Scegliere l’orologio da polso sportivo

Il tempo corre… nell’orologio al tuo polso! L’orologio serve per indicare l’ora, lo dice il nome stesso: dall’unione tra ‘hora’, ora, e ‘legein’, leggere. E’ un apparecchio pensato per misurare il tempo, o meglio il passare del tempo. L’esigenza è del resto comprensibile, perché il trascorrere delle ore scandisce le giornate, consente di organizzare la vita: è questa la motivazione alla base dell’invenzione dell’orologio, che non è peraltro moderna come sembra.

La sua storia è antica ma ancora oggi l’orologio è un accessorio indispensabile nella nostra vita quotidiana, sia per la sua funzionalità sia per il suo valore estetico. Scegliere l’orologio da polso sportivo oggi è però niente affatto facile, perchè lo si trova disponibile sul mercato in una infinita di varianti, realizzato in tantissimi materiali, sia preziosi che non, con gusti e fogge di ogni genere, e il loro prezzo varia da pochi euro alle decine di migliaia dei pezzi da collezione.

Ecco il motivo per cui scegliere l’orologio da polso sportivo è diventato complicato, per l’eccesso di scelta. Ecco dunque una guida tutta da leggere per essere sicuri di effettuare l’acquisto giusto e scegliere il modello adeguato al proprio stile e alle proprie esigenze.

Scegliere l'orologio da polso sportivo

Scegliere l’orologio da polso sportivo

L’orologio da polso nasce nel 1813, o meglio, compaiono i primi sistemi finalizzati a fissare sul braccio l’orologio da tasca, e in particolare per le donne vengono realizzati dei bracciali in grado di incorporarlo.

Nel 1900 i primi cinturini, le prime pubblicità sulle riviste e nel 1928 appare l’orologio al quarzo. Per quarzo si intende un cristallo che, vibrando in modo regolare secondo un automatismo meccanico, consente di calcolare il tempo. In questa fase il meccanismo si applica prevalentemente agli orologi da tavolo, perché è comunque ingombrante, ma dopo qualche decina di anni l’elettronica riesce ad armonizzarla con le caratteristiche degli orologi da polso, che salgono quindi di livello sotto il profilo della precisione.

In questi anni l’orologio inizia ad evolvere verso la dimensione di strumento di precisione, e arrivano quindi i cronografi pensati inizialmente per gli atleti, gli automatici da polso, i modelli per gli aviatori che rilevano il ‘punto aereo’ mentre si è in volo.

E, negli anni Sessanta, tecnicamente parlando, l’orologio al quarzo non è l’unico modello esistente: c’è la versione a transistor (costituito da un bilancere alimentato elettricamente) e c’è a versione a diapason (fondato sull’oscillazione di un componente in acciaio).

Fin qui le lancette sono state le protagoniste assolute dei quadranti, gli elementi fondamentali mediante i quali orientarsi per la lettura dello scorrere del tempo. Nel 1971 sono costrette a cedere lo scettro – anche se non in modo assoluto – al display a LED, ma si tratta comunque di una convivenza pacifica, nella misura in cui i display LCD coesistono con i tradizionali quadranti con le lancette.

A questo punto sul mercato è disponibile una varietà di modelli che raggiungerà livelli di sofisticazione sempre più avanzati nel corso degli anni: ai classici si accostano i tecnologici, quelli in cui ad un primo sguardo non si capisce nulla perché pieni di simboli, quelli privi di lancette, con il display completamente sgombro da riferimenti, ed è evidente che non esistono limiti per la creatività.

Il meccanismo alla base dell’orologio da polso  è ormai collaudatissimo e a volte la rilevazione dell’ora sembra diventata un accessorio rispetto alle caratteristiche sempre più avanzate degli apparecchi.

Orologio da polso

Come scegliere l’orologio da polso sportivo

L’orologio da polso è uno status symbol, indica l’appartenenza sociale e rappresenta per molti un vero e proprio indicatore di eleganza, di tendenza, di moda. Anche quello sportivo, seppur non paragonabile a quelli di lusso e di alta classe. Naturalmente il plus valore di un orologio sportivo piuttosto che di un altro si misura in base a numerosi elementi, a partire da quelli estetici quali il materiale del display, il tipo di cinturino, la marca. E poi in base alle caratteristiche funzionali, agli accessori, alle proprietà, ad oggi sempre più specifiche.

Ecco i modelli tra cui scegliere l’orologio da polso sportivo in riferimento alle varie funzioni accessorie.

  • Calendario
    sul quadrante è presente un indicatore numerico per indicare data e giorno (e a volte anche l’anno).
  • Cronografo
    è nato con una finalità pratica, per i settori militare e medicale, ed è diventato un simbolo. Il cronografo è un elemento essenziale dei modelli migliori, per le prestazioni aggiuntive che consente di ottenere.
  • Tachimetro
    presenta intorno al quadrante una scala per la misurazione della velocità media attraverso il computo del tempo e delle distanze pre-misurate. Tipicamente in presenza del tachimetro c’è anche il cronografo.
  • Subacqueo
    altra funzione molto richiesta, basata su una specifica misurazione dell’acqua. L’orologio diventa pertanto adatto ad affrontare docce, bagni in mare e in piscina, e immersioni subacquee.
  • A ripetizione
    oltre al quadrante, consente di conoscere l’ora mediante un sistema di suoni.
  • Con fusi orari
    è in grado di segnalare l’orario di ogni paese del mondo.
  • Indicatore delle fasi lunari
    è provvisto di un disco rotante che porta indicazione di tutte le fasi lunari.

Siti internet di aziende produttrici di orologi da polso sportivi

  • Swatch
  • Cronotech
  • Tissot – http://www.tissot.ch
  • Breil – http://www.breil.com/it/it_IT
  • Seiko – http://www.seiko.it
  • Sector sport watches – http://www.sectorsportwatches.ne


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *