La manutenzione dell’acquario

La manutenzione dell’acquario è una pratica fondamentale per curare al meglio i vostri animali acquatici e per avere una vasca per pesci sempre ordinata e ben avviata senza bisogno di dover fare degli interventi per risolvere problemi che si possono presentare.

la manutenzione dell'acquario

La manutenzione ordinaria e periodica dell’acquario è importante per garantire una vita duratura ai vostri pesci, ma anche per poter avere una vasca che sia sempre pulita e ben tenuta, senza necessità di spendere tanti soldi. Vediamo dunque come dovrebbe svolgersi la manutenzione dell’acquario ogni giorno, ogni settimana, ogni mese ed infine ogni anno.

Come svolgere la manutenzione dell’acquario

La manutenzione dell’acquario ogni giorno

Bastano solamente 10 minuti al giorno per la cura del vostro acquario. Si tratta di una pratica che, per gli appassionati, è anche molto piacevole. Durante questo momento della giornata potrete comprendere lo stato di salute dei vostri pesci, valutare se la temperatura è nel valore corretto e se i pesci si alimentano e si comportano nel modo giusto. Il comportamento degli animali infatti è fondamentale per capire il loro reale stato di salute, quindi bisogna farci molta attenzione. Ricordatevi inoltre quando date da mangiare ai pesci di non eccedere, perché tutto il mangime che non viene consumato, va a fondo e inquina la vasca.

Inoltre state molto attenti a valutare che tutti mangino, spargendo il mangime in tutti gli angoli della vasca, affinché tutti i pesci (non solo quelli più grossi) mangino. L’osservazione dell’acquario quotidiana è importantissima anche per scoprire se ci sono dei pesci morti nascosti magari dietro qualche piantina acquatica o sotto un tronco. Se purtroppo scopri un animale morto non lasciare in acqua i resti del pesce, perché la decomposizione può provocare la formazione di sostanze tossiche aumentando di molto il livello dell’inquinamento e causando danni a tutti gli altri ospiti dell’acquario. Se il pesce trovato morto è piccolo e gli altri pesci sono abbastanza aggressivi, potrebbero anche mangiarlo, ma rimarrebbero comunque dei residui che devono essere eliminati per non andare ad inficiare l’equilibrio biologico dell’ambiente acquatico. Infine se nella vasca ci sono molte piante durante la manutenzione giornaliera rimuovete anche tutte le foglie morte osservate il colore e lo stato di salute delle piante perché potrebbero indicarvi com’è l’equilibrio generale dell’acquario.

La manutenzione dell’acquario ogni settimana

Una volta a settimana svolgete la sifonatura del fondo. Per prima cosa staccate tutti i vari contatti elettrici, poi infilate la mano nella vasca ed aspirate con l’attrezzo apposito tutto il materiale organico depositato tra i granelli del fondo. Spesso questa operazione è abbastanza difficoltosa soprattutto se avete messo un fondo sabbioso molto fine. In tal caso infatti rischiate di sollevare un grande nuvolone arrivando comunque a non pulire bene. Durante la manutenzione settimanale inoltre svolgete il controllo dei valori chimici della nostra acqua. Per farlo usate dei reagenti adatti che si trovano in vendita in qualsiasi negozio di articoli per animali. Se è necessario dovrete eliminare le alghe che spesso si formano lungo le pareti della vasca. Scegliete con attenzione lo strumento da usare. Infatti le calamite molto spesso graffiano tutti i vetri dell’acquario per via del materiale che si va ad infilare fra il vetro e la calamita. La soluzione migliore spesso può essere quella di usare una pezzetta in lana di perlon. Se regolarmente vi dedicate alla pulizia delle pareti dell’acquario, nel tempo eviterete di dover usare delle lame o dei raschietti.

La manutenzione dell’acquario ogni mese

All’inizio di ogni mese fate il cambio dell’acqua. I pesci infatti inquinano la vasca (a seconda del numero di pesci presenti nella vasca) e sporcano l’acqua. A imbrattare l’acqua dell’acquario troviamo il  mangime in eccesso, le foglie marce che non vengono rimosse e i pesci morti. Nei mesi estivi inoltre il cambio dell’acqua deve essere molto più frequente per poter compensare l’evaporazione più frequente. Inoltre preparate l’acqua sempre in anticipo e ponetela alla giusta temperatura in modo da non provocare uno sbalzo termico  ai pesci.

In questo momento dovrete testare pure le caratteristiche chimiche. Il cambio d’acqua di tipo standard solitamente è pari al 20% del volume totale dell’acquario. Date una controllata anche ai contatti elettrici, assicurandovi che siano in ordina e che non ci siano delle infiltrazioni nelle vicinanze. Se ci sono incrostazioni sui tubi eliminatele usando l’aceto, ma mai prodotti chimici che non devono andare nell’acqua!

La manutenzione dell’acquario ogni anno

Dopo un anno potrai rimuovere i neon T8 oppure T5, perché la loro durata è molto limitata e dopo un anno l’emissione della luce diminuisce causando danni alle piante. Se sostituite le luci mettetele dello stesso tipo, perché al contrario potreste causare danni alle piante. Controllate pure gli  areatori e le membrane. Assicuratevi sempre di installare una valvola di non ritorno sopra il tubo dell’aria perché in caso di qualche problema l’acquario potrebbe anche allagarvi casa. Smonta pure le pompe della circolazione, pulite bene ed ispezionate. Durante il periodo estivo poi è importante staccare sempre il riscaldatore affinchè non si alzi troppo la temperatura dell’acqua. Quando fa freddo ovviamente ricordatevi di attivarlo di nuovo.

Seguendo tutti questi consigli riuscirete ad avere un acquario sempre pulito ed in ordine e la vita dei vostri pesci durerà a lungo e sarà felice!



Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *