Tisane

La tisana è il classico esempio dei rimedi naturali che utilizzavano gli antichi, ma non solo! La tisana infatti è ampiamente utilizzata anche oggi per le sue qualità, che sono tante e diverse quanto sono tante e diverse le erbe e i fiori che vengono utilizzate per realizzarle. Se vuoi saperne di più su tutte le buonissime e salutari tisane che puoi regalare al tuo corpo, continua a leggere!

tisane

Tisane: per il benessere del corpo e della mente

Con le basse temperature invernali il desiderio di sorseggiare una bevanda calda, magari davanti la tv, aumenta. E allora, cosa prepararsi? Un caffè o una tazza di fumante cioccolato caldo? Nell’indecisione la tisana rappresenta una valida alternativa. Oltre che a soddisfare il palato, la bevanda a base di erbe dà infatti anche una mano all’organismo. Sotto forma di infuso, decotto o macerato, la tisana, ottenuta dalla miscela di due o più erbe, sfrutta le qualità curative delle piante consentendo, nei giusti tempi e dosi di somministrazione consigliati ad personam da un esperto, di alleviare piccoli disturbi.

Cenni storici sulle tisane

L’uomo ha imparato a servirsi delle piante medicinali osservando i comportamenti degli animali. Grazie infatti alla capacità di riconoscere foglie, bacche e germogli capaci di guarire la febbre, depurare l’organismo o neutralizzare gli effetti di alcuni veleni, gli animali hanno insegnato molto all’uomo. Tanto che col tempo le civiltà orientali e occidentali hanno iniziato a servirsi della natura per lenire o curare alcuni disturbi. Le prime testimonianze di uso di piante medicinali a scopo curativo risalgono a varie migliaia di anni prima della nascita di Cristo.

Poi con gli studi compiuti dai monaci, dalle scuole mediche, come quella Salernitana, dalle farmacie e dalle università si è iniziato a classificare le erbe e a suddividerle a seconda della loro efficacia. Secolo d’oro per l’indagine scientifica in campo erboristico e botanico è stato l’Ottocento. In questo periodo si scoprono le sostanze curative e i principi attivi contenuti nei tessuti vegetali capaci di intervenire positivamente nella salvaguardia della salute umana. Nasce la farmacognosia, la scienza che studia la validità terapeutica di sostanze contenute in foglie, fiori, radici o corteccia delle piante. Una volta ingerite, le pozioni, contenenti i principi attivi di ciascun componente vegetale, intervengono sul metabolismo umano, svolgendo azione farmacologica.

Questo perché le piante rappresentano una specie di unità curativa nella quale i singoli principi attivi costituiscono un insieme terapeutico chiamato fitocomplesso. Il potere terapeutico delle piante quindi non sta nella presenza dei principi attivi presi singolarmente, ma nella composizione del fitocomplesso, ovvero nella interazione che si crea tra singoli principi attivi, propria di ciascuna specie. Ragion per cui gli estratti di tessuti vegetali realizzati in laboratorio, incapaci di riprodurre il fitocomplesso, sono meno efficaci delle pozioni realizzate con le piante prese nella loro interezza.

Il fitocomplesso non si può riprodurre artificialmente, quindi, a volte i preparati già pronti quali tinture madri, realizzate con erbe e alcool, e macerati di gemme, preparati con alcool e glicerina vegetale, non sono più efficaci delle preparazioni estemporanee casalinghe, realizzate con l’acqua, il miglior solvente di alcuni principi attivi. Da ciò scaturisce che le preparazioni acquose come i decotti e gli infusi sono da preferirsi alle preparazioni apparentemente più prestigiose. La semplicità è spesso sinonimo di efficacia. Il migliore approccio terapeutico è dunque quello che non disdegna i medicamenti più modesti.

Che cos’è la tisana?

La tisana è una soluzione diluita di sostanze medicinali di origine vegetale. Un miscuglio di più piante insomma all’interno del quale troviamo: una o più erbe principali, a cui vengono attribuite proprietà terapeutiche (epatiche, depurative, digestive, sedative..), uno o più adiuvanti, ovvero le piante che integrano e ampliano l’azione dell’erba principale, ed eventuali complementi e correttori del gusto.

Mentre erbe principali e adiuvanti sono fattori indispensabili per la preparazione di una tisana, i complementi o costituens, erbe capaci di conferire un aspetto gradevole alla tisana, e i correttori del gusto o corrigens, che migliorano il sapore della bevanda, il più delle volte amara, hanno solo la funzione di ottimizzare le proprietà organolettiche della soluzione e per questo non sono indispensabili.

Gli erboristi, tuttavia, ne consigliano l’impiego laddove i soggetti abbiano difficoltà a ingerire quelle bevande più sgradevoli al palato. Ad ogni modo, sia i correttori del gusto che i complementi contribuiscono a rafforzare l’efficacia della tisana. E’ il caso di piante come la menta piperita, la liquirizia, l’arancio, l’anice e la lavanda. Queste piante, oltre ad avere proprietà depurative, digestive o sedative, sono in grado di rendere biodisponibili, ovvero immediatamente utilizzabili dall’organismo, i principi attivi delle erbe medicamentose usate per realizzare le pozioni.

Come si presenta la tisana al momento dell’acquisto in erboristeria

La tisana comprata in erboristeria può essere realizzata con erbe fresche o secche. E ciascuna delle droghe usate è spezzettata in piccole parti. Il grado di sminuzzamento è fondamentale perché influisce sull’efficacia della tisana. Più il taglio delle piante è regolare, più è facile beneficiare dei principi attivi in esse contenuti. Altro fattore importante è l’omogeneità delle erbe. Tutte le sostanze devono essere presenti in egual misura e non possono superare complessivamente il numero di cinque, pena l’inibizione degli effetti benefici sprigionati.

Le erbe hanno infatti il potere di interagire e influenzarsi. Motivo per cui non si possono mescolare più di cinque erbe e non si possono mettere insieme le parti dure delle piante, come le radici, i semi, la corteccia o il legno con quelle tenere quali fiori, foglie e parti erbacee. Ignorare l’equilibrio esistente tra le piante e le loro componenti vuol dire generare rallentamenti nell’azione del processo terapeutico desiderato.

Comprare la tisana al supermercato

Al supermercato la tisana è confezionata in bustine-filtro. Comode sì, ma secondo gli esperti, molto meno efficaci dei preparati venduti in erboristeria. Le bustine filtro contengono erbe meno pregiate delle pozioni di erbe vendute sfuse. Questo perchè le piante, prima di essere confezionate e messe in bustina subiscono diversi processi di frantumazione che comportano la perdita di principi attivi. Il consumatore deve quindi sapere che per gustare semplicemente una buona bevanda può acquistare le bustine filtro, ma se ciò che desidera è aiutare il proprio organismo sfruttando le qualità curative delle piante dovrebbe acquistare fiori e foglie sfusi, confezionati in estemporanea in erboristeria.

Decotto, infuso e macerato: come prepararli

Il termine “tisana” è usato genericamente per indicare le tre diverse modalità di preparazione di una delle bevande più consumate (si parla di quattrocento miliardi di tazze l’anno) e popolari al mondo. La tisana si può ottenere per:

  • infusione
  • decozione
  • macerazione

L’infuso si realizza versando acqua bollente su una miscela di fiori, foglie e parti erbacee di una pianta. Pochi minuti di riposo, rimestando di tanto in tanto, e la bevanda è pronta.

Il decotto, diversamente dall’infuso, viene preparato portando a ebollizione le parti più dure delle piante, ovvero corteccia, legno, semi e radici opportunamente tagliate. Dopo aver messo la miscela in acqua fredda, si porta a ebollizione il tutto lasciando sobbollire per una manciata di minuti. Prima di filtrare e bere, anche in questo caso, è consigliabile che la miscela riposi per qualche minuto. Osservando questa accortezza, infatti, si ha possibilità di giovare più a fondo dei principi attivi contenuti nelle piante.

Il macerato, infine, si ottiene mettendo le erbe in acqua fredda, meglio se in un contenitore di vetro ben tappato, e facendo riposare il tutto per un periodo di tempo consigliato dall’erborista.

Quali gli errori da evitare nel fare una tisana

Per beneficiare al meglio dei principi attivi contenuti nelle piante è bene tenere presente alcuni semplici suggerimenti. Per la preparazione del macerato mai mettere in posa le piante medicinali in contenitori metallici. I materiali consigliati per questo tipo di procedimento sono la porcellana o la ceramica. Entrambe devono essere smaltate e senza piombo.

Gli infusi e i decotti, invece, conservano tutta la loro efficacia solo se preparati poco prima di essere consumati. Una regola fissa, questa, per la stagione estiva che incontra qualche eccezione durante il periodo invernale. Se durante i mesi più freddi si prepara una quantità consistente di tisana, magari al mattino, per poi consumarla nel corso della giornata è bene riporre la bevanda in un recipiente ben chiuso, riscaldandone di volta in volta solo la quantità che si è deciso di bere.

L’ideale sarebbe scaldare la tisana a bagnomaria, o se questo non è possibile, avere almeno l’accortezza di non portare la bevanda a ebollizione.

Somministrazione delle tisane

Le tisane devono essere assunte con parsimonia, ovvero attraverso dosaggi controllati. Si parla di uno o due cucchiaini di composto da diluire in diversi grammi di acqua, a seconda della pozione da ottenere. I tempi di cura sono più o meno lunghi, a seconda della patologia da guarire. Ad ogni modo, chi sceglie di aiutare il proprio organismo con rimedi naturali deve fare i conti con gli effetti blandi delle cure. Il vantaggio sta nel ridotto numero di effetti collaterali che i medicamenti vegetali hanno rispetto alle medicine tradizionali.

Cinque consigli per un consumo intelligente delle tisane

1) Evitare di raccogliere autonomamente erbe da usare poi per la preparazione di tisane. L’operazione della raccolta, apparentemente semplice, deve infatti rispettare alcuni standard scientifici che attengono ai luoghi scelti per la selezione delle piante, allo stato di salute della vegetazione, alla stagione indicata per la raccolta (detta anche tempo balsamico), al trasporto delle erbe e alle modalità di essiccazione e conservazione delle stesse. Improvvisarsi esperto di botanica potrebbe voler dire commettere qualche ingenuità dannosa per la nostra salute.

2) Da ciò scaturisce la necessità di acquistare le erbe in farmacia o in erboristeria. Qui ciascuna pianta medicinale è stata preventivamente analizzata e reca con sé un dettagliato certificato di provenienza.

3) Una volta arrivata nelle nostre case, la tisana deve essere conservata in recipienti chiusi, ma non ermetici, e comunque lontano da fonti di luce e di calore. Ideali sono i luoghi freschi e asciutti.

4) La conservazione non deve comunque superare i sei-dodici mesi dalla data di acquisto.

5) Qualunque tipo di prodotto erboristico deve essere tenuto lontano dai bambini.

Alcune ricette per tisane benefiche

Tisane depurative

ovvero quelle in grado di sottrarre al sangue gli elementi nocivi. I depurativi vanno usati prima di cominciare qualsiasi cura:

Con un composto preparato in erboristeria, contenente 30 g di bardana (radice), 35 g di gramigna e 35 g di tarassaco, si può realizzare un decotto facendo bollire per 60 minuti un cucchiaio di miscela in 700 g di acqua. La tisana filtrata, dovrà essere bevuta, in quantità di una tazzina, per tre volte al giorno: al mattino a digiuno, verso le diciotto e alla sera, mezz’ora prima di coricarsi. E’ consigliabile sorseggiare la tisana ancora tiepida a piccoli sorsi. Il decotto può essere arricchito, a piacere, con succo di limone.

Con un composto preparato in erboristeria, contenente 20 g di betulla (foglie), 10 g di basilico, 10 g di prugnolo (fiori), 15 g di ortica (foglie), 10 g di fumaria, 10 g di menta piperita (foglie), 15 g di sena (foglie), 10 g di paritaria (pianta intera), si può realizzare un infuso mettendo in infusione per 20 minuti un cucchiaino di miscela in 400 g di acqua bollente, quindi filtrare. E’ consigliabile bere una tazza al mattino a digiuno e una verso le diciotto.

Tisane digestive

ossia quelle capaci di favorire la digestione. Le tisane digestive agiscono direttamente sullo stomaco e sull’intestino:

Con un composto preparato in erboristeria, contenente 15 g di arancio amaro, 15 g di basilico, 15 g di basilico, 15 g di melissa, 25 g di pesco, 30 g di trifoglio, si può realizzare un infuso mettendo in infusione per 20 minuti un cucchiaino di miscela in 200 g di acqua bollente, quindi filtrare. E’ consigliabile bere una tazzina dopo i pasti.

Con l’erba di San Pietro si può realizzare un decotto facendo bollire per cinque minuti 10 g di erba in 200 g di acqua. Il decotto filtrato va bevuto in quantità di una tazza, dopo i pasti principali. E’ consigliabile sorseggiarlo tiepido e con aggiunta di una fettina di limone.

Tisane sedative

ovvero quelle che agiscono sul sistema nervoso. Le pozioni sedative aiutano la concentrazione, migliorano il rendimento e distendono i soggetti nervosi:

Con un composto preparato in erboristeria, contenente 60 g di camomilla (fiori), 25 g di valeriana (radice in polvere), 15 g di genziana (radice in polvere), si può realizzare un infuso mettendo in infusione per 20 minuti un cucchiaino di miscela in 200 g di acqua bollente, quindi filtrare. E’ consigliabile berne una tazza al mattino a digiuno e una verso le diciotto. La tisana può essere condita con una fettina di limone e un cucchiaino di miele.

Con i petali di papavero si può realizzare un decotto facendo bollire per sei minuti 3 g di prodotto in 300 g di acqua. Il decotto filtrato va bevuto in quantità di uno o più cucchiai, a seconda delle esigenze, nel corso della giornata.

Tisane lassative

ossia quelle che stimolano la peristalsi intestinale e favoriscono l’evacuazione senza provocare diarrea o dolori addominali.

Con un composto preparato in erboristeria, contenente 40 g di liquirizia, 20 g di rabarbaro, 10 g di aloe, 10 g di anice, si può realizzare un macerato mettendo in acqua fredda per 30 minuti un cucchiaino di miscela in 150 g di acqua, poi filtrare. Il macerato va bevuto in quantità di una tazza al mattino a digiuno.

Con la corteccia di betulla si può realizzare un decotto facendo bollire per otto minuti 15 g di prodotto in 300 g di acqua. Il decotto filtrato ve bevuto a cucchiai al mattino, a digiuno.

Con un composto preparato in erboristeria, contenente 30 g di sambuco (fiori), 20 g di vilucchio (foglie), 25 g di viola mammola (fiori), 25 g di rosa (petali), si può realizzare un infuso mettendo in infusione per 30 minuti un cucchiaio di miscela in 300 g di acqua bollente, quindi filtrare. E’ consigliabile bere la tisana in due porzioni, metà al mattino a digiuno e metà alla sera, mezz’ora prima di coricarsi.

Quando le spezie usate in cucina diventano tisane

Anche i semplici (termine che un tempo indicava le piante da cui venivano ricavati decotti e tisane curative) coltivati sul balcone o nell’orto possiedono buone proprietà terapeutiche e possono essere usate per la preparazione di infusi, decotti e macerati.

Tra le piante consigliate per la preparazione di pozioni vi sono:

  • basilico
    che è antisettico, digestivo, antispasmodico, sedativo, dà sollievo all’emicrania e aiuta a calmare i sensi di vertigine
  • menta
    che è digestiva e rinfrescante, battericida, digestiva e combatte l’alito cattivo
  • timo
    che è antisettico intestinale, polmonare e urinario, combatte la fatica fisica e le affezioni dovute a raffreddamento, allevia i brividi e i dolori articolari
  • ulivo
    che è ipotensivo e ipoglicemizzante
  • rosmarino
    che è ipertensivo, rivitalizzante cellulare, cicatrizzante e antinfettivo, aiuta a prevenire le rughe e il raffreddore, lenisce l’asma, i reumatismi e i dolori muscolari
  • finocchio
    che facilita la digestione, combatte il gonfiore addominale e i disturbi del transito intestinale
  • salvia
    che stimola e regola l’attività della vescicola biliare e favorisce la longevità.

Tisane: efficaci ma non sostituiscono le terapie mediche tradizionali

Attenzione però a non considerare questi rimedi come panacee. Perché i prodotti erboristici se è vero che possono supportare le medicine tradizionali nella cura di alcune malattie, non devono sostituirsi ad esse. E allora va bene aiutare la peristalsi (motilità) intestinale con un infuso di semi di finocchio, o alleviare i disturbi influenzali sfruttando le proprietà antinfiammatorie di un decotto a base di chiodi di garofano, ma la cura di patologie serie deve essere sempre affidata ai farmaci tradizionali e al consiglio di un esperto.

No dunque alle cura fai da te.

Un uso sconsiderato di componenti vegetali può provocare, al contrario di quanto si possa credere, effetti indesiderati. Molte erbe sono infatti tossiche. Lo testimoniano le centinaia di studi clinici condotti negli ultimi anni. Un’assunzione eccessiva di prodotti erboristici in genere e di tisane, nello specifico, può provocare disturbi gastrointestinali, iper e ipotensione, nausea, tachicardia, stipsi, dolori addominali e reazioni allergiche. Impossibile trascurare inoltre le numerose interazioni che alcune piante hanno con determinate malattie e con diversi farmaci.

Un fenomeno, tutto sommato, normale, visto che le piante contengono principi attivi capaci di contrastare o potenziare l’azione dei farmaci, ma è sempre bene saperlo.

Tisane da evitare in presenza di malattie

Le erbe hanno controindicazioni ben precise per alcuni tipi di malattie, così come accade per i farmaci tradizionali. Ecco qualche esempio:

  • A chi ha problemi di diabete è sconsigliata l’assunzione di liquirizia.
  • Per la gastrite e l’ulcera invece sono da evitare la cicoria, l’assenzio, il tarassaco, la genziana e l’angelica.
  • Per l’insufficenza renale è fatto assoluto divieto per erbe come il sedano, l’asparago e tutti i diuretici.
  • Per l’ipertensione arteriosa sono da evitare piante come la liquirizia, il cardo mariano, l’efedra sinica.
  • A chi ha problemi di ipertiroidismo è sconsigliata l’assunzione di avena, fucus e laminaria.
  • Per l’ipotensione sono da evitare erbe come la betulla e tutti i diuretici.
  • Per l’ipotiroidismo sono da evitare erbe come la cardiaca e la melissa.
  • A chi ha malattie del fegato sono sconsigliate la borragine, la farfara, la liquirizia e l’eucalipto.
  • Per le malattie autoimmuni è da evitare l’echinacea.
  • Per problemi di coagulazione sono da evitare la china, il melitolo e l’aglio.
  • Per la sindrome premestruale è fatto divieto a erbe come la liquirizia e la salvia.
  • A chi è allergico all’aspirina sono sconsigliate tisane a base di betulla, pioppo e salice.

Tisane da evitare se si prendono farmaci

Alcune erbe possono inoltre interagire con i farmaci tradizionali potenziandone gli effetti o, al contrario, diminuendoli. Ecco le interazioni più frequenti indicate dagli esperti:

  • il ginkgo biloba interagendo con l’aspirina e altri anticoagulanti può provocare emorragia
  • la liquirizia interagendo con il cortisone può potenziare l’effetto dei farmaci, oppure associato ad anticoncezionali orali può provocare ipertensione e riduzione dei livelli di potassio;
  • il ginseng associato all’insulina e agli antidiabetici orali può provocare problemi di glicemia;
  • l’angelica sinensis associata a farmacianticoagulanti può provocare emorragia.

Link a siti web utili per sapere di più sulle tisane e per comprarle online

Tisane e benessere
Il sito offre tante ricette per la preparazione di tisane. Una vasta gamma di proposte per chi deve mantenere un regime dietetico ipocalorico, per chi ha necessità di depurare l’organismo, di rivitalizzare il proprio corpo o aiutarlo a superare piccoli acciacchi. Diverse sono le proposte di pozioni curative per artrite, bronchite, stitichezza, dolori mestruali, ma anche anemia, ansia e afte.

Natsabe: erboristeria professionale
Il più grande negozio italiano di erboristeria on line, che oltre a offrire informazioni su più di 120 erbe officinali usate per la realizzazione di bevande e prodotti erboristici, si occupa della vendita di tisane filtro, tisane sfuse e tisane specifiche per il trattamento di alcune patologie. All’interno del sito è possibile inoltre prendere contatti diretti e gratuiti con erboristi esperti per chiedere consigli sull’assunzione e la preparazione di tisane.

Aboca
Il sito appartiene all’azienda Aboca, leader in Italia nel settore del naturale. Aboca si occupa della coltivazione, del confezionamento e della distribuzione dei prodotti erboristici nelle farmacie e nelle erboristerie associate. L’azienda ha sede in Valtiberina Toscana, zona vocata già dal 1200 alla produzione di piante officinali. Il sito oltre a offrire consulenza scientifica a consumatori ed esperti, dà un elenco dettagliato di tutti i punti vendita, dislocati sul territorio nazionale, addetti alla commercializzazione di prodotti Aboca. Nei link prodotti e piante del sito è inoltre possibile consultare le schede tecniche delle più diffuse piante officinali e conoscere i prezzi relativi a ciascun prodotto

Tuttaunaltrastoria: bottega del commercio equo e solidale
Il sito offre informazioni sui prezzi di tè e infusi, provenienti da tutto il mondo, venduti dalle botteghe equo e solidali. Un modo per acquistare prodotti dando una mano ai paesi in via di sviluppo.Tutto per sostenere, con un sistema equo solidale appunto, la coltivazione di piante medicinali nei paesi del Sud del mondo



Potreste trovare interessanti anche questi articoli:





Questo articolo ha 15 commenti

  • Francesco scrive:

    Salve, ho acquistato quest’ottima tisana al caffè verde www saluteinerba.com/tisana-caffe-verde-e-zenzero.html

    Volevo sapere, il caffè verde fa meno male del comune caffè?

  • fra1481 scrive:

    Ho acquistato questa tisana molto buona saluteinerba.com/tisana-caffe-verde-e-bergamotto.html
    è a base di caffè verde e me l’hanno consigliata per eliminare il caffè. Vorrei sapere, come mai il caffè verde fa meno male del comune caffè. Grazie, francesco

  • tiziana scrive:

    Vorrei sapere se la tisana drenante dell’angelica una volta al giorno senza fare sospensioni, cioè tutto l’anno può nuocere i reni

  • luigi scrive:

    vorrei sapere a che beneficio fa prendendo l’infuso di basilico ,cosa cura e che benefici ho. grazie luigi

  • Alessio scrive:

    Salve, vorrei alcuni chiarimenti sull’assunzione di tisane sedative (per dolori muscolari causati da grave sindrome da stress) durante una cura a base di anticoagulanti. Grazie anticipo per la risposta e complimenti per il sito.

  • gianfranco scrive:

    salve vorrei sapere se facendo uso di tisane di salvia usando insulina lispro x il diabete possa essere tossica qualcuno mi ha detto che la salvia in tisana è pericolosa è vero? grazie

  • Veronica scrive:

    Salve vorrei sapere quante volte al giorno è consigliato prendere una tisana o the.grazie.

  • danila scrive:

    ciao io ho inziato una dieta x che sono in meno pausa mi a consigliato una tisana per drenare il mio dottore mi a dato anche delle pastiglie x che io trattengo i liquidi quante volte posso prendere la tisana al giorno io le pastiglie le prendo 1g si 1 no però vorrei evitare prendere pastiglie x che sto molto meglio prendendo la tisana grazie

  • Vito scrive:

    gentilmente volevo sapere quali sono le tisane piu’ adatte per obesita e ipertensione, da premettere che faccio uso di farmaci per ipertensione prescritti dal medico. Grazieee

  • Meabetter scrive:

    Ciao, rispondo perché non riesco proprio a smettere XD anche a te e ti invito a leggere la prima parte di questa pagina www liqueriziapura.it/liquerizia-benefici.htm.
    Di fatto tra le erbe che io conosco, le quali sono in grado di interferire con i rimedi contraccettivi c’è l’iperico o erba di San Giovanni. Rivolgiti, per stare più tranquilla ad un medico o al tuo ginecologo.

  • Meabetter scrive:

    É meglio bere tisane non più di due volte al giorno e negli orari consoni al loro scopo; tutto ciò per evitare assuefazione o che la bevanda perda i suoi benefici.

  • Meabetter scrive:

    Mi permetto di risponderti io.
    Di specifico per il diabete ci sono tre erbe in particolare: erica, galega ed il più usato mirtillo.
    www twenga.it/dir-Gastronomia,Caffe-Te-e-Tisane,Tisana-015253. trovi qui alcune confezioni da acquistare.

  • raffaele scrive:

    salve, gradirei sapere se c’e’ qualcosa di serio,tisane, ecc.. x aiutare il mio diabete, spesso ho la glicemia alta, faccio anche l’insulina grazie saluti

  • flavia scrive:

    vorrei sapere se la tisana, qualsiasi sia il tipo, puo essere usata in modo regolare? spesso? sempre? oppure bisogna sospendere l’assunzione. grazie

  • Antonella scrive:

    Salve vorrei alcuni chiarimenti per quanto riguarda la combinazione di anticoncezionali orali e liquerizia.Io da quando prendo al tisana alla liquerizia non ho più il ciclo regolare,sempre anticipato e strano,nonostante usi la pillola:Ma mi annulla l’effetto anticoncezionale?Un grazie anticipato

Lascia un Commento

Si prega di inserire solo commenti inerenti l'articolo e l'argomento trattato.