Come scegliere gli integratori per dimagrire

Per dimagrire, c’è poco da fare, è necessario che si bruci più di quello che si ingerisce: ma esiste qualcosa che può darci una mano a farlo?

Come scegliere gli integratori per dimagrire

Come scegliere integratori per dimagrire, panoramica

Per un organismo in buona salute – in caso di malattia purtroppo le cose non stanno così – riuscire a calare di peso è possibile solo se si cambiano alcune abitudini: mangiare di meno o muoversi di più (meglio ambedue) sono le parole chiave. Ma il mercato offre alcuni prodotti piuttosto interessanti che potrebbero aiutarci nello scopo: vediamo insieme dunque come scegliere integratori per dimagrire. Premettiamo che gli integratori per dimagrire di qualità non dovrebbero arrecare danni all’organismo ma questo se e solo se non si superano le dosi consigliate. Innanzitutto, per riuscire a capire come scegliere integratori per dimagrire è necessario interrogarsi sul loro meccanismo d’azione: vogliamo qualcosa che stimoli la digestione delle proteine (bromelina), qualcosa che agisca direttamente sulla tiroide (laminaria, fucus, prodotti a base di iodio), prodotti che aumentino la termogenesi (efedrina, caffeina, teobromina, sinefrina)? Oppure, ancora, tra gli integratori per dimagrire si annoverano anche i diuretici (che fanno si perdere peso sotto forma di liquido ma non permettono certo di bruciare grassi) oppure delle particolari sostanze che aiutano a dimagrire offrendo un maggior senso di sazietà durante i pasti, come chitosano, psillio, carragenina e molti altri ancora.

Attenzione ai rischi, però

Dalla rapida carrellata che vi abbiamo fatto avete già intuito che per riuscire a scoprire quali sono gli integratori per dimagrire di cui avete veramente bisogno è necessario avere le idee chiare: ad esempio, se fate molto sport e ritenete di avere un buon metabolismo però a tavola proprio non sapete trattenervi, allora più che prodotti che stimolino la termogenesi si renderanno necessari integratori che assunti prima del pasto impediscano abbuffate pericolose per la linea. Se invece la sensazione è quella di avere il metabolismo “bloccato” – ma andate sempre prima da un medico! – allora i termogeni o gli stimolanti la tiroide saranno gli integratori per dimagrire che fanno per voi. Adesso però, alcuni consigli: ogni tipologia di prodotto può portare ad alcuni effetti collaterali, anche gravi. Esagerare con i diuretici può portare a disidratazione e conseguente danno renale, assumere pasticche a base di fibre sazianti senza aumentare conseguentemente l’apporto di acqua può portare a fastidiosi disturbi gastrointestinali e al malassorbimento di alcuni minerali. I termogeni? A seconda della dose e della tipologia di persona che li assume possono avere effetti gravissimi: diarrea, mal di testa, gastrite, ipertensione, insonnia, fino a vere e proprie aritmie cardiache, perfino fatali. Infine un paragrafo a parte meritano quei particolari integratori che contengono iodio e si prefiggono di stimolare la tiroide: non è raro che, se assunti da persone che in realtà avrebbero una ghiandola dalla funzionalità più che normale, possano essere proprio loro ad alterarla, creando una situazione di paradossale ipotiroidismo che sicuramente non vi aiuterà a perdere kg, anzi.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *