare.

Ecco pertanto alcuni suggerimenti per rendere meno traumatico il distacco tra l’animale e la sua famiglia adottiva:

  • portare l’animale per un breve periodo presso la pensione prima della permanenza più lunga, così facendo esso si abituerà all’ambiente e al personale cosicché successivamente il distacco sarà meno traumatico
  • fare un sopralluogo per verificare di persona il luogo dove verrà lasciato l’animale e accertarsi dei servizi offerti
  • portare alla pensione cani o gatti alcuni oggetti familiari all’animale
  • preparare una lista di appunti utili per il custode e il personale della pensione per animali con eventuali indicazioni e suggerimenti utili sul comportamento e sulle abitudini dell’animale
  • far fare all’animale una visita di controllo prima di lasciarlo alla pensione per verificare il suo stato di salute

Come scegliere la pensione per animali

Scegliere una pensione per cani o gatti a volte può non essere facile anche perché in certi casi le pensioni possono trovarsi anche abbastanza lontano dalla propria residenza.

È comunque consigliabile non prendere soltanto i contatti telefonici, ma visitare la pensione di persona per accertarsi che tutte le condizioni e i servizi promossi siano reali. Verificare le condizioni della pensione e la professionalità degli operatori che la gestiscono o ci lavorano è infatti un diritto dell’utente.

Ecco alcuni importanti aspetti che è necessario verificare:

  • verificare che le dimensioni del box siano adeguate alle dimensioni dell’animale
  • accertarsi che tutte le condizioni igienico-sanitarie del luogo siano rispettate
  • essere certi che il cibo sia fresco
  • verificare che sia garantita la presenza o l’assistenza di un veterinario
  • assicurarsi che ci sia la presenza in loco di un responsabile 24 ore su 24
  • verificare che siano presenti aree verdi dove gli animali, naturalmente sotto controllo, potranno essere lasciati liberi di correre e muoversi per un po’ di tempo nel corso del loro soggiorno.

Misure del box

La misura del box è molto importante per accertarsi che il cane possa stare comodo e muoversi con facilità. Spesso i box sono suddivisi tra zona notte e zona giorno, questo per favorire il riscaldamento della zona nei mesi più freddi.

In genere si possono trovare box con le seguenti dimensioni.

Box per taglie medie e grandi:

  • zona notte metri 2×3,50
  • zona giorno metri 2×4

Box per taglie piccole:

  • zona notte metri 1,80×2
  • zona giorno metri 2×4

Nei casi di cani di piccole dimensioni si può a volte optare per far stare in unico box una coppia di cani considerando che spesso i cani di piccola taglia preferiscono stare in compagnia di un altro animale: è importante comunque valutare sempre caso per caso il comportamento e le abitudini dei singoli cani.

Documenti da portare

Una volta che si è scelta la pensione più adatta alle nostre esigenze e a quelle dell’animale è necessario preparare dei documenti da consegnare alla pensione.

I documenti più importanti da lasciare sono:

  • certificato di buona salute rilasciato dal veterinario
  • libretto anagrafico dell’Asl
  • libretto delle vaccinazioni
  • documento d’identità del proprietario dell’animale e documento che attesti la proprietà del cane.

Un altro documento utile da lasciare alla pensione è un foglio con le indicazioni sull’animale ed è molto importante perché in esso si dovranno indicare tutta una serie di suggerimenti e indicazioni che potranno facilitare il compito del personale della pensione per la custodia dell’animale.

Alcuni degli aspetti più importanti da segnalare sono:

  • abitudini alimentari del cane
  • anomalie o caratteristiche del comportamento dell’animale
  • indicazioni su eventuali farmaci da somministrare all’animale.

È bene inoltre portare con sé il numero di telefono della pensione e lasciare i propri recapiti cosicché in caso di necessità o urgenze sarà possibile rimanere in contatto con il personale della pensione.

Requisiti del cane per essere accettato nella pensione

Tutte le pensioni richiedono che il cane sia in possesso dei seguenti requisiti principali:

  • obbligo di vaccinazione
  • trattamento antiparassitario

Pensioni per animali e non solo cani

Dato che nelle famiglie italiane si sta sempre più diffondendo non solo la presenza di cani e gatti ma anche di tanti altri tipi di animali domestici, le pensioni sono sempre più attrezzate per tenere in custodia anche altri tipi di animali.

Alcune pensioni accettano non solo cani e gatti ma anche:

  • conigli nani
  • pappagalli
  • cavalli
  • asinelli
  • muli

Servizi offerti nella pensione per animali

Nelle pensioni per animali si possono trovare una gran varietà di servizi e per questo è bene verificare e cercare il tipo di pensione più adatta a rispondere alle proprie esigenze e a quelle dell’animale.

Tra i servizi che si possono trovare nelle pensioni per animali ci sono:

  • toelettatura
  • piscina per animali
  • box coibentati per l’estate
  • box riscaldati per l’inverno
  • sala parto e sala degenza
  • assistenza veterinaria
  • palestra per l’allenamento di cani sportivi o che fanno concorsi di bellezza
  • spazi all’aperto recintati per giochi e attività fisica giornaliera

Servizio a domicilio

In alcuni casi le pensioni per animali propongono anche il servizio a domicilio. In tal caso la pensione è dotata di veicoli con i quali gli animali possono essere prelevati direttamente al domicilio del proprietario e portati in pensione per essere ad esempio lavati, addestrati o tenuti in custodia per alcuni giorni. Una volta terminati i servizi richiesti l’animale verrà poi riportato direttamente a casa del proprietario.

Il servizio a domicilio è però un tipo di servizio offerto solo da alcune pensioni per animali pertanto se si è interessati è bene accertarsi se la pensione contattata lo preveda.

Quanto costano le pensioni per animali?

I costi delle pensioni per animali possono variare anche molto da caso a caso in quanto ogni pensione può offrire dei servizi diversi. In Italia ci sono oltre duecento pensioni e i costi variano ad esempio da 8 a 20 euro al giorno in base anche alle dimensioni ad esempio del cane, ai servizi offerti o richiesti, o al periodo del soggiorno dell’animale. A luglio e ad agosto, ad esempio, le tariffe possono essere più alte perché c’è maggiore richiesta. Non fidarsi troppo di prezzi eccessivamente bassi che potrebbero nascondere delle brutte sorprese come spazi ridotti, mancanza di personale qualificato o scarsità dei servizi offerti. Per questo è importante visitare la pensione prima di lasciarci l’animale e farsi fare un preventivo su misura.

Segnalazione abbandono animali

Purtroppo ancora oggi l’insensibilità e la superficialità di molte persone fanno sì che animali vengano abbandonati in particolare nel corso dell’estate, nel periodo delle ferie, quando la presenza dell’animale non è più gradita e diventa un impedimento per andare in vacanza. Questi sono comportamenti brutali e incivili. Per organizzare la nostra vacanza si possono scegliere alberghi, agriturismi, campeggi o spiagge dove anche gli animali sono ammessi oppure si può scegliere di lasciare l’animale a casa se c’è qualche persona fidata che se ne può prendere cura oppure ci si può rivolgere alle pensioni per animali dove l’animale potrà essere lasciato nel periodo in cui si parte per un viaggio oppure nel caso di un’assenza prolungata di tutta la famiglia per impegni di lavoro o motivi personali o di salute.

Nonostante ciò ogni estate il numero dei cani abbandonati supera i 10.000 casi. Inoltre i cani abbandonati che si aggirano sulle strade sono la terza causa di incidenti stradali: ogni anno infatti sono circa 4.000 gli incidenti stradali indirettamente causati da animali abbandonati che circolano per le strade e autostrade italiane.

Per questo è stato istituito il numero verde gratuito 800253608 per segnalare animali abbandonati o animali maltrattati. Il numero è stato istituito dal Comando dei Carabinieri in accordo con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio.

È attivo anche un indirizzo e-mail per sollecitare l’intervento dei carabinieri : cctass@carabinieri.it

Siti internet da consultare

Tuttocani.it
http://www.tuttocani.it/pensioni.htm
Portale dedicato agli amici dei cani dove poter reperire gli indirizzi di pensioni per cani suddivise per zone d’Italia: Nod-Ovest, Nord-Est, Centro Italia, Sud Italia e Isole.

ProntoFido.net
www.prontofido.it
Sito dove reperire tante informazioni sul mondo degli animali domestci: elenco di canili, adozione dai canili e gattili, adozioni a distanza, dogsitter, lista di alberghi, agriturismi e spiagge che accettano animali, forum con il veterinario per chiedere informazioni e suggerimenti. Nel sito è possibile trovare pensioni per animali suddivise per regioni e province.

Vacanze bestiali
www.vacanzebestiali.org
Sito dove poter trovare pensioni per animali e partecipare al “forum bestiale” dove poter scambiare consigli, suggerimenti ed esperienze su pensioni per animali.

Dogsitter.it
www.dogsitter.it/pensioni-per-cani.html
Sezione del sito Dogsitter.it dove è possibile consultare l’elenco delle pensioni per cani suddivise per regioni d’Italia.



Tags:

5 Commenti

  1. Agata
  2. Giovanni
  3. gagliassi sandro
  4. M.P
  5. Patricia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *